KIT

Le fotocamere e gli obiettivi Canon ideali per la fotografia architettonica

L'architetto diventato fotografo Fernando Guerra porta una prospettiva unica nelle sue opere. Qui spiega come le fotocamere del sistema EOS R, abbinate a obiettivi decentrabili e RF, lo aiutano a interpretare gli edifici e chi ci abita in modi insoliti e creativi.
Due figure salgono una scala circolare al centro di una grande stanza bianca.

Il fotografo portoghese Fernando Guerra ama gli scatti quadrati, che in genere crea scattando due immagini nella fotocamera: una con l'obiettivo decentrabile inclinato verso l'alto e l'altra con l'obiettivo inclinato verso il basso. Le combina poi in post-produzione. "L'effetto che ottieni è completamente diverso da quello di una normale ripresa verticale, perché è ampio e ti dà la sensazione di essere all'interno della casa o della scena", spiega. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L a 1/4 s, f/7.1 e ISO400. © Fernando Guerra

Grazie all'innovativa decisione di includere le persone nelle sue immagini architettoniche, il Canon Ambassador Fernando Guerra, fotografo di architettura di fama mondiale, è diventato famoso per la sua capacità di dare vita agli spazi. "Cerco di dare vita all'architettura. Non mi interessa davvero fotografare una casa senza arredi o persone. Ciò che mi piace veramente è arrivare in una casa al mattino e fotografare i bambini mentre si preparano per andare a scuola, il ritmo quotidiano della vita. Nessuno aggiungeva questo livello narrativo prima che iniziassi a farlo io. Ciò che mi spinge è la storia delle persone che vivono lì", spiega.

Quali sono quindi le fotocamere e gli obiettivi Canon migliori per la fotografia architettonica? Parlando di obiettivi per la fotografia architettonica, perché gli obiettivi decentrabili Canon nel kit aiutano a fotografare gli edifici?

Qui Fernando parla delle fotocamere e degli obiettivi essenziali per il suo lavoro, mentre Mike Burnhill e John Maurice, Product Specialist di Canon Europe ed esperti di tecnologie degli obiettivi, spiegano perché le scelte di Fernando sono adatte al genere della fotografia di architettura.

Fernando ha un approccio minimalista alla strumentazione e ha ridotto all'essenziale il suo kit preferito per la fotografia architettonica, formato da due obiettivi affidabili e una fotocamera mirrorless full frame. "Più scatti faccio, meno strumenti mi servono", afferma. "L'elemento chiave è la fotocamera, Anche i nuovi modelli di fotocamera, come Canon EOS R5, mi aiutano a scattare meglio".

Fernando, che prima utilizzava una fotocamera Canon EOS 5DS R, ha scelto di utilizzare il sistema EOS R mirrorless, che gli permette di utilizzare i suoi obiettivi preferiti della gamma TS-E, oltre agli obiettivi RF mirrorless full frame.

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Possiedi un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.

Usando obiettivi manuali, Fernando lavora solo con la profondità di campo per creare immagini multilivello, con tutti i dettagli a fuoco, anziché usare aperture piccole e l'effetto bokeh. Solitamente scatta intorno a f/8 e ricerca la nitidezza completa da 1 m all'infinito. Per gli scatti quotidiani, viaggia leggero e si affida agli obiettivi Canon TS-E 17mm f/4 L e Canon TS-E 24mm f/3.5 L II, montati su due Canon EOS R5 tramite gli adattatori EF-EOS R. Utilizza questa configurazione per la maggior parte dei suoi lavori, ottenendo una maggiore versatilità grazie all'uso delle modalità di ritaglio della fotocamera.

Continua a leggere per saperne di più sul migliore kit Canon per la fotografia architettonica, dagli obiettivi grandangolari per catturare un campo visivo più ampio agli obiettivi per catturare i dettagli più piccoli di una città e delle persone dietro agli edifici.

Le migliori fotocamere Canon per la fotografia architettonica

Una ragazza che indossa un costume da bagno blu e una cuffia immerge il piede in una piscina che riflette la luce che filtra dalla parete di legno retrostante, mentre un cagnolino la osserva.

"La stabilizzazione era la cosa che volevo di più", dice Fernando della sua decisione di aggiungere Canon EOS R5 al kit. "Al centro di quello che faccio ci sono le persone, che danno significato alle strutture architettoniche che fotografo. Ora posso lasciare a casa il treppiede, seguire l'azione e reagire più rapidamente, come un fotoreporter". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon TS-E 24mm f/3.5 L II a 1/100 s, f/8 e ISO400. © Fernando Guerra

La fotocamera migliore per l'architettura: Canon EOS R5

"Canon EOS R5 è praticamente la fotocamera perfetta per quello che faccio", spiega Fernando. "È delle dimensioni perfette, ha un ottimo buffer, scatti silenziosi e un touch screen, che adoro. Non guardo mai, ma proprio mai, attraverso il mirino. Quando fotografo l'interno di un edificio, e anche molti esterni, spesso tengo la fotocamera piuttosto in basso, quindi è molto più facile usare lo schermo orientabile. Ormai mi sono abituato a scattare sempre in questo modo.

"Anche la stabilizzazione di EOS R5 è un ottimo strumento. Posso abbassarmi, appoggiare la fotocamera sulle ginocchia e usare un tempo di posa più lungo per sfocare le persone che camminano davanti a un edificio, mentre l'edificio rimane nitido.

Fotocamera Canon EOS R5.

Canon EOS R5

Le incredibili prestazioni di EOS R5 rivoluzioneranno la tua fotografia e le tue riprese.

"La modalità crop di EOS R5 consente anche di avere due obiettivi in uno", continua Fernando. "Quindi, quando hai montato un obiettivo da 17 mm, per esempio, basta premere un pulsante per ottenere la vista di un obiettivo da 28 mm. E se hai un obiettivo da 24 mm, ne ottieni uno da 38 mm. Quindi non mi serve la risoluzione da 45 MP della fotocamera per creare immagini da 45 MP, mi serve perché mi dà la possibilità di ritagliare direttamente nella fotocamera, e nessuno si è mai lamentato delle dimensioni dei miei file".

"EOS R5, in particolare, è eccellente in condizioni di scarsa illuminazione", aggiunge John, "e offre un'alta risoluzione quando serve, quindi è un'ottima fotocamera per la fotografia architettonica. Se la confronti con il precedente modello ad alta risoluzione, Canon EOS 5DS R, la gamma dinamica è migliorata. Anche gli elementi di usabilità sono migliorati, come per esempio lo schermo orientabile che EOS 5DS R non aveva".

Una figura è appoggiata a un muro, con le travi in legno che proiettano motivi di luce.

Fernando ha iniziato a scattare utilizzando il touch screen orientabile quando ha acquistato la sua prima Canon EOS R, e ora scatta sempre con questo invece che con il mirino. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L a 1/160 s, f/8 e ISO200. © Fernando Guerra

Il corpo leggero perfetto per l'architettura: Canon EOS R

Fernando ha utilizzato inizialmente Canon EOS R quando è passato alle mirrorless, ed è una fotocamera che ancora oggi è un'ottima opzione per la fotografia di architettura. "Avevo adottato Canon EOS R quando era uscita perché mi permetteva di fare molte cose in più", spiega Fernando. "È piccola, ha una modalità silenziosa e uno schermo inclinabile, che adoro. Se vado in una location a scattare foto per un architetto, voglio passare inosservato e non essere osservato da tutti. Con una fotocamera EOS R su ogni spalla, potevo essere il più invisibile possibile, e lo stesso vale per i miei due corpi EOS R5.

Fotocamera Canon EOS R.

Canon EOS R

Sensore full frame da 30.3 MP per un incredibile livello di dettaglio, performance ISO e Dual Pixel CMOS AF.

"Lo schermo orientabile mi permetteva di scattare all'altezza del fianco e, dal momento che il touch screen può essere utilizzato anche come otturatore, la fotocamera poteva essere facilmente collocata in posizioni che prima sarebbero state impossibili, ad esempio contro il muro o sul lato opposto di una recinzione. Siccome scatto ogni giorno, lo schermo inclinabile mi aiuta molto. Quando sei sempre in giro per gli aeroporti, è fantastico poter contare su un kit piccolo e facile da trasportare. EOS R ha reso la mia vita quotidiana molto più semplice".

Mike concorda: "Mentre scatti alle basse angolazioni, lo schermo orientabile evita di inginocchiarsi. In alternativa puoi sollevare la fotocamera sopra la testa e inclinare lo schermo verso il basso, per fotografare gli edifici da un'angolazione diversa dall'altezza degli occhi. Questi semplici dettagli fanno una notevole differenza nel modo di interagire con la fotocamera e il soggetto. Grazie all'adattatore per filtro drop-in EF-EOS R sulla fotocamera Canon EOS R, è possibile aggiungere filtri dietro l'obiettivo. Adesso puoi utilizzare una densità neutra o un filtro polarizzatore con tutti gli obiettivi, oltre a cambiare obiettivi e avere il filtro esattamente nella stessa posizione".

I migliori obiettivi Canon per la fotografia architettonica

Una figura si trova su un balcone curvo che si affaccia su una città.

Canon TS-E 24 mm f/3.5 L II ti permette di effettuare i movimenti di inclinazione e decentramento in modo indipendente l'uno dall'altro. Ciò significa che la prospettiva e la profondità di campo possono essere regolate separatamente, ampliando enormemente la flessibilità dell'obiettivo. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark II (ora sostituita da Canon EOS 5D Mark IV) e obiettivo Canon TS-E 24mm f/3.5 L II a 0,3 s, f/7.1 e ISO100. © Fernando Guerra

Una figura reclinata su una poltrona con un cavallo e un paesaggio sullo sfondo.

Quando Fernando passa una giornata a fotografare una casa, non è insolito che si ritrovi con 4.000-7.000 foto. "Ci si potrebbe aspettare che la fotografia architettonica sia lenta, ma non è così", spiega. "Anche se gli edifici non si muovono, la vita intorno a loro sì, quindi devi muoverti rapidamente per catturarla. Anche se non mi servono i 20 fps di EOS R5, ho bisogno del suo caricamento veloce, perché non posso aspettare che la fotocamera scriva i file". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon TS-E 24mm f/3.5 L II a 1/160 s, f/10 e ISO200. © Fernando Guerra

Il miglior obiettivo Canon per la fotografia architettonica: Canon TS-E 24mm f/3.5 L II

"Per cominciare a fotografare gli edifici, l'obiettivo Canon TS-E 24mm f/3.5 L II è il migliore", spiega Fernando. "Anche se non tutto l'edificio entra nel fotogramma, è molto utile per imparare. Quando si prova a risolvere i problemi e si studia la fotografia architettonica, l'obiettivo da 24 mm è la scelta migliore. È anche più sicuro per i principianti, rispetto a un obiettivo grandangolare che potrebbe causare una distorsione. Se ho bisogno di lunghezza focale, l'obiettivo da 24 mm è perfetto, quasi senza distorsione".

Canon TS-E 24mm f/3.5 L II

Il modello TS-E 24mm f/3.5 L II è stato messo a punto per offrire una qualità eccezionale dell'immagine anche ai margini dell'inquadratura. Massima libertà creativa grazie alla rotazione indipendente dei meccanismi di basculaggio e decentramento.

"Canon TS-E 24mm f/3.5 L II è un obiettivo TS-E ad alte prestazioni per il lavoro quotidiano", continua Mike. "Fornisce un grandangolo, ottima qualità e un'ampia gamma di movimenti, che permette di spostare l'obiettivo verso l'alto per evitare errori di parallasse, o inclinarlo per aumentare la profondità di campo nella fotografia architettonica.

"Questi obiettivi sono caratterizzati da un vetro UD ad alte prestazioni per rimuovere l'aberrazione cromatica. È una cosa importante nella fotografia architettonica: i bordi degli edifici contro il cielo spesso causano una distorsione del colore. Il rivestimento SWC garantisce le massime performance, per evitare gli effetti di flare e ghosting, mentre le lenti asferiche di vetro stampato ad ampio diametro migliorano la nitidezza dell'immagine".

Una scala gialla all'esterno di un edificio fotografata contro un cielo blu.

John sottolinea che l'ampio innesto RF di Canon EOS R5 è un vantaggio quando devi fotografare l'architettura con un obiettivo decentrabile come TS-E 17mm f/4 L. "Il cerchio immagine è molto ampio con un obiettivo decentrabile, il che significa che lo stabilizzatore integrato può muovere il sensore in misura maggiore per correggere le vibrazioni", spiega. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L a 1/4 s, f/6.3 e ISO100. © Fernando Guerra

Il miglior obiettivo grandangolare Canon specializzato: Canon TS-E 17mm f/4 L

"Nella fotografia architettonica, tutto deve stare nella foto, ma solitamente non c'è molto spazio a disposizione, perché si scatta per la strada, con un grande edificio di fronte", spiega Fernando. "Il lancio della fotocamera Canon TS-E 17mm f/4 L ha cambiato completamente la mia vita. All'improvviso potevo fotografare un grattacielo intero, cosa che prima mi era impossibile senza indietreggiare di 300 metri. Penso che questo abbia cambiato per sempre anche la scena della fotografia architettonica, perché l'obiettivo da 17 mm, insieme alla fotocamera Canon TS-E 24mm f/3.5 L II, forma la base della fotografia architettonica.

Obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L.

Canon TS-E 17mm f/4 L

Progettato per la fotografia di architettura, l'obiettivo TS-E 17mm f/4 L vanta una distorsione minima e offre una nitidezza ottimale su tutto il campo visivo, oltre alla rotazione indipendente dei meccanismi di basculaggio e decentramento.

"L'unica regola della fotografia architettonica è che le linee verticali devono rimanere dritte. Tuttavia, con un obiettivo grandangolare si rischia di modificare le proporzioni di un edificio. Ma se mi considero un messaggero, non posso creare un edificio diverso da quello che devo fotografare. Gli obiettivi TS-E possono essere inclinati e spostati. Quello che mi occorre veramente è la possibilità di spostare l'obiettivo verso l'alto, di modo che rimanga parallelo all'edificio. Così riesco a farlo stare tutto nel fotogramma".

"Canon TS-E 17mm f/4 L ha il campo visivo più ampio di qualsiasi obiettivo decentrabile sul mercato ed è l'ideale per gli interni o gli edifici di grandi dimensioni, dove è difficile inquadrare tutto", aggiunge Mike. "Presenta anche una distorsione minima per un obiettivo così ampio. La fotografia architettonica dev'essere bella e interessante, ma anche assolutamente precisa. Non vogliamo edifici che si piegano o cambiano la geometria dell'architetto, solo perché la distorsione dell'obiettivo offre un aspetto migliore. Molti obiettivi grandangolari introducono un effetto di curvatura che sembra aumentare gli spazi. Questo obiettivo è importante perché, quando viene utilizzato da un professionista, mostra l'edificio esattamente come lo aveva concepito l'architetto".

Una figura all'interno di una grande struttura geometrica grigia.

L'obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L ha il campo visivo più ampio di qualsiasi obiettivo decentrabile sul mercato", afferma Mike. Scatto realizzato con fotocamera Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon TS-E 17mm f/4 L a 1/20 s, f/10 e ISO200. © Fernando Guerra

Una figura in bicicletta passa davanti a una struttura geometrica grigia.

"Non sono gli edifici a entusiasmarmi, ma le persone, le storie e il carattere", afferma Fernando. Scatto realizzato con Canon EOS 5DS R e obiettivo Canon TS-E 50mm f/2.8 L Macro a 1/125 s, f/8 e ISO200. © Fernando Guerra

Il miglior obiettivo per persone ed edifici: Canon TS-E 50mm f/2.8 L MACRO

"Canon TS-E 50mm f/2.8 L MACRO è un ottimo obiettivo per i ritratti", afferma Fernando. "Sul campo, a volte devo fotografare una persona all'interno della casa, o scattare un ritratto dell'architetto, e questo è un obiettivo meraviglioso, anche se ultimamente preferisco portare con me Canon RF 50mm F1.8 STM, che è più piccolo. Se utilizzo le modalità taglio, posso avere anche un obiettivo da 80 mm con la pressione di un pulsante. Essendo un architetto, posso ben dire che amo l'architettura. Ma non è questo il vero motivo per cui faccio quello che faccio. Mi piace ritrarre le persone nel loro ambiente".

Canon TS-E 50mm f/2.8 L MACRO

Questo obiettivo decentrabile compatto professionale da 50 mm offre controllo della prospettiva per foto di architettura e panorami eccezionali.

Mike spiega: "Uno dei nostri nuovi modelli, l'obiettivo Canon TS-E 50mm f/2.8 L MACRO, offre una gamma di movimenti molto più ampia degli obiettivi grandangolari, lungo la lunghezza focale. Il principale vantaggio degli obiettivi decentrabili Canon è che possono essere ruotati, permettendo di cambiare più facilmente la modalità di utilizzo. Se devi fotografare un edificio alto, ma anche il percorso per raggiungerlo, questo obiettivo permette di aumentare la profondità di campo inclinandolo, in modo da migliorare la nitidezza, ma si può anche spostare per includere l'intero edificio nello scatto. Gli altri obiettivi decentrabili sul mercato permettono di eseguire solo uno di questi movimenti.

"Più piccola è l'apertura, più morbida risulta l'immagine, a man a mano che la profondità di campo aumenta. Il vantaggio di un obiettivo TS-E è che si può inclinare l'ottica in modo da ottenere un'immagine più nitida, da un'estremità all'altra, sistemando l'ottica a un'inclinazione simile a quella del paesaggio che si ha di fronte. Per questo motivo non è necessario fermare l'obiettivo all'apertura più piccola per ottenere un'immagine nitida. La migliore nitidezza dell'ottica è nella gamma di aperture al centro dell'obiettivo, quindi è possibile utilizzare l'apertura più nitida e ottenere comunque la massima profondità di campo, aumentando così la risoluzione dell'immagine".

Il miglior accessorio per obiettivi per i fotografi di architettura: adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in

Fernando utilizza l'adattatore EF-EOS R per filtri drop-in per montare i suoi obiettivi TS-E con innesto EF all'innesto RF di Canon EOS R5. "L'ultima cosa che vorrei è che Canon realizzasse un obiettivo TS con innesto RF nativo", afferma, "perché la possibilità di utilizzare filtri drop-in nell'adattatore è una soluzione incredibile per qualsiasi fotografo di architettura!

"Uso un filtro polarizzatore ogni singolo giorno e spesso uso un filtro ND quando fotografo edifici su strade trafficate. Se non voglio le persone o il traffico nell'inquadratura, posso impostare l'esposizione a più di un minuto, in modo che non si vedano le auto o le persone in movimento".

Come sottolinea John, l'adattatore EF-EOS R per filtri drop-in è particolarmente utile per quegli obiettivi su cui è difficile montare i filtri nella parte anteriore. "Canon TS-E 17mm f/4 L, per esempio, non ha un elemento frontale piatto, quindi sarebbe necessario un sistema di filtri su misura. Il fatto che si tratti di un filtro drop-in significa anche che non c'è il problema della vignettatura, che si verifica di solito quando si monta un filtro sulla parte anteriore di un obiettivo grandangolare o ultragrandangolare".

Adattatore Canon EF-EOS R per filtro drop-in

L'adattatore EF-EOS R per filtro drop-in offre le funzionalità dell'adattatore EF-EOS R e la possibilità di utilizzare filtri drop-in. In questo modo non è più necessario adattare i filtri alla parte anteriore dell’obiettivo, in particolare quando si usano obiettivi grandangolari con ampio elemento frontale.
Diversi edifici con finestre sporgenti fotografati da davanti in una giornata di sole.

"È un ottimo obiettivo perché è piccolo e posso metterlo in borsa", dice Fernando di Canon RF 50mm F1.8 STM. Con nuove ottiche e un motore STM incredibilmente silenzioso, questo moderno e versatile obiettivo da 50 mm porterà la tua fotografia a un livello superiore. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 50mm F1.8 STM a 1/6000 s, f/1.8 e ISO100.

Il miglior obiettivo per combinare ritratti e dettagli architettonici: Canon RF 50mm F1.8 STM

Fernando ha aggiunto al suo kit un obiettivo Canon RF 50mm F1.8 STM, che spesso utilizza al posto di Canon TS-E 50mm f/2.8 L MACRO. "A volte devo ritrarre gli architetti o fotografare dettagli all'interno delle case, ma mi piace farlo a mano libera. L'apertura f/1.8 mi offre più opzioni e posso creare composizioni molto diverse da quelle che ottengo con gli obiettivi da 17 o 24 mm. Inoltre, se devo fare un ritratto, mi basta attivare il ritaglio di Canon EOS R5 per avere la visuale equivalente a quella di un obiettivo da 80 mm, quindi è perfetto per le mie esigenze", spiega.

Canon RF 50mm F1.8 STM

RF 50mm F1.8 STM è un obiettivo piccolo, leggero e conveniente, con un'ampia apertura pari a f/1.8, ideale in condizioni di scarsa illuminazione e ottimo per un uso creativo della profondità di campo.

"L'obiettivo 50mm f/1.8 è spesso il primo obiettivo creativo che le persone scoprono", aggiunge John. "La versione EF è molto conveniente e l'apertura massima di f/1.8 è molto interessante dal punto di vista creativo, in quanto è ottima per sfocare gli sfondi e per le condizioni di scarsa illuminazione". Canon RF 50mm F1.8 STM porta avanti questa tradizione, ma con una qualità migliore e un formato compatto. È molto comodo e non occupa molto spazio, ma è molto potente".

Altri obiettivi Canon RF da prendere in considerazione

L'interno rustico di un bar accogliente, arredato con divani e tavoli e sedie in legno nei toni del marrone, del giallo e del verde e decorato con lampade e piante in vaso.

Canon RF 24mm F1.8 MACRO IS STM è un obiettivo grandangolare a focale fissa che offre una veloce apertura massima di f/1.8, stabilizzazione dell'immagine e capacità di messa a fuoco macro. Scatto realizzato con Canon EOS R6 e obiettivo Canon RF 24mm F1.8 MACRO IS STM a 24 mm, 4 s, f/5.6 e ISO100.

Un soffitto elaborato composto da pannelli circolari e vetrate colorate fotografato dal basso.

Canon RF 15-30mm F4.5-6.3 IS STM è un obiettivo zoom ultragrandangolare avanzato dotato di stabilizzatore d'immagine a 5,5 stop per fotografare architettura e paesaggi senza treppiede. Scatto realizzato con Canon EOS R6 e obiettivo Canon RF 15-30mm F4.5-6.3 IS STM a 15 mm, 1/6 s, f/8 e ISO100.

Le migliori opzioni per fotografare edifici con un budget limitato

Anche se gli obiettivi TS-E sono i migliori per la fotografia architettonica, esistono alcuni obiettivi grandangolari e ultragrandangolari della gamma RF che consentono di catturare interni e scene urbane con una spesa più contenuta. "Prendiamo come esempio Canon RF 24mm F1.8 MACRO IS STM", propone John. "È un'opzione piccola e leggera per chi ama l'aspetto che si ottiene con una lunghezza focale di 24 mm. È interessante avere il macro su un obiettivo grandangolare, che ti consente di avvicinarti a un soggetto o a un dettaglio e di mostrarlo nel contesto. Ora puoi acquistare una serie di obiettivi RF con lunghezze focali classiche (24 mm, 35 mm, 50 mm e 85 mm), di dimensioni e peso simili e dotati di funzionalità IS e macro, che offrono una qualità superiore rispetto alle controparti EF.

"Molti fotografi amano gli zoom ultragrandangolari perché offrono la flessibilità per fotografare architettura, interni ed eventi, e Canon RF 15-30mm F4.5-6.3 IS STM è un'opzione avanzata e conveniente di questo tipo di obiettivo. Potrebbe essere un po' scuro in termini di apertura massima, ma l'architettura e i paesaggi spesso vengono fotografati a f/8. Se utilizzassi un obiettivo da f/4 o f/2.8, non sfrutteresti la sua piena capacità per la maggior parte del tempo.

"Se desideri un obiettivo ultragrandangolare più luminoso, esiste il compatto Canon RF 16mm F2.8 STM", continua John. "Questa lunghezza focale non mette d'accordo tutti, perché secondo alcuni diventa troppo strana sotto i 24 mm, ma è una questione di gusti".

Due bambini si rilassano in un'elegante stanza con una piscina interna incastonata nel pavimento in legno e una vetrata a tutta parete che si affaccia su uno splendido paesaggio di campagna.

Oltre ai suoi obiettivi decentrabili Canon per l'architettura, Fernando apprezza la versatilità del conveniente zoom RF 24-240mm F4-6.3 IS USM, che ha utilizzato per fotografare questa piscina interna. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 24-240mm F4-6.3 IS USM a 24mm, 1/125 s, f/14 e ISO160. © Fernando Guerra

Una figura accovacciata sotto un tetto di legno che proietta linee d'ombra sul muro e sul pavimento.

"Con l'opzione di ripresa in modalità ritaglio di EOS R5, posso passare a un obiettivo da quasi 400 mm con la semplice pressione di un pulsante", dice Fernando a proposito della combinazione di EOS R5 e dell'obiettivo Canon RF 24-240mm F4-6.3 IS USM. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 24-240mm F4-6.3 IS USM a 80 mm, 1/80 s, f/18 e ISO320. © Fernando Guerra

Un altro obiettivo che Fernando usa spesso è il versatile Canon RF 24-240mm F4-6.3 IS USM. "È uno zoom amatoriale, ma lo adoro per fotografare i dettagli di un edificio o una scena lontana", spiega.

Infine, Fernando consiglia il suo obiettivo preferito per la fotografia di strada, di cui si occupa da quando aveva 16 anni. "Sono conosciuto per includere la strada, non solo l'edificio, per dare vita e significato a quello che ritraggo. Includere le persone nell'architettura mi ha inoltre permesso di introdurre qualcosa di nuovo in campo architettonico. Quando sono per strada non voglio essere al centro dell'attenzione. L'obiettivo Canon RF 35mm F1.8 MACRO IS STM è l'ideale, perché è così piccolo da poterlo montare su una fotocamera e portare in giro la sera. Si può fare fotografia di strada, ma anche concentrarsi sugli edifici".

"Canon RF 35mm F1.8 MACRO IS STM offre una qualità dell'immagine sorprendente, per essere uno degli obiettivi di livello base del sistema EOS R", concorda Mike. "Dispone di funzionalità macro, ha un'apertura rapida e uno stabilizzatore, il tutto con dimensioni più piccole di quelle degli obiettivi reflex dello stesso tipo. È molto compatto e leggero, quindi è un obiettivo discreto che si può trasportare come un blocco per appunti, per registrare piccoli dettagli. Si può lavorare anche in modalità silenziosa, se si desidera includere soggetti nel fotogramma senza disturbarli mentre interagiscono con gli edifici e gli elementi architettonici".

Le fotocamere del sistema Canon EOS R offrono ai fotografi di architettura la libertà di catturare il design e la struttura degli edifici in modi nuovi e creativi. Dal sensore ad alta risoluzione, alle opzioni di ritaglio integrate, fino all'IBIS e al touch screen orientabile, il passaggio a una fotocamera come Canon EOS R5 offre notevoli vantaggi pratici.

Poi c'è anche la flessibilità offerta dall'innesto RF e dagli adattatori. "Anche se non esistono obiettivi RF decentrabili, il grandangolo è diventato più ampio nella gamma RF", aggiunge John. "Il design dell'innesto RF rende più facile la realizzazione di obiettivi grandangolari e ultragrandangolari di alta qualità, e ci sono più opzioni tra cui scegliere per la fotografia architettonica".

Scritto da Lucy Fulford and Marcus Hawkins


Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro