ARTICOLO

Redline Challenge: i suggerimenti dei professionisti sulla fotografia notturna

Quattro Canon Ambassador spiegano perché scattare in condizioni di scarsa illuminazione è l'occasione perfetta per spingerti oltre i confini della tua creatività, in qualsiasi genere.
Due giovani si rilassano su un letto di pallet con sopra una coperta arancione. Una pianta getta ombre marcate sulle pareti gialle.

In questa scena con scarsa illuminazione che ritrae una coppia libanese che si rilassa su un letto a Furn el Chebbak, Beirut, la fotoreporter e Canon Ambassador Aline Deschamps ha bilanciato l'illuminazione disponibile e le luci artificiali (candele, flash dei telefoni) per creare un'atmosfera suggestiva. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24 mm, 1/15 sec, f/3.2 e ISO2500. © Aline Deschamps

Scattare in condizioni di scarsa illuminazione non è facile, e questo vale tanto per i fotografi professionisti quanto per i dilettanti. Quando i professionisti lavorano su commissione, devono creare contenuti, con o senza luce, e consegnare un corpo di lavoro coerente e di alta qualità per soddisfare i clienti. Quando la luce scompare, c'è poca differenza tra catturare intensi scatti di fotogiornalismo per il New York Times, fotografare all'aperto in Lapponia nel bel mezzo dell'inverno o scattare foto di moda nel relativo comfort di uno studio. In tutti i casi, i fotografi professionisti devono essere abili nel superare gli ostacoli di illuminazione che si trovano ad affrontare.

Come ci riescono? Quali consigli possono dare a chi sceglie di affrontare la Redline Challenge, che invita i fotografi di tutto il mondo a spingersi oltre i limiti di creatività e tecnica esplorando il rapporto tra luce e oscurità? Abbiamo parlato con quattro Canon Ambassador che lavorano in diversi generi fotografici per chiedere informazioni sugli scatti nelle condizioni di illuminazione più difficili: due fotografe documentariste di fama internazionale, Aline Deschamps, del Libano, e Tasneem Alsultan, dell'Arabia Saudita; Eliška Sky, una fotografa di arte e moda pluripremiata di Londra; e Valtteri Hirvonen, un fotografo naturalista finlandese. Ogni professionista ha condiviso i propri suggerimenti per affrontare "Light in the Dark", mostrandoci come i problemi dati dalla scarsa illuminazione possano essere superati dai fotografi di qualsiasi genere.

Per ulteriori consigli e approfondimenti, non perderti i video dei Canon Ambassador nella playlist Redline Challenge di YouTube.
Una donna che indossa un dolcevita nero guarda nell'obiettivo, illuminata di lato e in piedi davanti ad alberi frondosi che proiettano ombre sul muro dietro di lei.

Posizionando la luce artificiale all'esterno, Aline Deschamps ha creato un'atmosfera drammatica e di suspense con le ombre in questo ritratto di una giovane donna. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 50mm f/1.2L USM a 1/320 sec, f/7.1 e ISO125. © Aline Deschamps

Aline Deschamps: usa l'ambiente circostante per creare atmosfera

Scattare ritratti documentaristici in condizioni di scarsa illuminazione, spesso in ambienti interni, può essere estremamente difficile, soprattutto quando l'autenticità è fondamentale. Avere così poche opzioni ti costringe a pensare in modi non convenzionali e a utilizzare tutto ciò che l'ambiente circostante ti offre. La fotografa documentarista franco-thailandese Aline Deschamps vive a Beirut e il suo lavoro si concentra su questioni relative all'identità, al genere e alla migrazione. Lavora spesso all'interno delle case delle persone in condizioni di illuminazione limitata o molto scarsa, il che la costringe a diventare ancora più creativa con l'ambiente circostante per generare l'atmosfera giusta.
"Quando incontro rifugiati o collaboratori domestici migranti nelle loro case, di solito non ci sono molte finestre o molta luce esterna", spiega. "A volte c'è solo una lampadina appesa al soffitto che illumina l'intero appartamento, quindi le immagini risulterebbero completamente piatte. Cerco di non vederla come una limitazione, ma come una sfida per ricreare l'atmosfera che manca. La prima cosa che faccio è spegnere la luce del soffitto e iniziare a cercare altri elementi che sono già presenti e che posso usare. Si può trattare di molte cose diverse. Per esempio, se c'è una finestra accanto alla persona, anche se è buio, potrebbe esserci ancora un po' di luce con cui sperimentare. Oppure potrebbero avere lampade da tavolo o candele, o qualche altra fonte di illuminazione.

"Osserva quello che hai intorno e che fa parte dell'ambiente del soggetto, pensa a come puoi usarlo e sperimenta. Se hai due o tre fonti di luce, darai alla tua immagine un aspetto più dinamico.

"Con la fotografia documentaristica è importante non aggiungere nulla che non sia già collegato al soggetto, ma creare qualche ombra o, per esempio, illuminare una pianta in modo che proietti un'ombra sul soggetto per rendere l'immagine più suggestiva, va bene".
Logo della Canon Redline Challenge.

Partecipa alla Redline Challenge

Hai quello che serve per superare i tuoi limiti? Partecipa alla Redline Challenge e impara a usare la luce al buio per aggiudicarti il nuovo kit Canon e un mentoring del fotografo professionista Lorenz Holder.
Al centro di una strada bagnata, circondata da alberi ad alto fusto sotto un cielo nuvoloso, si vede il riflesso sfocato dei fari di un'auto.

Il fotografo naturalista Valtteri Hirvonen ha fotografato questa scena nel Parco Nazionale di Yosemite in una giornata "grigia e piovosa". Ha scattato nel momento in cui si avvicinava un'auto in modo da includere le luci dei fari per aggiungere toni caldi a un'immagine altrimenti monotona. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 35 mm, 1/50 sec, f/2.8 e ISO400. © Valtteri Hirvonen

Una tenda gialla illuminata da una luce bianca è piantata di fronte a delle rocce illuminate di rosso; un uomo che indossa vestiti pesanti è sdraiato nella tenda, rivolto verso l'esterno.

Quando Valtteri ha realizzato questo autoritratto nel Joshua Tree National Park, in California, è passata un'auto mentre l'otturatore era aperto. Le luci rosse dei freni del veicolo hanno inavvertitamente conferito alla foto un aspetto surreale. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24 mm, 15 sec, f/4 e ISO1600. © Valtteri Hirvonen

Valtteri Hirvonen: sii creativo con le sorgenti luminose

Il fotografo naturalista Valtteri Hirvonen ha familiarità con gli scatti in condizioni estremamente difficili, spesso in montagna o nell'Artico, a chilometri di distanza dalla civiltà e con temperature fino a -30 °C. Come Aline, anche lui consiglia di giocare con qualsiasi sorgente di luce a disposizione e di utilizzarne più di una per creare effetti diversi in condizioni di scarsa illuminazione. "Ho sperimentato con l'illuminazione di alcune scene utilizzando il mio cellulare", afferma, "con qualunque luce, tono o colore mi venisse in mente. Puoi sempre essere creativo con la temperatura della luce usando dei filtri. Se stai lavorando solo con i LED o con una lampada alogena tradizionale, puoi unire le due cose. Di solito ho tre o quattro luci diverse con me quando esco e scelgo quella che voglio per un look particolare.

"Solitamente porto con me anche qualche Speedlite, perché creano un'atmosfera completamente diversa dagli altri tipi di illuminazione. Ho un trasmettitore radio per il mio flash Canon, per cui posso posizionarlo dove voglio e lasciarlo lì oppure azionarlo dal punto in cui mi trovo. Puoi mescolare tutte queste diverse tecniche e usarle per una singola immagine".

Usa obiettivi grandangolari per gli scatti notturni

Quando lavora nella natura selvaggia e di notte, Valtteri non lascia nulla al caso. Consiglia una pianificazione e un'esecuzione meticolosa di ogni scatto e raccomanda di scegliere un kit specifico fin da subito. In particolare, consiglia di utilizzare obiettivi grandangolari. "Di solito è meglio iniziare un servizio in notturna usando un obiettivo più ampio, perché è più facile mettere a fuoco e lo spazio aggiuntivo può darti più punti di riferimento nel buio", spiega. "Questo ti permette di esaminare le tue composizioni finché non sono come vuoi. Non ti serve un obiettivo veloce, va bene un f/4 o f/2.8. Canon EF 16-35mm f/2.8L USM [ora sostituito da Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM] ed EF 24-70mm f/2.8L II USM sono le mie lunghezza focali preferite.

"Quando ho iniziato, non esistevano i mirini elettronici e pensavo che non avrebbero funzionato bene in un ambiente buio, ma ho usato la mia Canon EOS R5 per gli scatti notturni e l'EVF funziona in modo incredibile. Individua la luce anche quando non riesco a vederla a occhio nudo. Naturalmente puoi utilizzare anche gli schermi posteriori se preferisci, è la stessa immagine. "Uso una lampada frontale per aiutarmi a individuare la scena, ma per trovare la composizione e vedere il margine dell'inquadratura i moderni EVF sono imbattibili".
Uno snowboarder in aria con un cielo nebbioso, illuminato in modo misterioso da dietro il crinale di una collina.

Redline Challenge: consigli e trucchi del mestiere per fotografare la "luce nell'oscurità"

Lorenz Holder, fotografo d'azione professionista, illustra la sua ricetta vincente per un'esposizione perfetta quando si scatta con il flash al tramonto o di notte.
Un uomo a torso nudo con i capelli blu indossa un copricapo di filo rosso e lenti trasparenti, con delle linee di luce rossa disegnate intorno al viso.

Questa fotografia della Canon Ambassador e visual artist Eliška Sky è tratta dalla sua serie "Pixel Future", che è stata ispirata dalle nostre immagini, alter ego e avatar online. Eliška ha optato per una velocità dell'otturatore lenta con il flash e ha "dipinto" alcuni elementi utilizzando un laser colorato. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) e obiettivo Canon EF 50mm f/2.5 Compact Macro a 2,5 sec, f/25 e ISO320. © Eliška Sky

Una donna con i capelli scuri da un lato e biondi dall'altro tiene le mani sollevate sotto il viso. I suoi capelli arricciati si alzano sopra la sua testa, un fiore le copre la bocca e una linea di luce rossa è proiettata lungo il centro del corpo.

Un'immagine di Eliška della serie "I want to be loved *even in the pandemic" per la rivista Dolce Vita. Tutti gli effetti sono stati catturati con la fotocamera, utilizzando una velocità dell'otturatore lenta con il flash e "dipingendo" con un laser. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM a 2,5 sec, f/14 e ISO125. © Eliška Sky

Eliška Sky: sperimenta con i disegni di luce

La visual artist Eliška Sky crea immagini altamente stilizzate, audaci e spesso surreali, che il più delle volte contengono un messaggio. Ciò che rende particolarmente difficile per Eliška fotografare in studio in condizioni di scarsa illuminazione è controllare come le ombre cadono sul soggetto. "Mi piace ricreare delle condizioni di scarsa illuminazione in studio" afferma. "Di solito uso il flash abbinato a una luce pilota, così l'intera scena è piuttosto buia e vedo solo dove andrà a colpire la luce.

"Se sto lavorando con il flash e una velocità dell'otturatore lenta e creando disegni con un laser o una luce, tendo a lavorare nella completa oscurità. Per questi scatti intensi non voglio che la luce naturale interferisca con la velocità dell'otturatore lenta".

In queste situazioni, oltre a prevedere le ombre, la sfida principale per Eliška è ottenere una messa a fuoco accurata. "Ovviamente, devo prima mettere a fuoco, quindi è saggio portare un assistente o un amico con una torcia o un cellulare", afferma.

"Uso quasi sempre la modalità Manuale, soprattutto in studio e, dato che sto scattando al buio, di solito un'esposizione di due secondi e mezzo o tre è sufficiente per i miei disegni di luce".
Uno sposo bacia il viso della sposa, la coppia si riflette perfettamente nello specchio sulla sinistra dell'immagine.

La fotoreporter Tasneem Alsultan ha fotografato questa coppia durante il loro matrimonio nella città di Amwaj, in Bahrain, usando il riflesso di un grande specchio a muro per creare un ritratto insolito. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon EF 35mm f/1.4L IS USM (ora sostituito da Canon EF 35mm f/1.4L IS II USM) a 1/3200 sec, f/5.6 e ISO5000. © Tasneem Alsultan

Tasneem Alsultan: usa l'oscurità a tuo vantaggio

Tasneem Alsultan ama le condizioni di scarsa luminosità, sia per il suo lavoro documentaristico incentrato sulle questioni sociali e di genere in Medio Oriente, sia per la fotografia di matrimonio di cui si occupa tra un incarico e l'altro. "Non mi annoio mai, mi costringe a essere creativa", sostiene. "Cerco sempre modi diversi di usare l'inquadratura e l'illuminazione, assicurandomi di farlo in un modo che non faccia sentire la sposa come se fosse stata fotografata nello stesso luogo o in un luogo simile. Devo essere creativa nel documentare diversi momenti per mantenere l'attenzione degli spettatori".

Tasneem consiglia di cambiare il modo in cui vedi l'oscurità, usandola come un vantaggio tecnico che ti offre il pieno controllo creativo e tecnico sui tuoi scatti. "In condizioni di scarsa illuminazione, devi portare il flash esterno all'estremo, rendendolo più drammatico della luce naturale. Però puoi attirare l'attenzione dello spettatore su un punto preciso illuminandolo, e questo è un grande vantaggio. Allo stesso modo, lo puoi distrarre da qualcosa che non vuoi che veda lasciandolo nell'ombra. In questo modo, usi l'oscurità e la combini con il flash per creare drammaticità e bellezza".
Una coppia di sposi si staglia contro un tramonto, in piedi sotto un baldacchino di rete scura.

Questa coppia è stata fotografata da Tasneem Alsultan nella delicata luce del tardo pomeriggio in una località balneare in Arabia Saudita, in contrasto con il baldacchino di rete. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 24mm f/1.4L II USM a 1/1250 sec, f/4 e ISO320. © Tasneem Alsultan

Non aver paura di scattare alla massima apertura

"Se sto lavorando a un documentario e raccontando storie vere non uso il flash", afferma Tasneem. "Se sto fotografando per il National Geographic o il New York Times non voglio assolutamente giocare con le foto: non ci può essere nulla di finto, tutto deve essere autentico. Ma posso essere comunque creativa con l'oscurità nello stesso modo in cui lo sarei usando il flash. Sfrutto la scarsa illuminazione nelle strade, nel mio quartiere, anche all'interno. Con Canon EOS 5D Mark IV o EOS 5DS R non scendo al di sotto di 1/80 di secondo e utilizzo un'ampia apertura, circa f/1.2 o f/1.4, quando fotografo le persone. Questo lascia entrare abbastanza luce nella fotocamera per esporre il mio soggetto, ma mi permette anche di farlo risaltare contro sfondi scuri. Se sto fotografando più di una persona, aumento fino a f/3.5, fidandomi delle prestazioni di EOS 5D Mark IV in condizioni di scarsa illuminazione e della sua capacità di rendere questi scatti molto naturali.

"Consiglio di usare obiettivi a focale fissa, perché spesso hanno le aperture massime più ampie. Io utilizzo Canon EF 24mm f/1.4L II USM ed EF 35mm f/1.4L II USM: le aperture estremamente ampie mi consentono di immortalare una bellissima luce fioca e naturale qui in Arabia Saudita. Ho anche un obiettivo Canon EF 85mm f/1.2L II USM per i ritratti; anche EF 50mm f/1.2L USM è fantastico, ma questo è il mio segreto per le condizioni di scarsa illuminazione".

Scritto da Kevin Carter


Articoli correlati

  • Uno snowboarder in aria con un cielo nebbioso, illuminato in modo misterioso da dietro il crinale di una collina.

    ARTICOLO

    Paesaggi carichi di adrenalina

    Scopri come Lorenz Holder, Canon Ambassador e mentore della Redline Challenge, fonde azione e paesaggi in modo sorprendente e originale.

  • Pareti rocciose del parco nazionale di Zion nello Utah (Stati Uniti) in uno scatto notturno. Luci sfocate corrono lungo la strada e la Via Lattea è visibile nel cielo soprastante.

    ARTICOLO

    Il lato oscuro: la fotografia notturna

    Valtteri Hirvonen ha sviluppato la sua tecnica di scatto durante i bui inverni finlandesi. Scopri i suoi suggerimenti per la fotografia notturna.

  • ARTICOLO

    Redline Challenge: come affrontare "Light in the Dark"

    Il fotografo d'azione Lorenz Holder svela la prima Redline Challenge e condivide consigli e suggerimenti per affrontare la sfida.

  • ARTICOLO

    Fotografia notturna: cinque preziosi suggerimenti di Pascal Maitre

    Il Canon Ambassador Pascal Maitre porta il valore ISO della sua fotocamera a valori mai provati prima, per fotografare scene di vita in luoghi privi di elettricità. Ecco cosa ha imparato.

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro