ARTICOLO

Big Cat Tales: come catturare la fauna dell'Africa con le reflex digitali e Canon EOS C300 Mark II

Nella riserva nazionale Maasai Mara, un giovane leone maschio si rilassa mentre un gruppo di giraffe osserva. I fotografi Jonathan e Angela Scott ritengono che Maasai Mara sia il posto migliore al mondo per fotografare grandi felini e altri animali selvatici con la miriade di reflex digitali e obiettivi EF Canon. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 1/250 sec, f/9 e ISO500. © Jonathan and Angela Scott

Quando il tanto atteso seguito della serie Big Cat Diary del 1999 è andato in onda su Discovery Channel, i telespettatori hanno avuto una prospettiva completamente nuova su leoni, leopardi e ghepardi. La troupe originale, composta da Jonathan Scott e Angela Scott, ha usato le videocamere EOS Cinema e le reflex digitali Canon per filmare e fotografare più velocemente, avvicinarsi e mostrare il mondo dei grandi felini come mai visto prima nella serie Big Cat Tales.

"Ho sempre amato l'avventura e sono sempre stato avventuroso", rivela Jonathan Scott, "quindi l'Africa era esattamente quello che stavo cercando e mi ha offerto la possibilità di vivere una vita selvaggia". Insieme alla moglie, la collega Angela Scott, si è realizzato in ambito lavorativo come zoologo, ambientalista, presentatore televisivo di documentari sulla fauna selvatica e fotografo naturalistico pluripremiato.

Jonathan è nato e ha studiato nel Regno Unito, ma l'Africa è stata la sua casa negli ultimi 44 anni. Ha iniziato a presentare documentari sulla fauna selvatica all'inizio degli anni '80 e ha proseguito con programmi come Flamingo Watch (1995) e Big Cat Diary (1996-2008). Insieme ad Angela, ha anche prodotto 35 libri sulla fauna selvatica. Tuttavia, sia Jonathan che Angela hanno iniziato principalmente come fotografi e lo sono ancora oggi. Entrambi sono Canon Ambassador dal 2009 ed entrambi hanno vinto separatamente l'ambito premio Wildlife Photographer of the Year.

In questa intervista, Jonathan parla della sua passione per la fauna africana e per le videocamere EOS Cinema, le reflex digitali, gli obiettivi CN-E e gli obiettivi della serie L, che gli permettono di lavorare tutto il giorno, scattare in condizioni di scarsa illuminazione e catturare ghepardi in movimento a oltre 110 km/h.

A female lion and her two cubs walk beside a 4x4 car where two men lean out of its windows to film them.
La troupe ha girato la serie Big Cat Tales, delicata ai grandi felini, con gli obiettivi Canon EF 70-200mm f/2.8L USM e Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM, l'obiettivo zoom Cinema con innesto PL Canon CN-E 30-300mm T2.95-3.7 L SP e l'obiettivo servo cinematografico Canon CN20x50 IAS H E1/P1 per gli scatti all'aperto. © Jonathan and Angela Scott
Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

Cosa ti ha spinto inizialmente verso l'Africa?

"Sono nato in una fattoria nel Berkshire, in Inghilterra, e ho sempre amato stare all'aperto e studiare storia naturale. Ho studiato zoologia alla Queen's University di Belfast, Irlanda del Nord. L'amore per la natura e gli animali mi ha portato a seguire tutti i programmi sulla fauna selvatica in TV. Sono rimasto affascinato anche quando ho visto il film epico Nata Libera del 1966, la storia degli Adamsons e del loro tentativo di riportare la leonessa Elsa nella natura selvaggia del Kenya. Mi sono seduto lì pensando che è quello che mi sarebbe piaciuto fare: vivere con gli animali selvatici in Africa. Ero completamente rapito. Angie è nata in Africa (Alessandria d'Egitto) e all'età di quattro anni si è trasferita a Dar es Salaam in Tanzania. Quindi l'Africa e il safari sono sempre stati nel suo sangue, così come la fotografia.

"Nel 1974 ho attraversato l'Africa da Londra a Johannesburg e non mi sono mai voltato indietro. [Abbiamo scelto di girare Big Cat Tales in Kenya perché] amo il Kenya; la gente è molto cordiale e il Maasai Mara è semplicemente il posto migliore al mondo per fotografare una diverse specie di creature e uccelli selvatici, oltre a quei fantastici grandi felini".

A female lion swipes at a male lion with her paw, both of them scowling.
Jonathan dice di amare la fotografia dei grandi felini perché sono una combinazione da "la bella e la bestia". Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS-1D X e obiettivo Canon EF 200-400mm f/4L IS USM Extender 1.4x a 1/1250 sec, f/5.6 e ISO1250. © Jonathan and Angela Scott

Quando hai iniziato a lavorare professionalmente come fotografo?

"Quando sono venuto a vivere nel Maasai Mara nel 1977 ho iniziato a prendere la fotografia più seriamente. Spendevo ogni centesimo risparmiato su nuove macchine fotografiche e obiettivi. Angie e io abbiamo avuto la fortuna di affermarci attraverso libri best-seller come The Marsh Lions (1982) e The Leopard's Tale (1985), portandoci a commercializzare le nostre immagini tramite le raccolte di fotografie. Vincere il premio generale nel prestigioso concorso "Wildlife Photographer of the Year Competition" (io nel 1987 e Angie nel 2002) ha avuto un enorme effetto sulla nostra vita e siamo estremamente orgogliosi di essere l'unica coppia nella storia del concorso ad avercela fatta".

Cosa rende i grandi felini così speciali da fotografare?

"Penso che sia la combinazione da "la bella e la bestia" per i grandi felini. E sono così diversi: leoni, leopardi e ghepardi guardano e agiscono in modo differente. La combinazione della loro magnifica bellezza con quella elettrizzante esplosione di velocità e potenza mentre cacciano mi fa sentire così vivo. Suscita qualcosa nel profondo di me. Angie ama i leoni per la loro natura sociale, la sorellanza. Lei sente una particolare empatia, mentre io amo il leopardo solitario per la sua adattabilità e la sua capacità di vivere da solo. Ma quando si tratta di azione non c'è nulla che possa essere paragonato a un ghepardo che supera una preda a oltre 100 km/h o la titanica battaglia tra un branco di leoni e un bufalo".

Three adult elephants and two young elephants walk together in grasslands, with trees and other elephants in the background.
Oltre a leoni, leopardi e ghepardi, nella riserva nazionale Maasai Mara in Kenya, Jonathan, Angela e la troupe di Big Cat Tales hanno documentato le attività degli altri animali che vi abitano. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM a 1/400 sec, f/6.3 e ISO1000. © Jonathan and Angela Scott
A close-up shot shows a pelican’s eyes, beak and plumage seen straight-on.

Pellicani con personalità: i ritratti dal basso di Andy Rouse

Il Canon Ambassador Andy Rouse racconta di come ha ritratto l'indole estroversa dei pellicani della Dalmazia, una specie in via di estinzione.

Cosa c'è nel tuo kit fotografico?

"Entrambi amiamo usare EOS-1D X Mark II. Fornisce 12-14 fotogrammi al secondo in modalità di scatto con unità ad alta velocità per il formato RAW, e quando si scatta in azione è necessario disporre di ogni fotogramma possibile. Anche l'autofocus è ottimo, ideale per l'inseguimento di soggetti in movimento come aquile e ghepardi. La riduzione del rumore è di altissimo livello, anche se cerchiamo di non superare gli ISO2000. Ci piace molto anche EOS 5D Mark IV. Il touchscreen e il video sono eccezionali. Angie apprezza davvero tanto EOS 5DS R per la qualità dell'immagine. È ideale per i ritratti e i paesaggi e permette di catturare ogni dettaglio.

"L'obiettivo che uso più spesso è Canon EF 200-400mm f/4L IS USM con moltiplicatore di focale da 1.4x integrato. È così versatile. Offre praticamente tutto in un solo obiettivo, con un raggio d'azione reale e flessibilità nella composizione, inoltre è estremamente nitido con un buon IS. Mi piace anche Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM. Abbiamo pannelli di tela sul lato del veicolo di Angie con cerniere che le permettono di scattare dal basso; a volte usiamo anche il mirino Waist-Level Finder con le nostre macchine fotografiche.

"Angie utilizza Canon EF 600mm f/4L IS II USM e EF 800mm f/5.6L IS USM. Ama stare in intimità con i grandi felini senza disturbarli. Apprezza anche la versatilità di EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM. Può mettere a fuoco fino a un metro con risultati ultra nitidi e una stabilità dell'immagine ottimale. A volte Angie usa Extender EF 1.4x III con il 600mm, perché garantisce un'estrema nitidezza e la perdita di uno stop di luminosità non ha conseguenze perché si può aumentare l'ISO, se necessario. Per gli obiettivi più grandi, Angie usa due supporti video che scorrono su una guida installata sull'auto 4x4".

A cheetah sits in grass looking up at two giraffes walking by.
L'animale più alto guarda il più veloce: la composizione evidenzia quanto siano enormi le giraffe rispetto al felino più veloce del mondo. Jonathan parla così dell'obiettivo Canon EF 200-400mm f/4L IS USM Extender 1.4x utilizzato per scattare questa foto: "È così versatile. Offre praticamente tutto in un solo obiettivo, con un raggio d'azione reale e flessibilità nella composizione". Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS-1D X e obiettivo Canon EF 200-400mm f/4L IS USM Extender 1.4x a 1/500 sec, f/5.6 e ISO125. © Jonathan and Angela Scott

Hai lavorato alla serie Big Cat Diary dal 1996 al 2008. Com'è nata la tua nuova serie, Big Cat Tales?

"Abbiamo lavorato con il regista Abraham Joffe alla sua popolarissima serie Tales by Light nel 2016. Ci ha chiesto se eravamo interessati a lavorare a una nuova serie televisiva girata nella riserva di Maasai Mara. All'inizio abbiamo declinato l'invito, o meglio, abbiamo detto che ci avremmo pensato. Abbiamo entrambi più di 65 anni, ormai. Non smetteremo mai di lavorare o di essere fotografi, ma abbiamo pensato che fosse il momento di una pausa. Tuttavia, presto abbiamo cambiato idea. Data la popolarità di Big Cat Diary, sapevamo che c'era ancora grande interesse per le narrazioni naturalistiche di impatto incentrate sui grandi felini africani. Collaborando con Abe avremmo potuto creare una nuova serie dai solidi valori produttivi, uniti alla narrazione di impatto che è il nostro punto di forza".

Come vi siete divisi il lavoro di presentazione e acquisizione delle immagini?

"Sia io che Angela eravamo i presentatori, insieme al nostro amico Masai Jackson ole Looseyia. È importante che i kenioti si sentano legati al loro meraviglioso patrimonio faunistico, non solo per i suoi vantaggi economici, ma anche per il valore simbolico ed estetico, a prescindere dall'importanza ecologica. Portare Jackson a bordo è stato un vero e proprio passo avanti per la produzione, e ha dimostrato ai kenioti che possono aspirare a fare questo tipo di lavoro. Angie si è sdoppiata nel ruolo di fotografa di produzione e avvistatrice. Ha una tale esperienza che è stata la persona perfetta per il multi-tasking".

A female lion and three cubs play on the trunk of a tree that’s growing at a 45-degree angle. A camouflaged 4x4 car is beneath the tree.
Per filmare le riprese in auto dei presentatori in situazioni particolari come questa, la troupe ha utilizzato fotocamere Canon EOS C300 Mark II con obiettivi Canon EF 16-35mm f/4L IS USM, Canon EF 11-24mm f/4L USM, Canon CN-E 14mm T3.1 L F Cinema a focale fissa o Canon CN-E 24mm T1.5 L F. © Jonathan and Angela Scott
A low-angle shot shows a leopard’s head and front paws as it perches high up in a tree, blending in slightly with the dappled light from the treetop.
Jonathan rivela che il leopardo è il suo grande felino preferito per la sua adattabilità e la natura solitaria, che si riflette in questo scatto. Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 200-400mm f/4L USM a 1/320 sec, f/8 e ISO1000. © Jonathan and Angela Scott

In che modo le nuove tecnologie hanno cambiato il modo in cui è stata girata la vostra serie?

"La tecnologia delle telecamere è migliorata enormemente nei 10 anni trascorsi dall'ultima volta che abbiamo girato una serie come questa. La nuova serie ha un aspetto molto più cinematografico, con uno stile più epico, e l'uso di droni per catturare il paesaggio e le riprese in auto dei presentatori rendono la produzione contemporanea".

Quale kit Canon hai usato per filmare?

"La troupe di Abe ha usato fotocamere EOS C300 Mark II in ogni veicolo dall'angolo del presentatore. La gamma dinamica, le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione, la risoluzione 4K e l'XLR integrato hanno fatto di questa fotocamera un'ottima scelta. Gli obiettivi sono stati principalmente EF 16-35mm f/4L IS USM e anche EF 11-24mm f/4L USM per i luoghi davvero stretti. Abbiamo utilizzato anche obiettivi cinematografici, Canon CN-E 14mm T3.1 L F Cinema a focale fissa e CN-E 24mm T1.5 L F.

"Per gli scatti all'aperto, abbiamo usato gli obiettivi EF 70-200mm f/2.8L USM e EF 100-400mm f/4.5-5.6L IS II USM, nonché due straordinari obiettivi cinematografici: l'obiettivo zoom Cinema con innesto PL CN-E 30-300mm T2.95-3.7 L SP e l'obiettivo servo cinematografico CN20x50 IAS H E1/P1".

Three lion cubs walk along a fallen tree branch, the last cub chewing playfully on the tail of the cub in front.
Angela ama la natura sociale dei leoni, perfettamente evidenziata dai cuccioli che giocano in questa composizione semplice e suggestiva. I cuccioli di leone nascono con macchie per mimetizzarsi; queste macchie sfumano gradualmente con l'età ma rimarranno sul loro stomaco per tutta la vita. Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 600mm f/4L IS II USM a 1/500 sec, f/4.0 e ISO6400. © Jonathan and Angela Scott

Qual è stato l'obiettivo migliore per filmare la fauna selvatica in azione?

"CN20x50 IAS H E1/P1, che ha una lunghezza focale di 50-1000mm, è stata la risorsa più preziosa della nostra gamma di obiettivi. La sua distanza focale impareggiabile e l'estrema nitidezza hanno permesso di catturare anche il minimo dettaglio. Gli incredibili attributi di questo obiettivo ci hanno permesso di girare sequenze incredibili dei grandi felini, in particolare le scene di inseguimento del ghepardo".

Quali sono stati, per te, i momenti salienti della realizzazione della serie?

"Per me personalmente, è stato meraviglioso lavorare a una nuova serie televisiva. Mi piace molto il processo di creazione di un film, la narrazione, e il puro piacere di stare sul campo per settimane. Questo permette davvero di immergersi nella natura selvaggia e nel carattere individuale dei nostri grandi felini. Per Angie, passare del tempo con i nostri vecchi amici, i leoni della Marsh Pride, è stato un momento clou. Volevamo che i programmi fossero eccellenti dal punto di vista visivo e in termini di narrazione ed eravamo pronti a lavorare dalle 5 del mattino alle 8 di sera e oltre ogni giorno per raggiungere il nostro obiettivo. Abbiamo anche ricevuto un enorme aiuto e incoraggiamento dalle autorità keniote: tutti ci hanno dato supporto e gli ottimi risultati ne sono la conseguenza".

Scritto da David Clark


Il kit di Jonathan e Angela Scott

Il kit fotografico per safari

Photographers Jonathan and Angela Scott lean on the side of a camouflaged window, their Canon cameras with telephoto lenses set up in front of them, ready to photograph wildlife.

Fotocamere

Canon EOS-1D X Mark II

Grazie al sensore CMOS da 20,2MP full-frame ad alta sensibilità, al sistema Dual Pixel AF a 61 punti espanso e all'acquisizione di 14 fps, Canon EOS-1D X Mark II garantisce prestazioni leader della categoria. Jonathan dice: "Quando si scatta in azione, è necessario avere più fotogrammi possibili.

Canon EOS 5D Mark IV

Questa reflex full-frame da 30.4 MP cattura dettagli incredibili, anche con contrasto estremo, mentre la modalità di scatto continuo a 7 fps consente di inseguire il momento perfetto. "Il touchscreen e il video sono eccezionali", afferma Jonathan.

Canon EOS 5DS R

Il sensore CMOS full-frame da 50.6MP di questa reflex digitale è in grado di registrare immagini con un livello di dettaglio incredibile. Jonathan sostiene: "È ideale per i ritratti e i paesaggi e permette di catturare ogni dettaglio".

Obiettivi

Canon EF 100-400 mm f/4.5-5.6L IS II USM

Questo super teleobiettivo zoom versatile e compatto è dotato di uno stabilizzatore d'immagine a 4 stop e di ottiche di alta qualità che garantiscono una nitidezza eccezionale. Angie ne apprezza soprattutto la versatilità e il fatto che "si può mettere a fuoco fino a un metro con risultati ultra nitidi e una stabilità dell'immagine ottimale", rivela Jonathan.

Canon EF 600 mm f/4L IS II USM

Un super teleobiettivo con elevata capacità di ingrandimento dotato di tecnologia di stabilizzazione dell'immagine e grande luminosità, fino a f/4. Angie lo usa perché "ama stare in intimità con i grandi felini senza disturbarli", dice Jonathan.

Moltiplicatore di focale per obiettivi

Canon Extender EF 1.4x III

Questo compatto moltiplicatore di focale incrementa la lunghezza focale di teleobiettivi e obiettivi zoom Canon serie L di un fattore 1,4x, mantenendo una messa a fuoco automatica molto precisa. Jonathan dice che Angie lo usa perché: "Garantisce un'estrema nitidezza e la perdita di uno stop di luminosità non ha conseguenze perché puoi aumentare l'ISO, se necessario".

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora