Portrait-Two-Boys

I ritratti più belli

Volete sapere cosa rende alcuni ritratti più emozionanti di altri?
Il fotografo Miles Willis ha preso in esame alcune delle sue immagini preferite nella Galleria Canon e ci ha spiegato perché hanno attirato la sua attenzione:

Portrait-Two-BoysDos miradas, Manuel Vilches Benitez

Manuel Vilches Benitez ha fatto un ottimo lavoro per ritrarre questi due bambini in modo naturale. Dal punto di vista della composizione la foto funziona benissimo: si può notare come Manuel abbia volutamente tagliato la parte superiore della testa del bambino in primo piano, così da posizionarne gli occhi nell'inquadratura in base alla regola dei terzi e creare così un layout di grande impatto. Inoltre, mettendo a fuoco gli occhi del bambino, ha creato un punto di messa a fuoco assolutamente magnetico. Lo sfondo sfocato, la magnifica texture e l'uniformità del colore contribuiscono a renderlo un grande scatto.

Cercate sempre di avvicinarvi al soggetto e, quando fotografate dei bambini, di abbassarvi al loro livello. Per ottenere uno scatto naturale, scambiate qualche parola con loro e cercate di metterli a loro agio.

Portrait-Poppies-GirlPoppies, Anna Heupel

Questo splendido ritratto di Anna Heupel sfrutta nel miglior modo possibile la luce dorata del tardo pomeriggio. Noti anche come "golden hour", i momenti immediatamente successivi al sorgere del sole o precedenti il tramonto, quando la luce è più calda e morbida, sono perfetti per dei ritratti.

Lo scatto al sole e l'esposizione per le zone in ombra crea un cerchio di luce alle spalle della modella, che si staglia nitidamente rispetto allo sfondo.

Posizionando il soggetto al centro dell'inquadratura, Anna ne ha scurito i contorni e ha fatto risaltare l'effetto dei raggi del sole sul campo di papaveri.

Prestate attenzione alle variazioni della luce, soprattutto all'inizio e alla fine delle giornate, e valutatene l'effetto sui vostri scatti.

Portrait-Couple-In-Black-and-WhiteWedding Guest, Graham Hunt

La ritrattistica spontanea si basa sulla cattura di un momento, e qui Graham Hunt ha fatto un ottimo lavoro.

L'espressione di curiosità sul volto del soggetto contribuisce alla sensazione che questa immagine sia stata acquisita senza che il soggetto fosse consapevole del fotografo.

La luce del sole che filtra attraverso un'inferriata ha creato un pattern luminoso insolito, esaltato dall'uso del bianco e nero per creare un'immagine estremamente intrigante.

Quando scattate ritratti spontanei o di strada, tenete la fotocamera accesa e a portata di mano, e siate pronti a cogliere l'attimo.

Portrait-Group-JumpSpringen in Athen, Beate Korn

I ritratti di gruppo sono una delle tipologie di foto più difficili da scattare. Se ci si limita a chiedere a un gruppo di persone di stare vicine, in genere si ottiene una composizione estremamente statica e innaturale, priva di interesse.

Se invece chiedete al gruppo di fare qualcosa, ad esempio di saltare in aria come ha fatto qui Beate, otterrete una foto di gruppo più dinamica. Inoltre, è probabile che ciò comporterà sorrisi e risate. Quando chiedete alle persone di mettersi in posa, accertatevi che tutti vedano chiaramente la fotocamera, altrimenti potrebbero non essere pronte al momento dello scatto.

Un altro buon suggerimento è quello di disporre in modo casuale persone di altezza diversa per spezzare una linea e scattare più fotografie, perché ci sarà sempre qualcuno che chiude gli occhi al momento cruciale.

Resta aggiornato

Prossimamente: "Guardare il mondo senza mirino"

Iscriviti alla newsletter