PAESAGGIO

Dare vita ai paesaggi con i filtri drop-in

Per il fotografo di paesaggi Guy Edwardes, i filtri per obiettivo sono l'ingrediente segreto che gli permette di catturare immagini ricche di atmosfera. Qui racconta come il passaggio a Canon EOS R5 e all'adattatore EF-EOS R con filtro drop-in ha semplificato il suo lavoro e gli ha permesso di esplorare nuovi orizzonti creativi.
Esposizione di un secondo di un fiume che scorre veloce circondato da montagne. La lunga esposizione ha sfocato il movimento dell'acqua.

Il fotografo paesaggista Guy Edwardes ha realizzato questo intenso scatto di un fiume nel Glencoe durante un workshop fotografico nelle Highlands scozzesi. "Non mi piace usare un'esposizione breve quando c'è dell'acqua in movimento", spiega. "In questi casi uso filtri a densità neutra (ND). Scelgo quello giusto per ottenere un preciso tempo di esposizione". Scatto realizzato con Canon EOS R5 con adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in e obiettivo Canon EF 11-24mm f/4 L USM con un filtro ND a 3 stop a 11 mm, 1 s, f/11 e ISO100 © Guy Edwardes

Con le sue spettacolari cascate e le sue vette imponenti, non c'è posto come Glencoe nelle Highlands scozzesi, ma ricreare l'atmosfera di un luogo del genere richiede padronanza tecnica ed estro creativo. Quando stava lavorando in questo paesaggio scozzese nel 2020, il fotografo inglese Guy Edwardes ha portato con sé i suoi filtri per obiettivi, che gli hanno permesso di catturare quei panorami mozzafiato e cieli drammatici usando esposizioni di un secondo o più.

"Invece di congelare il momento, gli dà un po' di vita", spiega Guy, specializzato in fotografia paesaggistica e naturalistica. Con due decenni di esperienza nel campo della fotografia e una serie di clienti che comprende pubblicazioni come Amateur Photographer, PhotoPlus, Outdoor Photography, Country Life e BBC Countryfile Magazine, Guy è anche autore di due libri sul miglioramento della tecnica fotografica e tiene dei workshop per condividere le sue competenze con altri.

Una fotocamera con un grosso obiettivo montata su un treppiede. Una mano si avvicina per inserire un filtro nell'adattatore sul retro dell'obiettivo.

Prima di passare all'adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in, Guy si era chiesto se il filtro sul retro dell'obiettivo potesse compromettere la qualità dell'immagine, ma i suoi scatti sono nitidi come sempre. © Guy Edwardes

Quando utilizzare i filtri per obiettivi per migliorare i paesaggi

Fin dai primi tempi in cui scattava con le fotocamere a pellicola, Guy ha utilizzato i filtri, elementi in vetro o gelatina che si posizionano davanti all'obiettivo e modificano la dinamica della luce che entra nella fotocamera, per bilanciare i colori, scurire una scena, ridurre la foschia dovuta ai raggi UV o creare un effetto soft focus, per esempio.

Quando scattava con le fotocamere a pellicola, Guy utilizzava filtri a densità neutra (ND) graduati per controllare le scene ad alto contrasto, come un cielo luminoso con un primo piano scuro. "Ma non appena sono passato al digitale, ho iniziato a usare il bracketing dell'esposizione nella fotocamera [creando una serie di immagini con diverse impostazioni di esposizione] per ottenere una gamma dinamica più elevata", spiega. "Poi le univo nel software di post-produzione per ottenere l'immagine migliore".

Il kit di Guy ora contiene un polarizzatore, un filtro ND variabile e tre filtri ND solidi (da 3 stop, 6 stop e 10 stop) da abbinare a Canon EOS R5 e ai suoi amati obiettivi EF, che utilizza con l'adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in.

"Questi filtri riducono la quantità di luce che entra nella fotocamera, quindi li uso per il bracketing dell'esposizione o per ottenere tempi di esposizione più lunghi per catturare il movimento dell'acqua o il passaggio delle nuvole", spiega Guy. "Uso filtri ND solidi quando lavoro con tempi di esposizione lunghi, a volte fino a cinque o dieci minuti, per ottenere un aspetto striato nel cielo nuvoloso, che può aiutare nella composizione o dare un risultato leggermente più astratto".

Le esposizioni più lunghe sono utili anche per fotografare l'acqua. "Se fotografi un fiume in rapido movimento, come nel Glencoe, con un tempo di esposizione più breve, ottieni dettagli precisi e contrasto nell'acqua, e questo può distrarre e far sembrare lo scatto disordinato. Non c'è nessuna separazione tra le rocce circostanti, la vegetazione sulla riva e l'acqua in movimento: tutto si fonde.

"Il polarizzatore rimuove i riflessi dal fogliame e scurisce o aumenta il contrasto del cielo. Questo è difficile, se non impossibile, da replicare in un software: deve essere fatto al momento dell'esposizione".

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Onde che colpiscono il muro di un porto durante una tempesta. Una lunga esposizione ha sfocato il movimento dell'acqua.

Guy ha scattato questa lunga esposizione eterea del porto di Portreath in Cornovaglia, nel Regno Unito, durante una tempesta. Utilizza il più possibile l'otturatore elettronico di EOS R5, "perché significa che così non c'è nessun movimento meccanico nella fotocamera quando avviene l'esposizione". Scatto realizzato con Canon EOS R5 con adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8 L II USM con filtro ND a 3 stop a 70 mm, 1/2 s, f/11 e ISO100. © Guy Edwardes

Un bosco di campanule fotografato con un filtro polarizzatore per eliminare i riflessi sul fogliame e rendere i colori più saturi.

"Se stai fotografando una scena boschiva, come questo scatto di Ashmore Woods, a Cranborne Chase nel Dorset, Regno Unito, dove ci sono riflessi sul fogliame, il polarizzatore fa un'enorme differenza rimuovendo quei riflessi e saturando i colori", afferma Guy. Ma avverte: "Fai attenzione se usi il polarizzatore per migliorare dei dettagli nel cielo, perché potresti ottenere un effetto non uniforme, in particolare con gli obiettivi grandangolari". Scatto realizzato con Canon EOS R5, adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8 L II USM con filtro polarizzatore a 44 mm, 1/20 s, f/2.8 e ISO100. © Guy Edwardes

Filtri drop-in per obiettivi per il sistema Canon EOS R: rapidi e precisi

Guy è sempre stato un fotografo Canon, ma nel 2020 è passato alle mirrorless, in particolare perché è rimasto molto colpito dall'adattatore EF-EOS R con filtri drop-in. Canon offre tre tipi di filtro: uno trasparente (CL), uno di polarizzazione circolare (C-PL) e uno a densità neutra variabile (V-ND). È possibile utilizzare anche filtri di terze parti con l'innesto, che è resistenti agli agenti atmosferici e contro polvere e umidità e perfetto per il lavoro sul campo.

Con un filtro V-ND puoi realizzare il bracketing dell'esposizione senza dover cambiare i filtri, mantenendo le stesse impostazioni della fotocamera e ruotando semplicemente il filtro per dare a ciascun fotogramma un'esposizione diversa. Il modello di Canon può essere regolato da un equivalente ND2,5 a ND500. La possibilità di impostare l'ISO e l'esposizione e poi spostare il filtro sulla luminosità corretta rende il processo più semplice e consente di essere "più precisi", aggiunge Guy.

Allo stesso modo, il sistema di filtri drop-in consente a Guy di utilizzare più filtri insieme, come un polarizzatore e un filtro ND. Prima c'era il rischio che le filettature si incastrassero e che si verificasse la vignettatura (una perdita di luminosità verso i bordi dell'immagine), ma ora è possibile montare un filtro sulla parte anteriore dell'obiettivo e uno nell'adattatore drop-in, in modo che ciò non accada.

Guy sottolinea inoltre che il sistema drop-in velocizza notevolmente il suo flusso di lavoro sul campo. Lavorare con i tradizionali filtri a vite o con i portafiltri di sistema potrebbe essere frustrante e complicato. "Quando hai a che fare con una luce transitoria, più velocemente puoi lavorare, meno rischi di perdere lo scatto", sostiene.

Fuoco e ghiaccio: fotografare paesaggi estremi

Ása Steinars e Clement Kiragu discutono delle sfide e delle opportunità uniche poste dalla fotografia in ambienti estremi.
Il sole sorge dal mare, illuminando una spettacolare costa rocciosa e una distesa erbosa.

"Tutti gli obiettivi Canon sono ottimi e molto nitidi", afferma Guy, che ha scattato questa lunga esposizione del sole che sorge su Durdle Door, nella Jurassic Coast del Regno Unito, patrimonio mondiale dell'umanità nel Dorset. "Ma è la gamma di obiettivi tra cui poter scegliere che, secondo me, dà il vantaggio a Canon. Hanno obiettivi insoliti, come la gamma di obiettivi EF decentrabili e l'ultragrandangolare 11-24 mm. Scatto realizzato con Canon EOS R5, adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in e obiettivo Canon EF 11-24mm f/4 L USM con filtro V-ND a 11 mm, 30 s, f/16 e ISO100. © Guy Edwardes

Una visione diversa

I vantaggi dell'adattatore sono molti, ma uno dei più importanti per Guy è il fatto che gli consente di utilizzare obiettivi grandangolari estremi con i filtri, compreso il suo obiettivo preferito, Canon EF 11-24mm f/4 L USM. "Questi tipi di obiettivo tendono ad avere elementi frontali a cui non è possibile applicare i normali filtri. Esistono dei supporti per filtri di terze parti molto ingombranti che potrebbero funzionare, ma era semplicemente poco pratico usarli", afferma.

In precedenza, se scattava con Canon EF 11-24mm f/4 L USM sulla sua reflex digitale, si ritrovava "con un sistema di filtri delle dimensioni di un piatto per coprire il grandangolo. Era enorme, pesante e molto costoso". Con l'adattatore Canon EF-EOS R per filtri drop-in, il filtro è posizionato sul retro dell'obiettivo, il che lo rende portatile e molto più facile da utilizzare.

La possibilità di utilizzare questi obiettivi con i suoi filtri ha aperto molte altre possibilità creative. "L'occhio umano vede qualcosa di simile a un obiettivo 40-50 mm. Se si passa a 11 mm, la scena è molto diversa", afferma Guy. "Se fotografi luoghi noti o che sono stati fotografati spesso, un grandangolo può far risaltare le tue immagini, esaltandone la profondità. Puoi scattare con qualcosa di molto grande in primo piano, ma poi il punto focale lontano sarà molto più piccolo. Aiuta ad attirare l'attenzione attraverso la scena".

Attirare lo sguardo è l'essenza della fotografia di paesaggio. Nella sua forma migliore, non solo documenta una scena, ma ispira un senso di meraviglia e stupore e, per Guy, i filtri per obiettivi drop-in sono l'ingrediente segreto.

Scritto da Rachel Segal Hamilton


Il kit di Guy Edwardes

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare le loro foto

Fotocamere, obiettivi e filtri drop-in Canon disposti su una superficie in finto legno.

Fotocamere

Canon EOS R5

Una fotocamera mirrorless full frame professionale che offre a fotografi e filmmaker immagini ad alta risoluzione e video in 8K. "Il vantaggio principale per la fotografia paesaggistica è l'adattatore EF-EOS R per filtri drop-in, oltre alla gamma dinamica più ampia. Per la fotografia naturalistica, l'AF con rilevamento degli occhi fa una grossa differenza", spiega Guy. "Lo schermo LCD posteriore completamente orientabile è un enorme vantaggio per la maggior parte delle mie fotografie, specialmente quando devo scattare da angolazioni scomode".

Obiettivi

Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS II USM

Un obiettivo 100-400 mm zoom compatto a prestazioni elevate. "Questo è l'obiettivo che uso di più, penso che sia uno dei migliori mai prodotti da Canon", sostiene Guy. "La nitidezza è costante ed è incredibilmente versatile. Lo uso sia per la fotografia naturalistica sia per i primi piani di fiori o insetti".

Canon EF 24-70mm f/2.8 L II USM

Obiettivo zoom standard professionale in grado di offrire una qualità d'immagine eccezionale e un'apertura pari a f/2.8 su tutto il campo focale. "Questo obiettivo offre un campo visivo simile a quello dell'occhio umano e io preferisco qualcosa di più drammatico, ma a volte è l'unico che ti dà la lunghezza focale esatta di cui hai bisogno per far funzionare la composizione", sostiene Guy.

Canon EF 16-35mm f/2.8 L III USM

Un obiettivo zoom ultragrandangolare di altissima qualità, con un'apertura massima costante di f/2.8, per garantire un'eccezionale qualità dell'immagine anche in condizioni di scarsa illuminazione. Guy afferma: "Questo è un ottimo obiettivo grandangolare, molto nitido. Lo uso anche per l'astrofotografia di paesaggio".

Canon EF 11-24 mm f/4 L USM

Questo obiettivo zoom di alta qualità racchiude una gamma completa di lunghezze focali ultragrandangolari. "Il campo visivo estremamente ampio che puoi ottenere con questo obiettivo ti offre una prospettiva diversa sulle cose e un maggiore senso di profondità durante l'acquisizione di paesaggi", afferma Guy.

Canon EF 8-15mm F4 L Fisheye USM

Un obiettivo zoom fisheye che consente di scegliere tra immagine full frame o circolare. Guy afferma: "Il fisheye non è un obiettivo che molti associano alla fotografia paesaggistica, ma io trovo che in certe situazioni possa essere davvero utile per creare una prospettiva leggermente diversa".

Accessori

Adattatore Canon EF-EOS R per filtro drop-in

L'adattatore EF-EOS R con filtro drop-in offre le funzionalità dell'adattatore EF-EOS R e la possibilità di utilizzare filtri drop-in. Il motivo principale per cui Guy è passato dalle reflex digitali alla mirrorless EOS R5 è stato questo adattatore, che gli ha permesso di utilizzare facilmente i filtri per obiettivo e di continuare a usare i suoi obiettivi EF preferiti.

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro