long exposure of Ferris wheel

Scattare le fotografie in movimento

Esplorare le fotografie in movimento

La raffigurazione del movimento nelle foto comporta una scelta tra bloccare l'azione OPPURE produrre un mosso per suggerire l'idea del movimento. La direzione che prendi dipende dal significato che intendi comunicare agli spettatori. Immortalare l'emozione fugace sul volto di un giocatore di tennis trasmette un messaggio diverso rispetto a uno scatto che ritrae il movimento sfocato di uno sforzo intenso sul campo. Entrambi gli effetti possono essere molto espressivi.
Indipendentemente dalla fotocamera che utilizzi, esiste una varietà di tecniche per raffigurare efficacemente il movimento, aggiungere creatività alla foto e raccontare una storia. Il Canon Tutor Brian Worley spiega come sfruttare al meglio la tua fotocamera. Offre inoltre utili consigli per riprendere con la videocamera LEGRIA e rivela come stampare immagini dinamiche e ricche di movimento con la stampante PIXMA.

Guida introduttiva:

Promemoria - i bambini e i piccoli animali sono rapidi!

Se osservi i bambini e i cani che corrono nel parco, noterai che si muovono rapidamente e spesso a zig-zag. I cambi di direzione e la velocità rendono complicato fotografare tali soggetti.

Se la tua fotocamera è dotata della modalità Bambini e cuccioli, è ideale in queste situazioni, poiché si avvale di numerose cornici di messa a fuoco per garantire nitidezza sui soggetti. Questa modalità è ancora più efficace se i soggetti sono ad almeno tre metri dall'obiettivo,

poiché tale distanza agevola il compito della fotocamera di apporre e mantenere il fuoco su di essi. Al contrario, se i soggetti sono molto vicini, l'operazione diventa più complicata. Se non è presente la modalità Bambini e cuccioli, ricordati di selezionare lo scatto continuo e l'AF Servo per assicurare una messa a fuoco automatica nitida.

Grandi stadi o concerti dal vivo - spegni il flash

Se usi la fotocamera all'interno di un grande stadio, assicurati di spegnere il flash o di scegliere la modalità flash spento. Il flash incorporato è progettato per le occasioni in cui i soggetti sono relativamente vicini alla fotocamera, solitamente non più di cinque metri. Se utilizzi il flash negli stadi, nella maggioranza delle foto illuminerà solo le file davanti a te.

I primi passi con la modalità Sport

La modalità Sport, disponibile nella fotocamera EOS e in altre fotocamere Canon, è l'ideale per bloccare automaticamente il movimento nelle azioni rapide e nelle fotografie sportive. Modifica la configurazione predefinita della fotocamera, ottimizzandone le impostazioni per fissare l'azione, seguire i soggetti in movimento ed eseguire scatti continui.

- Quando si ritraggono soggetti distanti che praticano sport dinamici, si utilizzano spesso obiettivi con una maggiore distanza focale. Se si seleziona la modalità Sport, la fotocamera ottimizza automaticamente il tempo di esposizione in base all'obiettivo in uso.

- Se utilizzi la modalità Sport, la fotocamera non blocca la messa a fuoco quando premi il pulsante dell'otturatore a metà, bensì segue il soggetto man mano che si muove più lontano o più vicino, oppure ai margini del fotogramma.

- Per fare in modo che la tua fotocamera segua il soggetto in maniera ottimale, innanzitutto è meglio cercare di mantenerlo al centro dell'inquadratura.

- Inoltre, è bene cominciare a seguirlo ben prima che raggiunga la posizione ideale per la scena.

Obiettivi lunghi

Gli obiettivi con focale lunga acquisiscono le immagini con un angolo di campo ristretto rispetto all'occhio umano. Tali obiettivi vengono spesso utilizzati per fotografare lo sport e la natura. La maggiore lunghezza focale fa apparire più grandi nel fotogramma i soggetti distanti e ti consente di avvicinarti all'azione. Gli obiettivi con una lunghezza focale superiore ai 70 mm sono detti teleobiettivi.

Blocca l'azione

Lo stabilizzatore d'immagine ti aiuterà a ottenere risultati nitidi riducendo le vibrazioni della fotocamera, che sono caratteristiche degli obiettivi zoom potenti. Quando scatti con l'obiettivo all'impostazione massima, o quasi, dello zoom, prova a tenere ben salda la fotocamera con entrambe le mani.

Utilizza una scheda di memoria ad alta velocità ed elevata capacità

Quando acquisisci il movimento è bene scattare in modalità continua, in modo da non perderti lo scatto migliore. Ecco alcuni consigli utili:

- Seleziona la modalità di scatto continuo ad alta velocità, in modo che la fotocamera acquisisca una sequenza di immagini quando tieni premuto il pulsante di scatto.

- Utilizza schede di memoria ad alta capacità con velocità di scrittura elevate, per far sì che la fotocamera acquisisca un numero maggiore di scatti con una singola raffica.

- Al fine di massimizzare la raffica continua, imposta il formato di acquisizione su JPEG.

Panning - muovere la fotocamera per seguire il soggetto

Quando segui il soggetto con la fotocamera, esegui una tecnica chiamata panning. Si tratta di un'abilità la cui padronanza richiede esperienza, quindi esercitati con regolarità.

I ciclisti sono soggetti in movimento particolarmente indicati, se cerchi di affinare l'abilità. L'immagine in panning ideale è quando la fotocamera si muove alla stessa velocità del soggetto principale, in modo tale da farlo apparire immobile mentre lo sfondo appare sfocato a causa del movimento. Se fotografi un veicolo, le ruote appaiono in movimento, eppure il telaio risulta nitido, in contrasto con lo sfondo uniformemente sfocato.

Si può utilizzare il panning anche per catturare un serie di soggetti in movimento, come le auto su un circuito. La combinazione della nitidezza dell'auto con lo sfondo sfocato rende molto bene l'idea del movimento.

Per soggetti che si muovono a una velocità minore, prova a usare la modalità Priorità otturatore (Tv) e seleziona autonomamente il tempo di esposizione.

Suggerimenti avanzati:

Priorità di tempi (Tv) o Esposizione manuale

Se ti trovi a tuo agio con le funzioni avanzate della fotocamera EOS, prova a sperimentare con la modalità Priorità otturatore (Tv), grazie alla quale puoi bloccare o sfocare il movimento del soggetto in maniera creativa.

La modalità Esposizione manuale (M) ti offre un controllo completo dell'esposizione e, in qualche caso, è la preferita dei fotografi professionisti. Otterrai i risultati migliori provando qualche impostazione per vedere quale si adatta meglio al tuo stile.

Regolazione della velocità dell'otturatore

Il modo in cui viene acquisito il movimento nelle fotografie dipende principalmente dal tempo di esposizione che si sceglie. Un'esposizione breve fissa l'attimo, mentre un'esposizione prolungata acquisisce il movimento sotto forma di sfocatura. In ogni caso, è importante selezionare il tempo di esposizione in rapporto alla velocità del soggetto. Per bloccare il movimento di una macchina da corsa ci vuole un tempo di esposizione minore rispetto a quello sufficiente per una persona che cammina.

L'apertura dell'otturatore, che permette appunto l'esposizione, viene misurata in secondi o, più sovente, in frazioni di secondo. Se l'otturatore rimane aperto per un periodo molto breve, la fotocamera acquisisce l'immagine del soggetto in movimento come se il tempo si fosse fermato.

In genere, un tempo di esposizione breve è di almeno 1/500 di secondo; Le fotocamere EOS possono raggiungere addirittura una velocità di 1/4000 o 1/8000 di secondo. Se l'intento è di raffigurare il movimento del soggetto con una sfocatura, allora è necessario un tempo di esposizione più lungo. Normalmente, 1/30 di secondo viene considerato già un tempo prolungato, sebbene le fotocamere EOS arrivino fino a 30 secondi.

Modalità 2 dello stabilizzatore d'immagine per il panning

Molti degli obiettivi Canon a focale lunga sono dotati di modalità di stabilizzazione dell'immagine; se possibile, scegli Modalità 2 con il selettore sul lato dell'obiettivo quando esegui un panning sul tuo soggetto. Ricorda:

puoi eseguire il panning in entrambe le direzioni, orizzontale e verticale.

È meglio cominciare a seguire il soggetto prima di premere il pulsante di scatto, e mantenere il movimento per qualche attimo dopo la fine dell'esposizione: in questo modo, la velocità della fotocamera è uniforme durante il panning.

Se stai usando un obiettivo dotato di stabilizzatore d'immagine, potrebbe non avere il selettore di modalità: in genere, l'obiettivo rileva automaticamente la direzione del panning e passa alla Modalità 2 in automatico.

Scatti con esposizione multipla

Numerose fotocamere EOS di recente produzione, come i modelli EOS 7D Mark II e EOS 5D Mark III, sono inoltre dotate della funzione di esposizione multipla, la quale è utilizzabile in abbinamento alla modalità di scatto continuo per acquisire varie fasi dell'azione in un unico fotogramma.

Per utilizzare al meglio tale funzione, è utile che lo sfondo della scena sia in contrasto con il soggetto: luminoso, se il soggetto è scuro, oppure scuro, se il soggetto è luminoso.

Time-lapse

Il movimento non è sempre sinonimo di azione ad alta velocità: la fotografia in time-lapse, infatti, consente di acquisire una serie di fotogrammi a intervalli regolari per creare l'effetto di un'accelerazione del movimento o del tempo. Ad esempio, quando si riproduce una sequenza in time-lapse, le nuvole si spostano rapidamente nel cielo. In poche parole, il time-lapse accelera i soggetti e le scene che si muovono molto lentamente.

Per realizzare un time-lapse, devi scattare una lunga sequenza di fotografie a intervalli regolari. Ci sono tre strategie possibili per controllare lo scatto delle foto:

collegando la fotocamera a un PC o a un Mac mediante un cavo, si può usare il software EOS Utility per azionare l'otturatore a intervalli regolari;

si può usare un telecomando con timer Canon TC-80N3 per azionare lo scatto di varie fotocamere EOS a intervalli programmati;

oppure, la fotocamera EOS 7D Mark II è dotata di un timer intervallo nel menu, che ne consente l'impostazione in modo da scattare fotografie a intervalli predefiniti.

Una volta acquisita una sequenza di immagini fisse in time-lapse, è necessario riunire queste ultime in un filmato.

Provare qualcosa di diverso dal solito: creare il movimento grazie alla sfocatura dello zoom

La "zoom burst" o sfocatura dello zoom è un effetto fotografico carico di movimento. Puoi provarlo con facilità usando la tua reflex digitale EOS, un obiettivo zoom e un treppiede opzionale. L'effetto comporta rimpicciolimento o l'ingrandimento dell'immagine con lo zoom mentre scatti la foto usando un tempo di esposizione prolungato: in questo modo, l'immagine risulta sfocata dal centro verso l'esterno. L'effetto sarà carico di movimento oppure conferirà un aspetto astratto al soggetto, a seconda di come si cattura. I risultati migliorano man mano che si sperimenta con il tempismo, ma ecco di seguito le indicazioni per cominciare:

1. Seleziona la modalità Tv sulla reflex digitale EOS e scegli un tempo di esposizione tra 1 e 4 secondi.

2. Restringi completamente l'inquadratura e metti a fuoco il soggetto. Blocca la messa a fuoco premendo il pulsante AF-ON della fotocamera.

3. Se non disponi di un treppiede, appoggiati a qualcosa per tenere ferma la fotocamera.

4. Ora, allarga l'inquadratura, senza cambiare la messa a fuoco, fino all'ampiezza di campo desiderata.

5. Premi il pulsante di scatto e restringi di nuovo l'inquadratura fino a che il soggetto riempie di nuovo il fotogramma. Cerca di usare lo zoom nel modo più fluido possibile.

Muovi la videocamera per rendere più interessanti i tuoi filmati

I filmati risultano più interessanti grazie all'utilizzo del movimento della telecamera. Se il soggetto si muove a sua volta, parti con l'idea di riprendere immagini sia statiche che in panning.

Per le riprese statiche di solito è necessario tenere la telecamera fissa, ma con la pratica, vedrai che è abbastanza semplice realizzare brevi clip anche senza cavalletto. Ricordati che una ripresa grandangolare risulta sempre meno mossa rispetto a un'inquadratura ravvicinata. Per una ripresa statica ben realizzata, l'ideale è un treppiede o un altro tipo di supporto.

In genere le riprese statiche sono ideali in apertura di filmato: consentono di delineare il contesto dell'avvenimento o del soggetto. Attendi che scaturisca l'azione e il soggetto si sposti fuori dall'inquadratura. Quando accade, seguilo muovendo la telecamera alla stessa velocità, in modo da tenerlo sempre nella stessa porzione dell'inquadratura. Quest'ultimo aspetto può risultare complicato, ma non dilungarti troppo con le clip: le brevi sequenze conferiscono un maggiore senso di ritmo al montaggio del filmato.

Cattura i dettagli dinamici con riprese sia a telecamera statica che in movimento. Concentrandoti su un piccolo dettaglio del movimento nella scena, puoi realizzare utili sequenze da inframmezzare alle altre clip per raccontare meglio la tua storia. Se il soggetto è un corridore, ad esempio, puoi catturare sequenze ravvicinate delle scarpe e dei piedi.

Utilizza un misto di riprese statiche e a seguire il soggetto

Il movimento è una componente fondamentale dei filmati e ci sono vari modi per metterlo in rilievo in un video. Il soggetto che si muove può attraversare l'inquadratura con la telecamera ferma, il che costituisce una ripresa statica; oppure, si può muovere la telecamera per seguire il soggetto o per riprenderlo con un panning.

Per realizzare materiale più interessante, prova a mescolare queste due tipologie di ripresa.

Se stai filmando qualcosa che si ripete in maniera prevedibile, ad esempio, degli atleti che percorrono più giri di pista, puoi pianificare in anticipo la modalità di ripresa della scena.

Per delineare il contesto, una ripresa grandangolare è un buon inizio; quindi, puoi passare a un'inquadratura più stretta, tenendo sempre la telecamera in posizione fissa.

Una volta iniziata la gara, prova a realizzare un mix di riprese sia con la telecamera in movimento che fissa. Naturalmente, non tralasciare la preparazione per le importanti riprese dell'arrivo.

Potrebbe risultare più adatto effettuare una ripresa dell'arrivo più ampia, che mostri tutti i concorrenti in corsa verso il traguardo, ma occorre essere pronti a muovere la telecamera per seguire il vincitore che festeggia dopo la fine della gara.

Selezione delle impostazioni corrette per stampe ricche di azione

Stampare le tue foto con una stampante PIXMA è un ottimo modo per mettere in mostra le tue immagini d'azione ad alta velocità. Le stampanti PIXMA ti offrono la possibilità di produrre stampe di alta qualità, dotate di livelli di dettaglio incredibili. Ecco come ottenere i migliori risultati dalle tue stampe:

• Scegli il giusto formato di carta in base all'immagine (ad esempio, perché non stampare le foto ad alta risoluzione su un foglio più grande dell'A4, se la stampante lo permette?).

• Scegli il tipo di carta più adatto alla riproduzione di colori straordinari (ad esempio, abbinando alla PIXMA l'ampia gamma Canon di carte fotografiche, otterrai più facilmente stampe dai colori fedeli).

• Aumenta le impostazioni della qualità nel driver della stampante al fine di ottenere il massimo dettaglio nelle stampe.

Utilizzo del software My Image Garden con PIXMA

My Image Garden è una pratica applicazione software che consente di organizzare e stampare con semplicità le foto. Il software è persino in grado di stampare fermi immagine selezionati dalle clip riprese mediante le telecamere Canon. Inoltre, vanta una funzione che consente di fondere varie immagini fisse in un unico file da stampare. Quindi, se hai una sequenza video di un tennista alla battuta, puoi suddividerla in immagini singole e combinarle per mostrare l'azione completa del servizio in un'unica stampa.