FILMMAKING

Partecipare ai festival cinematografici:
quali requisiti deve avere un documentario per essere selezionato?

Spesso i registi trascorrono mesi o perfino anni lavorando al progetto per un documentario, ma come si assicurano che venga visto dal maggior numero possibile di spettatori? Il Canon Ambassador Marcel Mettelsiefen condivide quanto appreso durante la sua esperienza nel circuito dei festival con il suo cortometraggio documentario nominato agli Oscar, Watani: My Homeland.
Un uomo su una collina con una fotocamera Canon montata su un treppiede. Una città tentacolare si estende in lontananza alle sue spalle.

Il cortometraggio documentario su una famiglia in fuga dalla guerra in Siria è valso per il regista Marcel Mettelsiefen una nomination agli Oscar nel 2016. Il suo ultimo progetto è incentrato sui talebani in Afghanistan. © Marcel Mettelsiefen

Ogni anno, festival cinematografici di piccole e grandi dimensioni mostrano i lavori di molti nuovi e talentosi registi e cineoperatori. Da Cannes al Sundance, da Berlino a Toronto, i festival propongono al pubblico centinaia di nuove storie e personaggi per il nostro intrattenimento e per arricchire la nostra visione del mondo.

Il regista di documentari tedesco e Canon Ambassador Marcel Mettelsiefen stava già lavorando al suo film Watani: My Homeland quando scoprì dell'esistenza dell'Oscar al miglior cortometraggio documentario. Avendo ricevuto diversi premi televisivi grazie al suo documentario sul conflitto in Siria, Marcel voleva mettersi alla prova per replicare il suo successo nel settore cinematografico.

Per poter partecipare al premio, tuttavia, era necessario che lavorasse in fretta: i film dovevano essere già stati proiettati in una sala statunitense qualificata o aver vinto un premio valido per la qualificazione in occasione di uno dei festival specificatamente indicati in lista (o ancora, aver vinto una medaglia per i premi agli studenti degli Oscar). "Le strade sono due: passare per altri festival oppure mandare la candidatura e organizzare una proiezione cinematografica nelle sale per un paio di settimane", spiega Marcel. "Sono entrato nella rosa dei candidati e da quel momento ho iniziato a essere contattato e a ricevere supporti finanziari per organizzare le proiezioni. Le persone sono disposte a supportare un'idea in cambio di ricevere crediti come produttori cinematografici", aggiunge. "[Per loro] è una mossa intelligente, dato che si può essere nominati agli Oscar!" Ovviamente, il film di Marcel su una famiglia siriana sulla linea del fronte ad Aleppo si sarebbe fatto strada per una nomination agli Oscar 2016 come Miglior documentario (cortometraggio).

"Non importa davvero chi sei o quanta esperienza hai, ciò che conta davvero è la storia", spiega Marcel. "Se stai pensando di partecipare a un festival, devi chiederti se hai scelto l'argomento giusto. Ha il potenziale per avere una grande risonanza? Se la risposta è sì, se la tua storia è unica e universalmente condivisibile, credici e persevera".

Sei anni dopo la sua nomination, l'ultimo lavoro di Marcel (ancora senza nome al momento in cui questo articolo viene scritto) verrà proiettato in prima visione in occasione del Toronto International Film Festival (TIFF) 2022, che avrà luogo la prima settimana di settembre e per il quale si pianifica una prima mondiale su Netflix.

In questo articolo Marcel condivide quanto appreso durante la sua esperienza nel circuito dei festival con Watani: My Homeland. In particolare, Marcel e Aron Randhawa, Product Specialist di Canon Europe, analizzano i principali elementi tecnici e pratici della regia alla base di ogni storia pensata per i festival, nonché i requisiti a cui i documentaristi devono rispondere per partecipare.

Ascolta altri commenti di Marcel in questo episodio del podcast Shutter Stories di Canon:

Una ragazza inginocchiata di fronte a una finestra aperta con lo sguardo rivolto verso l'esterno, che tiene tra le mani un cuscino con motivi.

Watani: My Homeland è la storia di una famiglia siriana che fugge dai bombardamenti ad Aleppo per iniziare una nuova vita in Germania. © Marcel Mettelsiefen

Una donna abbraccia sua figlia mentre siede sul sedile posteriore di un veicolo che sfreccia su un'autostrada visibile dal finestrino in una giornata piovosa.

Marcel stava già lavorando con la famiglia del Comandante Abu Ali quando il conflitto si inasprì e il mondo intero puntò gli occhi sulla Siria. Dopo la cattura di Ali da parte dell'ISIS, sua moglie e i suoi figli presero la difficile decisione di lasciare il paese. © Marcel Mettelsiefen

Trovare una storia di attualità

La storia regna sovrana, ma per essere selezionati ai festival è necessario che il pubblico sia affamato di tale storia, il che solitamente significa documentare un problema di attualità riportato dai giornali di tutto il mondo. Marcel è stato con la famiglia siriana ritratta nel documentario per 18 mesi prima che la guerra nel paese si inasprisse, e aveva già realizzato centinaia di ore di riprese sulla linea del fronte.

Il suo film ha vinto il premio Pare Lorentz degli IDA Documentary Awards e il titolo di Miglior documentario in occasione del Deutscher Fernsehpreis (Premio della televisione tedesca), oltre a essere stato nominato per l'IDFA (International Documentary Film Festival Amsterdam), che lo ha traghettato alla nomination agli Oscar.

"Una nomination agli Oscar apre le porte al grande cinema per le storie che creiamo", afferma Marcel. "Stiamo attraversando un momento in cui vi è un'enorme spinta ai prodotti documentaristici. I budget diventano più generosi, il pubblico guarda più documentari rispetto al passato e, per chi lavora da solo come me, raccontare storie con un aspetto più cinematografico è diventato possibile grazie ad apparecchiature come Canon EOS C300 Mark III".

Eppure, ci sono voluti cinque anni per trovare il grande progetto successivo a cui dedicarsi. "Ho iniziato a lavorarci nel 2020 e sono tornato dall'Afghanistan con accesso ai talebani e a una forte guida femminile. Ho pensato che questa storia era destinata ad avere una grande risonanza. Ma poi è iniziata la pandemia [Covid-19] e nessuno si è più interessato all'argomento.

"Io però credevo nella storia, ho continuato a lavorarci, e nel 2022 Kabul è caduta diventando la nuova notizia del momento", continua. "La finestra temporale di interesse delle persone ha una durata molto breve. Bisogna capire cosa funziona e cosa no, quindi scegliere il progetto giusto e continuare [a lavorarci]".

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Possiedi un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.

Controllare tutto minuziosamente

Come se trovare una storia universalmente coinvolgente e allineata a un fatto di attualità di interesse globale non fosse già abbastanza difficile, i documentaristi devono attuare una strategia per far sì che il proprio film venga inserito in un calendario di proiezioni già ricchissimo. Attenersi ai requisiti tecnici e pratici è di fondamentale importanza e bisogna fare alcune ricerche prima di condividere pubblicamente il proprio lavoro. "Ogni categoria presenta dei requisiti e delle condizioni di base per l'idoneità a partecipare", spiega Marcel. "I cortometraggi documentario non possono avere una lunghezza superiore ai 40 minuti, per questo abbiamo realizzato il nostro usando 39 minuti e 30 secondi! Inoltre, non è consentito integrare più del 15% di riprese già pubblicate altrove".

La scadenza per presentare la propria candidatura in genere è tre mesi prima dell'inizio di ogni festival. Se l'obiettivo è partecipare a premi prestigiosi come gli Oscar, è necessario sapere quali premi di festival aprono le porte alle qualificazioni dei film. Degli oltre 7.000 festival cinematografici in tutto il mondo, circa 100 sono considerati qualificanti: il loro elenco è pubblicato sul sito Web degli Academy Awards. In alternativa è possibile presentarsi dopo aver proiettato il proprio film per almeno una settimana nei cinema, mossa che può costare una fortuna.

Inoltre, non si può indugiare troppo a lungo sul progetto. In genere è presente una clausola che richiede che la domanda venga inviata entro due anni dal completamento del progetto. Di conseguenza, essere proattivi è fondamentale. "Se pensi di avere per le mani un argomento straordinario e universalmente condivisibile e di essere in grado di creare una strategia di marketing per proporlo, pianifica una campagna d'impatto e fai sentire la tua voce. Potresti avere ottime chance di accedere ai più prestigiosi festival", spiega Marcel.

Un uomo indossa un giacchetto color cachi e una sciarpa, mentre riprende con una telecamera cinematografica Canon montata su un treppiede.

"In un mondo sovraccarico di informazioni, credo che ciò che sono in grado di fare con i documentari specialistici sia creare un immaginario con cui le persone possano relazionarsi e che possano capire", spiega Marcel. "Nonostante le zone di guerra possano sembrare un universo molto lontano per le persone normali, possiamo entrare tutti in connessione grazie alle tematiche globali: è questo che voglio mostrare". © Marcel Mettelsiefen

Soddisfare i requisiti tecnici

Nonostante quanto si possa pensare, i requisiti tecnici sono fattibili per la maggior parte dei registi, anche per la partecipazione ai prestigiosi Oscar, per i quali si richiede di inviare file in formato DCP (Digital Cinema Package) con una risoluzione immagine minima di 1920 x 1080 pixel e audio a tre canali (sinistra, destra e centro). La maggior parte dei festival sono più permissivi. Tutte le fotocamere Canon Cinema EOS e la maggior parte delle fotocamere ibride Canon registrano video 4K, che consentono ampiamente di soddisfare i requisiti della gara.

"In passato i festival richiedevano specificatamente 24 fps, ma oggi sono molto più permissivi: i partecipanti possono presentare proiezioni HD in digitale o in formati fisici come pellicole analogiche, DVD o perfino VHS", spiega Aron. "Molti festival non richiedono il formato 4K per via del crescente numero di concorrenti e dei requisiti di archiviazione per grandi volumi di dati necessari per elaborarle i loro prodotti".

Bisogna tenere a mente però che proiettare il proprio film in occasione di un festival può aprire ad altre opportunità, come ad esempio richiamare l'attenzione di emittenti televisive e servizi di streaming, che possono talvolta prevedere requisiti diversi. Se il documentario di Marcel fosse stato solamente in alta definizione per la partecipazione ai premi dei festival, non avrebbe potuto concederlo in licenza a un servizio di streaming richiedente una qualità 4K, ad esempio. Le modifiche possono essere esportate in una qualità minore, ma è molto più difficile seguire il processo contrario.

"Le riprese dei documentari dovrebbero essere in formato 25p per rispettare lo standard video PAL delle televisioni della regione EMEA, mentre per una regione diversa come gli Stati Uniti, lo standard video è il formato NTSC da 30p", spiega Aron. "Per questo motivo, che si aggiunge all'era digitale in cui stiamo vivendo, la maggior parte dei festival di oggi è più permissiva per quanto riguarda il frame rate. Ciononostante, il formato da 24 fps ancora corrisponde allo standard del settore per la cinematografia tradizionale e le uscite nelle sale, che si tratti di un corto o di un lungometraggio.

Un gruppo di giocatori di basket si riunisce sul campo intorno al loro allenatore. Vengono ripresi da tre filmmaker con videocamera e microfono che si trovano lì vicino.

Sport e cittadinanza italiana in primo piano con EOS C300 Mark II

La produttrice Francesca Tosarelli e il regista Mohamed Kenawi si sono affidati a Canon Cinema EOS per le riprese del loro avvincente documentario sulla squadra Tam Tam Basketball.

"Diversamente dagli altri marchi, le fotocamere Canon di oggi offrono il formato 24p indipendentemente dal fatto che si tratti di videocamere cinematografiche o della maggior parte delle nostre fotocamere mirrorless. Ci sono ancora dei festival i cui requisiti sono molto specifici".

Sfruttare al massimo la qualità Canon

Le videocamere Canon Cinema EOS e la maggior parte delle fotocamere ibride Canon superano i requisiti tecnici richiesti per la partecipazione ai festival. I registi possono approfittare della risoluzione aggiuntiva e quindi esportare le modifiche nella risoluzione richiesta dal festival specifico.

"Sebbene la maggior parte dei festival cinematografici richieda ancora una qualità Full HD o inferiore, il formato 4K offre maggiore libertà in termini di utilizzo di tale risoluzione per le produzioni ad alta definizione", spiega Aron. "Uno zoom digitale consente di ottenere un effetto cinematografico o di ingrandire l'immagine senza perdita di risoluzione. È utile anche quando il budget è ridotto e non è possibile utilizzare uno stabilizzatore. Il formato 4K offre un margine superiore per tagliare l'immagine per le produzioni HD e per stabilizzarla in post-produzione".

Marcel concorda, specialmente ora che lavora nuovamente in solitaria al suo ultimo progetto con la videocamera Canon EOS C300 Mark III. "Il mio obiettivo rispetto a Watani era di migliorare e sviluppare la mia arte cinematografica", racconta. "Ho ripreso nei formati 4K RAW e Canon Log per ottenere la massima qualità possibile da EOS C300 Mark III. Vengo dal mondo della fotografia e riprendo tutto da solo, cercando di creare un linguaggio visivo di tipo cinematografico.

"Canon è estremamente affidabile anche nelle condizioni più estreme", aggiunge. "Si può registrare in 4K con grandi quantità di dati e di proxy allo stesso tempo, nonché gestire questi dati in modo efficiente dopo 14 ore sul campo. L'estesa gamma dinamica è estremamente utile nei paesi del Medio Oriente dove il contrasto in estate è molto elevato. Grazie ai filtri ND integrati è possibile ottenere effetti cinematografici anche senza usare una gran quantità di apparecchiature. È fantastico".

Marcel crede che i documentari svolgano un ruolo cruciale nel semplificare le storie complesse e nel connettere lo spettatore a livello emotivo con una problematica. "Gli spettatori capiscono che le persone non sono poi così diverse", spiega. "Watani riguarda la storia di una sola famiglia, ma la sua cornice è quella di un contesto più ampio. Come cineoperatore singolo, lavorando con EOS C300 Mark III posso raccontare storie dall'aspetto cinematografico. È questo il motivo per cui i documentari stanno avendo una maggiore risonanza nel pubblico".

Scritto da Tim Coleman


Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro