ARTICOLO

Chris Fallows parla delle soddisfazioni e dei rischi della fotografia di squali

Quando ha iniziato a fotografare gli squali, il Canon Ambassador ha fatto una scoperta rivoluzionaria sul loro comportamento. Qui spiega come questa ha contribuito a plasmare la sua straordinaria carriera.
Un'immagine in bianco e nero di un enorme squalo bianco che emerge dall'oceano.

Il Canon Ambassador Chris Fallows è affascinato dagli squali da quando a 13 anni si è trasferito a Città del Capo, in Sudafrica, con i genitori; ha pubblicato 10 relazioni scientifiche sul loro comportamento. Questo scatto, dal titolo "Storm Lord", è stato realizzato con Canon EOS-1D X Mark III e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS USM (ora sostituito da Canon EF 70-200mm f/2.8L IS III USM) a 95 mm, 1/1600 sec, f/4.5 e ISO400. © Chris Fallows

Pochi fotografi spingono il proprio kit al limite più del Canon Ambassador Chris Fallows. "Presa a calci da elefanti, morsa da grandi squali bianchi e ricoperta di spruzzi di sale quasi ogni giorno, da -50 °C nell'Artico a 50 °C nella valle dello Zambesi, da bufere e tempeste di neve nella Georgia del Sud a tempeste di sabbia a Etosha, in Namibia... Se è riuscita a sopravvivere a tutto questo, andrà bene quasi a tutti", sostiene.

È chiaro che Chris fotografa una vasta gamma di animali selvatici in diversi ambienti impegnativi, ma è principalmente noto per le sue immagini di grandi squali bianchi. Lavorando tra arte e scienza, l'esperto di squali sudafricano crea stupefacenti foto monocromatiche della fauna selvatica e allo stesso tempo scopre nuove informazioni sul comportamento dei predatori – il tutto con un kit Canon.
Qui, Chris parla della scoperta rivoluzionaria che ha contribuito a dare inizio alla sua carriera fotografica, dell'iconico scatto "Air Jaws" e del motivo per cui la fotocamera Canon EOS R5 oggi è la sua prima scelta.

Ascolta la conversazione in questo episodio del podcast Shutter Stories di Canon:
Un'immagine in bianco e nero di uno squalo che fa un balzo di diversi metri fuori dall'acqua, sotto un cielo tempestoso.

"Cerco quasi sempre di fotografare la fauna selvatica dalla loro prospettiva", afferma Chris. "In mare scatto da una barca personalizzata che assomiglia a un'enorme tavola da surf. Vedo questi animali come se fossero nostri pari, per questo preferisco guardarli dal basso in alto e non viceversa". Scatto realizzato con Canon EOS-1D Mark II (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark III) e obiettivo Canon EF 28-300mm f/3.5-5.6L IS USM a 35 mm, 1/250 sec, f/3.5 e ISO400. © Chris Fallows

Come hai scoperto nel 1996 che gli squali emergono, saltando molto in alto per catturare la preda?

"Mentre stavo lavorando a "Great White Shark", una serie BBC Wildlife con David Attenborough, ho visto uno squalo saltare su una tavola da surf che un ricercatore stava tirando a riva. Questo mi ha dato l'idea di provare con un'esca a forma di foca. Ora sappiamo che lo squalo la attaccherà. Da allora abbiamo osservato che gli squali emergono spontaneamente per catturare le foche.

"Le reazioni sono state incredibili, ne hanno parlato sul New York Times e sul Sydney Morning Herald. Non esiste una specie che attragga più attenzione mediatica del grande squalo bianco, e parlare di squali volanti era una novità pazzesca. Speravo che i bambini la vedessero come una ragione in più per innamorarsi degli squali e crescessero con l'idea di proteggerli. Adoro il fatto che, tra più di 500 specie, ognuna abbia una particolarità. Ognuna è eccezionale a modo suo, e hanno personalità incredibili".
Disponi di un kit Canon?

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Un'immagine in bianco e nero, scattata dal basso, di un grosso squalo che nuota vicino alla superficie dell'oceano

Chris e sua moglie Monique hanno creato il più grande database al mondo sul comportamento predatorio degli squali. Con una posta in gioco così alta durante i servizi, Chris deve sapere di poter contare sulla sua attrezzatura per potersi concentrare sulle personalità uniche degli squali. "Sott'acqua, utilizzo Canon EOS 5D Mark IV con un obiettivo Canon EF 8-15mm f/4L Fisheye USM all'interno di una custodia con due flash", spiega Chris. Scatto realizzato a 15 mm, 1/200 sec, f/10 e ISO500. © Chris Fallows

Devi esserti trovato in situazioni straordinarie mentre fotografavi gli squali. Qual è stata la più difficile?

"Una delle più impegnative è stata cercare di ottenere uno scatto grandangolare ed estremamente ravvicinato di un grande squalo bianco che emerge dalla superficie dell'oceano. Ho dovuto far costruire un piccolo rimorchio, appositamente progettato, sul quale ho posizionato la fotocamera a meno di 30 cm dalla superficie dell'acqua, con la parte anteriore dell'obiettivo completamente esposta agli elementi. La fotocamera è stata poi trascinata a meno di tre metri di distanza dal punto in cui speravamo sarebbe emerso uno squalo.

"Ero terrorizzato ogni giorno, perché era un rischio elevato avere un'attrezzatura molto costosa vicino all'acqua con la possibilità che uno squalo di una tonnellata potesse saltare lì vicino, facendo cadere centinaia di litri d'acqua sulla fotocamera. Dovevo inviare un segnale da un telecomando portatile a un altro ricevitore, che l'avrebbe poi trasmesso all'otturatore della fotocamera, quindi dovevo avere i riflessi pronti perché il salto dura meno di un secondo. Per due settimane ho tenuto stretto quel telecomando, col cuore in gola, aspettando quell'attimo. Cercavamo di scegliere delle giornate nuvolose e con poco vento per dare maggiore drammaticità alla scena, per cui a volte ce ne stavamo seduti a riva per molto tempo aspettando queste condizioni, dato che non volevo mettere a repentaglio la mia attrezzatura se non per un'occasione eccezionale.

"Con un solo giorno rimasto, tutto è andato come doveva: all'improvviso uno squalo di tre metri è emerso lanciandosi in aria, ruotando all'apice del salto e mostrando un profilo perfetto. Non avrei potuto desiderare uno scatto migliore, uno che rende giustizia alle doti atletiche di questi incredibili predatori. Grandi rischi, grandi risultati".
Un'immagine frontale in bianco e nero di un grande squalo bianco che salta fuori dall'acqua con la bocca aperta, dove sono visibili diverse file di denti aguzzi.

Da quando ha scattato questa foto di uno squalo che emerge nel 1996, i lavori di Chris sono apparsi in più di 500 pubblicazioni. Questa immagine, dal titolo "Air Jaws", è tra le sue più famose. Scatto realizzato con Canon EOS-1V (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark III) e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L USM a 160 mm, 1/1250 sec e f/5.6. © Chris Fallows

La tua fotografia del 2001 di uno squalo che emerge, "Air Jaws", è diventata iconica. Che impatto ha avuto sulla tua carriera?

"Quell'immagine è apparsa sulle prime pagine dei quotidiani e sulle copertine delle riviste di tutto il mondo. All'improvviso National Geographic, Discovery Channel, la BBC e molti altri volevano che mostrassi loro gli squali. Ha lanciato la mia carriera come fotografo e conduttore di documentari che continua ancora oggi".

"Quando ho scattato quell'immagine, volevo ottenere una fotografia potente e nitida che avesse un impatto enorme. Ma il mio stile si è evoluto e ora voglio realizzare bellissime opere d'arte che catturano l'essenza di specie iconiche. Scatto immagini più ravvicinate e cerco di includere l'ambiente nel mio lavoro. Conoscendo la difficile situazione della fauna selvatica, ora mi interessa di più raccontare una storia con un significato profondo, piuttosto che catturare un momento".
Una rara immagine di un pangolino che cammina a terra con la coda distesa.

Brent Stirton: promuovere la preservazione dell'ambiente attraverso la fotografia

Il pluripremiato fotogiornalista rivela le motivazione alla base delle sue storie dedicate alla fauna selvatica, illustrando il kit che utilizza e spiegando perché è importante raccontare tutta la verità.
Un'immagine in bianco e nero, scattata dal basso, di un grosso squalo che nuota vicino alla superficie dell'oceano, con raggi di luce che penetrano nell'acqua.

Molti non sanno che gli squali hanno personalità individuali molto forti", spiega Chris. "Proprio come noi, ogni specie può avere culture e modi di fare diversi". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 8-15mm f/4L Fisheye USM a 15 mm, 1/125 sec, f/8 e ISO200. © Chris Fallows

Hai scattato "Air Jaws" con Canon EOS-1V. Quale fotocamera utilizzi attualmente?

"Adoro Canon EOS R5. Con la nuova selezione del punto di messa a fuoco a schermo intero, posso comporre la mia immagine in modo più efficace e creativo. Insieme all'autofcous eccezionale e all'incredibile frame rate, questo la rende perfetta per azioni ad alta velocità come gli squali volanti. Dal momento che creo stampe fine art di grande formato in edizione limitata, apprezzo le grandi dimensioni dei file perché mi permettono di riprodurre i miei lavori a due metri o più di larghezza.

"Quando uso la fotocamera in una custodia sulla terraferma la aziono con un telecomando, quindi la capacità di individuare un animale o, meglio ancora, l'occhio di un animale, mi permette di scattare con molto più successo.

"Un altro grande vantaggio di Canon EOS R5 è che è così silenziosa. Quando sono vicino a leoni o elefanti, fuori da un veicolo senza alcuna protezione oltre alla mia esperienza, avere un otturatore silenzioso è essenziale per non sorprendere o spaventare un animale".
Un'immagine grandangolare in bianco e nero scattata dal basso di un elefante che cammina verso la fotocamera.

Le foto in bianco e nero di Chris rispecchiano il suo approccio artistico alla fotografia di animali selvatici. "Il bianco e nero è classico e sofisticato", spiega. "Voglio che le persone comprino le mie opere in primo luogo perché le apprezzano e stimolano il loro interesse e, in secondo luogo, perché hanno un significato". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 11-24mm f/4L USM a 19 mm, 1/800 sec, f/8 e ISO500. © Chris Fallows

Le tue immagini in bianco e nero vengono apprezzate per l'atmosfera, l'intensità e l'emozione che trasmettono. Come componi queste scene evocative?

"Scelgo con attenzione il soggetto, le condizioni meteo e lo sfondo. Non è un caso che i leoni maschi che fotografo abbiano la criniera nera o siano esemplari magnifici, o che gli elefanti abbiano zanne enormi. Cerco l'esempio migliore per ogni specie.

"Non è un caso che ci siano nuvole in molti dei miei lavori, o che gli sfondi siano puliti e ordinati, senza alberi. Cerco un'estetica che valorizzi il mio soggetto primario, invece che sminuirlo. Cerco paesaggi puliti e aperti con elementi da ambiente ostile, come la terra crepata o la polvere, e poi un cielo uggioso per aggiungere atmosfera.

"Mi tengo volutamente lontano dal creare fotografie in cui gli animali stanno caricando, ringhiando o correndo. Voglio che i miei soggetti appaiano naturali, come se io non ci fossi".
Primo piano low-key del profilo di una leonessa seduta.

Per Chris, la fotografia e la tutela della fauna vanno di pari passo. Il dieci percento dei ricavi della sua edizione limitata di fotografie fine art, come questa di una leonessa, sarà devoluto a gruppi ambientalisti come WildAid, Bushlife Conservancy, Zambezi Elephant Fund, e ai progetti di ricerca sugli squali del dottor Neil Hammerschlag presso l'Università di Miami. Il restante 90% sarà destinato all'acquisto di terreni nell'Africa meridionale per il risanamento e la rinaturalizzazione. "Quando la gente vede un'immagine forte, bella o emotiva, ne rimane colpita; spero che questo porti a una valorizzazione dei soggetti", afferma Chris. Scatto realizzato con Canon EOS-1D Mark III (ora sostituita da Canon EOS-1D X Mark III) e obiettivo Canon EF 600mm f/4L IS USM a 1/160 sec, f/4 e ISO500. © Chris Fallows

Che consiglio daresti ai giovani fotografi naturalisti che vogliono creare immagini altrettanto evocative?

"Impara più che puoi sui tuoi soggetti, passa del tempo con loro, scopri come metterli a loro agio in tua presenza, rispettali. Osservando un animale, riesci a capire cosa lo infastidisce e in quali condizioni è più probabile che faccia determinate cose. Per esempio, quando voglio fotografare una caccia, osservo la preda e mi posiziono nel punto verso cui penso che il predatore correrà o nuoterà per catturarla. Se non fai così, inseguirai sempre l'azione e non sarai mai al traguardo, e spesso potresti anche cambiarne l'esito.

"Dopo osserva l'ambiente. Vuoi ottenere delle foto con un'elevata saturazione? Se è così, scatta all'alba durante la stagione verde, quando tutti i colori sono brillanti. Io ho iniziato così, otterrai molte immagini stupende. Ora io cerco le condizioni più estreme possibili per creare un'atmosfera che trasmetta la reale difficoltà di sopravvivere in luoghi del genere. Studia le stagioni e cerca di capire cosa vuoi ottenere, poi organizza i tuoi viaggi in modo che coincidano con quelle condizioni meteorologiche.

"Io e mia moglie scegliamo di andare in posti dove vive poca gente. Questo implica vivere in condizioni difficili, dormire in tenda e sopravvivere solo con l'essenziale. Il lato positivo è che passiamo molto tempo con i nostri soggetti, dandogli il tempo di abituarsi a me, spesso anche a distanza ravvicinata. Gli animali amano la stabilità: ogni volta che introduci un cambiamento devi ricominciare da capo, per cui meno variabili ci sono, meglio è. Prenditi del tempo per osservare, non guardare solo attraverso il mirino".

Scritto da Rachel Segal Hamilton


Il kit di Chris Fallows

Il kit essenziale usato dai professionisti per scattare le loro foto

Chris Fallows' kitbag containing Canon cameras, lenses and accessories.

Fotocamere

Canon EOS R5

Non importa cosa fotografi e come lo fotografi: con EOS R5 la tua creatività troverà modi di esprimersi che non avresti mai immaginato. Chris spiega: "Questa è una delle ultime aggiunte al mio kit ed è incredibile. Mi piace avere la possibilità di spostare il punto di messa a fuoco dove preferisco, il che è davvero importante per un fotografo naturalista, dal momento che permette di ottenere composizioni più creative. Adoro l'otturatore silenzioso: quando ti trovi molto vicino al soggetto ti fa sentire più al sicuro e meno invadente".

Canon EOS 5D Mark IV

Progettata per lavorare in qualsiasi situazione, EOS 5D Mark IV è una fotocamera completa realizzata in modo eccellente. "Mi piace la sua versatilità," afferma Chris. "Questa fotocamera offre un formato file perfetto per realizzare stampe fine art e può anche essere utilizzata come fotocamera d'azione. L'autofocus è ottimo e il dispositivo è leggero. Per l'uso subacqueo è possibile utilizzare la stessa custodia del modello precedente, Canon EOS 5D Mark III. Una nuova custodia costerebbe più della fotocamera, per cui questo è un grande vantaggio!".

Obiettivi

Canon RF 15-35mm F2.8 L IS USM

Cattura tutti i dettagli, anche in condizioni di scarsa illuminazione, grazie a questo luminoso zoom f/2.8 15-35mm ultragrandangolare con innesto RF e stabilizzazione dell'immagine a 5 stop, ideale in scenari in cui angolazioni innovative possono fare la differenza. Chris sostiene: "Adoro la nitidezza dell'immagine a entrambe le estremità".

Canon RF 70-200mm F2.8L IS USM

La controparte con innesto RF dell'obiettivo preferito di Chris porta le prestazioni a un livello superiore, con due motori Nano USM per una messa a fuoco continua incredibilmente rapida e silenziosa, stabilizzatore dell'immagine a 5 stop, elementi ottici avanzati per una nitidezza eccezionale e una ghiera di controllo sull'obiettivo per una maggiore libertà nel controllo di ISO, apertura e otturatore.

Canon EF 70-200mm f/2.8L IS III USM

Questo teleobiettivo zoom f/2.8, dalle prestazioni eccezionali, offre una qualità dell'immagine impareggiabile in un corpo compatto. "Questo è il mio obiettivo di base, è il mio preferito in assoluto. Mi piace avvicinarmi ai soggetti, per creare un senso di intimità, ed è perfetto per questo. Non puoi usare dei grossi strumenti su una barca, per cui questo è il mio obiettivo di riferimento per quando mi trovo nell'oceano. L'ho usato per scattare il 90% delle mie foto che sono uscite bene", afferma Chris.

Obiettivi

Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS II USM

Obiettivo zoom 100-400 mm, compatto e con prestazioni elevate, ideale per la fotografia sportiva, d'azione e naturalistica. "È l'obiettivo lungo che utilizzo di più, per la sua versatilità", sostiene Chris. "Spesso fotografo dei predatori che vengono verso di me, e questo mi permette di catturare la transizione mentre si avvicinano. La portata dell'obiettivo è fantastica".

Canon EF 600mm f/4L IS III USM

Il modello successivo al preferito di Chris è un obiettivo 600mm f/4 ultra leggero, perfetto per la fotografia naturalistica, sportiva e giornalistica di livello professionale. Chris afferma: "Quando ero più giovane, mi piaceva puntare questo grosso obiettivo fuori dal finestrino della macchina, ma oggi tutti hanno dei grossi obiettivi! Quello che amo è l'effetto bokeh, è davvero bellissimo. Isola il soggetto dallo sfondo e crea una sfocatura molto piacevole".

Canon EF 11-24 mm f/4L USM

Questo obiettivo zoom di alta qualità racchiude una gamma completa di lunghezze focali ultragrandangolari. "Mi piace di avere la possibilità di scattare immagini con il grandangolo, che è incredibilmente nitido", spiega Chris.

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro