ARTICOLO

Verso l'infinito e oltre: come ottenere stampe stellari del cielo notturno

Il fotografo paesaggista e di cieli notturni Drew Buckley svela come ottenere stampe eccellenti di immagini astronomiche.
Un cielo notturno con la Via Lattea che scintilla sopra il mare. A entrambi i lati, ci sono affioramenti rocciosi.

La Via Lattea e il cielo stellato sopra Church Doors Cove, nel Pembrokeshire, in Galles. Riguardo alla scelta di quali immagini del cielo notturno stampare, il fotografo paesaggista Drew Buckley dice: "Cerco sempre qualcosa di mai fatto prima, immagini nuove che siano una bella aggiunta al mio portfolio". Risultato di una composizione di immagini realizzate con Canon EOS R5 e diverse esposizioni a f/2.8 e ISO16000. © Drew Buckley

Drew Buckley è un fotografo paesaggista che ama anche realizzare immagini spettacolari di cieli pieni di stelle. "Includere il cielo notturno è un'innovazione per questo genere. Mi piace che si tratti di uno sguardo diverso sul mondo che ci circonda", dice. Viceversa, per l'astrofotografia, "Preferisco includere un paesaggio o un elemento caratteristico nell'inquadratura. Credo che a volte aiuti a mettere le cose in prospettiva, mostrandoci quanto siamo piccoli".

Drew, che risiede in Galles, fotografa il cielo notturno fin dal 2010, quando è diventato un fotografo professionista a tempo pieno. Stando alle sue parole, la qualità delle sue immagini è cresciuta enormemente assieme agli sviluppi della tecnologia delle fotocamere.

"La fotografia del cielo notturno si basa sul catturare la maggior quantità di luce possibile in un intervallo di tempo limitato", afferma. "Gli obiettivi più rapidi e i miglioramenti dei sensori delle fotocamere per quanto riguarda le elevate prestazioni ISO hanno fatto una grande differenza. Inoltre, ci sono stati netti miglioramenti per quanto riguarda il rumore nelle zone d'ombra e l'abilità di mettere in risalto i dettagli delle ombre nei file RAW in fase di post-produzione. Se confronto i miei primi scatti di astrofotografia con quelli che realizzo ora, la qualità è completamente diversa".

Per Drew, realizzare stampe fotografiche delle sue immagini di cieli notturni è il modo migliore per vederle. Il fotografo realizza le stampe per mostrare il suo lavoro e, oltre a ciò, le vende attraverso il suo sito Web. "In un'epoca come questa, in cui vediamo le immagini principalmente sugli schermi, osservare un'immagine fisica e poterla toccare è un'esperienza del tutto diversa. Per me, la fotografia è questo. Lo consiglio a tutti".

Ma come si creano stampe belle quanto le immagini che si vedono sulla fotocamera o sul monitor del computer? Qui, Drew condivide i suoi migliori consigli su come ottenere stampe eccellenti di immagini astronomiche, dalla preparazione fino al risultato finale.
Il fotografo paesaggista Drew Buckley con abiti invernali, in piedi su una scogliera erbosa e con il mare alle spalle. Accanto a lui, una fotocamera Canon collegata a un treppiede.

Drew sulla costa gallese con la sua fotocamera Canon. "Negli ultimi anni, le tecnologie di Canon hanno fatto passi avanti incredibili in termini di prestazioni", dice. © Drew Buckley

Una serie di immagini astronomiche in stampa e vicino a una stampante Canon, di fianco a una confezione di carta per stampante Canon.

Una delle immagini dei cieli notturni di Drew che esce da Canon PIXMA PRO-200, stampata sulla carta fotografica Pro Luster di Canon. Questa è una carta professionale con effetto patinato, che offre un'eccezionale riproduzione dei colori e un'eccellente resistenza allo sbiadimento. © Drew Buckley

Scegliere una fotocamera per l'astrofotografia

Per fotografare il cielo notturno, Drew consiglia di utilizzare fotocamere full frame. Un sensore full frame ha oltre due volte e mezzo l'area di un sensore APS-C e offre quindi un'immagine di migliore qualità, con rumore ridotto e una gamma dinamica più ampia che consente di catturare ogni luce, ombra e tonalità media del cielo notturno. Nella gamma Canon, alcuni esempi sono Canon EOS R3, EOS R6 e EOS 5D Mark IV.

Drew usa Canon EOS R5. "Il sensore di questa fotocamera è meglio di quelli di altre che ho usato in precedenza e mi consente di scattare con valori ISO molto più elevati", spiega. "In precedenza non andavo oltre ISO 3200, ma ora raggiungo senza particolari problemi ISO 8000 o più e ottengo risultati simili, se non migliori. Quei due o tre stop ulteriori di luce che si possono catturare nella stessa lunghezza d'esposizione fanno una grossa differenza".

Comporre immagini di cieli notturni

Quando utilizza il mirino per i suoi scatti astronomici, Drew pensa sempre alle dimensioni o al rapporto di visualizzazione finale dell'immagine. "In genere scatto con un rapporto 3:2, in linea con il sensore full frame, ma lascio sempre un po' di margine per bilanciare la composizione, così da poter ritagliare l'immagine per realizzare vari formati.

"Negli ultimi anni ho sempre tenuto presente il fatto che, se realizzo un bello scatto che voglio pubblicare su Instagram, devo ritagliare l'immagine con un rapporto 4:5. In genere cerco di lasciarmi aperte varie opzioni di formato, in base alle richieste dei clienti o alla destinazione delle immagini, ad esempio se finiranno su riviste o raccolte fotografiche".
Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Un cielo notturno pieno di stelle luminose sopra una cappella e un vecchio cimitero.

La Via Lattea vista dal cimitero della Flimston Chapel, nel Pembrokeshire, in Galles. Quando crea queste immagini del cielo notturno, Drew scatta con esposizioni diverse per il cielo e gli elementi in primo piano, come questa cappella, per poi unire i risultati in fase di post-produzione. Risultato di una composizione di immagini realizzate con Canon EOS 5D Mark III (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) e diverse esposizioni a f/2.8 e ISO1600. © Drew Buckley

Un cielo notturno rosa e viola pieno di stelle sopra il castello di Carew nel Pembrokeshire, in Galles.

La Via Lattea sopra il castello di Carew nel Pembrokeshire, in Galles. È visibile la costellazione di Orione, assieme al riflesso delle stelle nel lago del castello. Per anni, Drew ha affinato la tecnica e studiato le impostazioni della fotocamera e i processi di post-produzione e stampa, per realizzare immagini di cieli notturni nitidi e ricchi di dettagli. Risultato di una composizione di immagini realizzate con Canon EOS 5D Mark III a 14 mm, 30 sec, f/2.8 e ISO3200. © Drew Buckley

Gestire l'esposizione nelle immagini di cieli notturni

Quando regola l'esposizione, Drew si basa sempre sugli stessi principi, sia che si tratti di fotografie di cieli notturni o alla luce del giorno. "Per quanto riguarda l'esposizione, di solito cerco di ottenere il miglior risultato possibile e di avere ampia flessibilità al momento di lavorare sui file RAW", afferma. "Tendo a impostare un'esposizione chiara, senza arrivare a un clipping delle zone luminose, perché questo significa avere meno ombre e rumore".

Per ridurre il rumore dell'immagine e disporre di una gamma di esposizioni quando deve includere sia il paesaggio che il cielo notturno, Drew di solito realizza vari scatti della stessa scena. "Se il soggetto in primo piano è interessante, in genere scatto 5-10 immagini del cielo a circa 30 secondi ciascuna", spiega. "Poi imposto la fotocamera in modalità Bulb e scatto con un'esposizione di 4-6 minuti, così da includere tutta la luce ambientale nel paesaggio in primo piano. Dopo lavoro separatamente alle immagini e le unisco in post-produzione usando le maschere di livello".

Regolare al meglio le immagini di cieli notturni

Nelle immagini di astrofotografia ben esposte si vedranno moltissime stelle, quindi è probabile che in fase di post-produzione sia necessario regolare l'immagine per far emergere ogni punto luce. "Ad esempio, se lavoro a un'immagine della Via Lattea, cerco sempre di ricavare quanti più dettagli possibili delle stelle e delle nebulose utilizzando l'opzione Valori tonali", dice Drew.

"In Adobe Photoshop Lightroom uso anche un po' di Chiarezza, senza esagerare, e mi assicuro che le impostazioni di nitidezza siano adeguate. Magari schiarisco e scurisco alcuni punti e, se serve, regolo il bilanciamento del bianco e riduco il rumore".
Un cielo al crepuscolo in cui è visibile la Via Lattea sopra alti pilastri di roccia che emergono dal mare.

Gli Elegug Stacks nel Pembrokeshire, in Galles, immortalati di notte, con il braccio a spirale della Via Lattea che si staglia nel cielo. La zona del Galles meridionale in cui vive Drew offre molti posti dal cielo scuro, ideali per l'astrofotografia. Risultato di una composizione di immagini realizzate con Canon EOS 5D Mark III a 30 sec, f/2.8 e ISO3200. © Drew Buckley

Un cielo notturno in cui è visibile la Via Lattea sopra una capanna di paglia sulla costa gallese.

La Via Lattea brilla sopra una capanna per l'essiccazione delle alghe sulla spiaggia di Freshwater West nel Pembrokeshire, in Galles. La capanna, costruita dalla Pembrokeshire National Park Authority in omaggio alla lunga tradizione di produzione di laverbread nella zona, ha fornito a Drew un perfetto soggetto rustico da mettere in primo piano nell'immagine. Risultato di una composizione di immagini realizzate con Canon EOS 5D Mark IV a 30 sec e ISO6400. © Drew Buckley

Scegliere stampante e carta per le immagini di cieli notturni

Per stampare le sue ultime immagini di cieli notturni, Drew ha provato Canon PIXMA PRO-200, che offre vivaci stampe in formato A3+ di alta qualità e senza bordi, oltre a opzioni panoramiche e fine art. "È compatta, molto piacevole da usare e semplice da installare", afferma. "La cosa bella di questa stampante, per l'astrofotografia, è che ha un sistema d'inchiostri dye a otto colori. Più colori hai, più riesci a ottenere a pieno tutta la ricchezza della gamma di colori dell'immagine".

Drew di solito preferisce stampare su tipi di carta dalla finitura intermedia, con una superficie tra il lucido e l'opaco. Per stampare con PIXMA PRO-200, ha scelto la carta fotografica Pro Luster, che è ottimizzata per le stampanti PIXMA PRO e offre una superficie liscia e lucida e un'eccellente riproduzione del colore. "È una bella carta, bianca e luminosa, ed è ottima per le stampe di astrofotografia, dato che consente di ottenere immagini luminose, ricche di dettagli delle stelle", afferma.

Eveline Eisermann, Marketing Communication Specialist presso il produttore di carta fine art Hahnemühle, consiglia la carta Photo Rag Metallic di Hahnemühle per le stampe astronomiche. "Le immagini astronomiche di solito sono ottime su questa carta, che dà loro un aspetto surreale e fa risaltare le stelle e il cielo notturno", spiega.
Tuttavia, dice Eveline, non ci sono scelte giuste o sbagliate per quanto riguarda la carta per la stampa. "Dipende sempre dai gusti dell'artista o fotografo e, ovviamente, dalle sue intenzioni. Alcuni magari pensano che le stelle o il cielo notturno debbano brillare e scelgono quindi una carta lucida; altri, invece, ne preferiscono una opaca. I nostri esperti hanno eseguito stampe di immagini astronomiche su vari tipi di carta, come Photo Rag, Photo Rag Ultra Smooth, William Turner e Photo Rag Baryta".

A prescindere dalla carta, Eveline consiglia di fare delle stampe di prova per valutare le diverse finiture. "Le diverse texture e livelli di lucidità possono aggiungere molto a un'immagine, sotto vari aspetti", dice. "Stampare la stessa immagine permette di fare confronti e ti aiuta a decidere la carta che preferisci o che ritieni più adatta. Hahnemühle offre campioni di carta in formato A4 e A3+ con i tipi di carta Glossy, Matte Smooth, Matte Textured o Natural Line".
Il Canon Ambassador Joel Santos seduto sul pavimento, circondato dalle foto che ha realizzato con la stampante Canon PIXMA PRO-200.

Falsi miti sulla stampa: la verità su 10 pregiudizi comuni

Il Canon Ambassador Joel Santos sfata i falsi miti che circondano la stampa, spiegando come ottenere splendide foto con la stampante Canon PIXMA PRO-200.
Un dettaglio delle impostazioni di selezione della carta nel software Professional Print & Layout di Canon.

L'applicazione Professional Print & Layout di Canon può essere utilizzata come software a sé stante o come plug-in per il tuo software di editing. Consente di perfezionare le immagini per ottenere i migliori risultati possibili, permettendo inoltre la selezione del profilo ICC corretto per la carta che hai scelto. © Drew Buckley

Un dettaglio dell'opzione per la bozza in formato digitale nel software Professional Print & Layout di Canon.

La funzione di bozza in formato digitale nel software Professional Print & Layout di Canon ha permesso a Drew di valutare i risultati prima di stampare. © Drew Buckley

Stampare immagini di cieli notturni

Per ottenere la miglior stampa possibile, che sia quanto più vicina a ciò che vedi sul monitor del computer senza dover fare tante dispendiose prove, calibra il monitor e usa un flusso di lavoro per la gestione del colore. Nel caso di una stampante Canon, la giusta temperatura del colore per lo schermo è di 5000K (D50).

Drew consiglia il software gratuito di Canon, Professional Print & Layout (PPL), che si può usare da solo o come plug-in di software di editing delle immagini come Digital Photo Professional (DPP) di Canon, Adobe Photoshop e Photoshop Lightroom. Per risultati ottimali, scegli il modello di stampante e il profilo ICC specifico per la carta che stai utilizzando.

Drew afferma: "Io uso sempre anche l'opzione per le bozze in formato digitale di PPL, che ti mostra un confronto tra l'immagine sul computer e quella che sarà stampata. A quel punto, puoi regolare ulteriormente l'immagine per perfezionare la stampa, in modo che sia esattamente come desideri".
*Adobe, Lightroom e Photoshop sono marchi o marchi registrati di Adobe negli Stati Uniti e/o in altri Paesi. Photo Rag e altri nomi dei prodotti sono marchi o marchi registrati di Hahnemühle FineArt GmbH negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

Scritto da David Clark


Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro