LE STORIE

Le donne nella fotografia: Jumana Jolie e l'ascesa di Dubai

Scatto effettuato dal 124° piano di Burj Khalifa, la torre più alta del mondo. Dall'altezza mozzafiato di un punto di vista unico nel suo genere, Jumana cattura il centro di Dubai, inclusi la Dubai Fountain e il Dubai Mall. Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 14mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie

La fotogiornalista ed esperta di riprese aeree Jumana Jolie è cresciuta negli anni '80 a Dubai, quando era ancora una città nel deserto in via di sviluppo, molto prima che diventasse un'icona futuristica, con i suoi paesaggi urbani ultramoderni e i resort climatizzati di lusso.

"Ricordo com'era prima che diventasse così piacevolmente caotica e trafficata. Le autostrade e i grattacieli, che sono tra i soggetti che preferisco fotografare, si ergono sopra ciò che un tempo era una distesa di sabbia che si estendeva a perdita d'occhio", afferma Jumana. "Ricordo che guidavo verso il college, prima che venissero realizzate tutte le autostrade, e osservavo una giovane città che aveva così tanto potenziale. Ricordo di aver fotografato il Burj Khalifa nel 2007, nella fase iniziale della costruzione, con l'intenzione di confrontare i miei scatti dello skyline di allora con quelli attuali... è stimolante per me constatare quanto rapidamente la città sia cresciuta negli ultimi decenni".

Aerial shot of Dubai, taken at dusk. The view is one of the photographer's favourites.
Uno scatto verticale dell'arcipelago artificiale Palm Jumeirah, che ospita numerosi hotel, ristoranti e appartamenti di lusso. Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie
This photograph of blurred car lights was shot up against a window from one of the high rises in the residential district Dubai Marina.
"I grattacieli di Dubai possono sembrare la cosa più scontata da fotografare, ma immersi nella nebbia mattutina hanno un aspetto quasi surreale, come se fossero sospesi tra le nubi", afferma Jumana. Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie

Maestose imponenze

Jumana, che ha pubblicato sul profilo Instagram @pixelville oltre 250 foto, ha attratto un pubblico di oltre 100.000 follower da tutto il mondo grazie alle sue fotografie vertiginose scattate dai tetti delle città. Scatta da luoghi che sembrano spaventosamente pericolosi, tra torri specchiate e satinate, con la sua fotocamera Canon EOS 5D Mark III. "Gioco con le angolazioni, è tutta una questione di prospettiva", dice. "Tutto è iniziato come hobby, sulla scia della mia passione per l'architettura". Guardando verso l'alto penso: 'Wow, quell'edificio è splendido da qui, ma come sarà visto da lassù?'. Il mondo visto dall'alto è così diverso".

La sua passione per la fotografia aerea è scoppiata quando ha lavorato per Reuters, dal 2007 al 2015. "Stavamo documentando i progressi di The World e di Palm Islands, l'arcipelago artificiale della città, mentre erano in fase di costruzione, e siamo stati invitati a sorvolare l'area in elicottero", ricorda. "La mia attività non si riduce al semplice scattare foto: con ogni volo, ti eserciti a creare gli scatti nella tua mente, pensi a cosa inquadrare e a cosa ritagliare, eliminando tutti gli elementi superflui. Ovunque io vada, amo volare. Non c'è nulla di più bello che sorvolare una città e guardare ogni cosa da quella prospettiva, vedere città come New York, Los Angeles, Shanghai, ciascuna con un proprio ritmo peculiare.

"Non utilizzo un giroscopio; tengo l'obiettivo in mano fuori dal finestrino" aggiunge. "Sorvoliamo alcune aree; se hai un pilota davvero bravo, può inclinare il velivolo di 90 gradi e il tutto è comunque stabile. Pur essendo assicurata al sedile con una cintura di sicurezza, per non rischiare di essere sballottolata qua e là o scaraventata fuori dall'abitacolo, spesso mi aggrappo alla maniglia della porta e faccio scatti con una mano, a volte allungo le braccia per ottenere quella perfetta prospettiva panoramica. È quello che ho fatto quando ho fotografato New York: ho allungato il braccio e fatto scatti alla cieca".

A foggy December sunrise in Dubai taken from above the clouds – an uncommon, yet arresting, site to behold.
Scatto effettuato una mattina di dicembre, "proprio mentre la nebbia iniziava a coprire la città" afferma Jumana. "Condizioni atmosferiche di questo tipo non sono molto comuni a Dubai, si verificano una volta all'anno, forse due, se siamo fortunati. È stato un momento speciale". Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie

La sua passione per le foto documentaristiche delle città le è stata trasmessa in grande misura dal nonno, un uomo di umili origini che si è costruito da solo, fino ad arrivare a ricoprire la posizione di ingegnere civile per una società appaltatrice in Kuwait. Con la sua famiglia, negli anni '60 lasciò Gerusalemme per trasferirsi negli Emirati Arabi Uniti, con permanenze anche in Libano e in Kuwait. "Un giorno, il suo manager gli ha chiesto 'Puoi andare in questo posto nel Golfo per supervisionare un piccolo progetto?': aveva dovuto indicare il luogo con uno spillo sulla cartina per fargli vedere dove si trovasse Dubai, perché all'epoca non era riportata". Rendendosi conto del potenziale che aveva la città, avviò una propria attività edilizia, che ora è una delle principali società appaltatrici di Dubai".

Non c'è nulla di più bello che sorvolare una città e vedere il suo ritmo peculiare.

Oggi, quando Jumana guarda lo skyline di Dubai, vede quanto progresso è stato realizzato grazie all'impresa del nonno. "Quando guido, vedo le gru della sua impresa su un nuovo terreno", afferma. "Mi riempie di orgoglio e mi ispira a documentare la crescita di Dubai da quante più prospettive e punti di osservazione possibili".

La passione di Jumana non è solo fotografare Dubai: ama anche documentare la velocità di crescita e il ritmo peculiare di tutte le principali metropoli del mondo. "Con la mia fotografia voglio conquistare l'attenzione di un vasto pubblico, voglio catturare il ritmo, la pulsazione che distingue una città dall'altra. Ogni giungla urbana ha un proprio ritmo peculiare e una sorta di "caos ordinato" che, osservato e catturato attraverso il mirino, assume contorni così semplici".

A girl in a Yemen market place, taken while Jumana was working for Reuters.
Il crepuscolo è "uno dei momenti che preferisco per fare scatti e la vista da qui è una delle più speciali per me. È una testimonianza tangibile di quanto rapidamente sia cresciuta la città, come un miraggio nel deserto" afferma Jumana. Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 14mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie
A view from one of the high rises in Dubai Marina, with a long exposure of the car lights far below reflected onto the glass in a mesmerising way.
Scatto effettuato dalla vetrata di uno dei grattacieli di Dubai Marina: "l'esposizione lunga dei fari dei veicoli sulla strada si rifletteva sul vetro creando un affascinante effetto ipnotico", afferma Jumana. Realizzato con Canon EOS 5D Mark III e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie

Come ha trovato la propria nicchia

È grazie al nonno, da cui ha ricevuto in dono una fotocamera a telemetro da 35mm, che Jumana ha sviluppato la sua passione per la fotografia. "Al college, ho conseguito una Laurea in Belle Arti con specializzazione in fotografia; ottenere quella formazione classica è stata la scelta migliore che abbia mai fatto", afferma. "Dopo la laurea, ho lavorato nel campo della moda per alcuni mesi. Ma ho capito ben presto che non faceva per me, quindi ho iniziato a lavorare come freelance per i quotidiani locali. Ho iniziato con Gulf News, che poi mi ha fatto approdare a Reuters, dove documentavo storie e scattavo foto per aggiornamenti giornalistici ed eventi sportivi. Queste esperienze hanno formato la fotografa che sono oggi. Ora sono una freelance a tempo pieno. Collaboro con Getty Images come photo editor e lavoro anche su campagne pubblicitarie per clienti e marchi".

Lavorare come fotografa in Medio Oriente presenta delle sfide. "Ma sono sfide che accetto sempre con entusiasmo", afferma. "Ho lavorato sodo per trovare i miei punti di forza e migliorare le mie competenze e questo è ciò che mi ha motivata giorno per giorno. Il sostegno della mia famiglia è stato di grande ispirazione per me e mi ha dato la tenacia di fare della fotografia la mia carriera.

"Quando ho iniziato nel 2007, le donne erano decisamente una minoranza e lo siamo ancora. Quando partecipo a un evento, il 99% dei fotografi è di sesso maschile. Ci sarà forse solo un'altra donna con una fotocamera. Inizialmente questa realtà è stata un po' opprimente, ma col tempo è diventato tutto più semplice", afferma. "Quando ho iniziato ero molto giovane, quindi ero vista come la novellina di turno. C'erano tutti quei tipi che erano nel settore da anni e avevano una solida reputazione. All'inizio non venivo presa molto sul serio, ma poi ho trovato la mia collocazione e per me è diventato come entrare a far parte di una famiglia. Anche se lavori con diverse agenzie e la concorrenza è agguerrita, a ogni evento a cui partecipi troverai sempre un gruppo di fotografi che hanno rispetto gli uni degli altri".

A young Yemeni girl hides half her face from the photographer whilst smiling
Scatto effettuato quando Jumana lavorava per Reuters nella regione di Hadhramaut, Yemen. "Quando mi ha visto indossava il velo come burka e rimanevano scoperti solo gli occhi. Ma dopo la mia passeggiata l'ho notata nuovamente e si è offerta di farmi da guida nel bazar. È stato uno dei momenti più spontanei ed emozionanti che sono riuscita a catturare". Realizzato con Canon EOS 5D Mark III o obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L II USM. © Jumana Jolie

Ora Jumana si è guadagnata il rispetto a livello mondiale grazie alla popolarità che ha ottenuto il suo feed di Instagram. "Ho aperto un account social un paio di anni fa", spiega. "Ho deciso di farlo principalmente per illustrare la crescita di Dubai mediante la fotografia aerea con scatti audaci, quel tipo di immagini. Sono molto selettiva riguardo ciò che pubblico sui social media. Penso che la cosa più importante per chiunque stia intraprendendo questo percorso, o anche per i fotografi che sono già attivi sui social media, sia creare contenuti originali e autentici: devono rappresentare chi sei come artista".

Con la sua fotocamera 5D Mark III usa i suoi obiettivi preferiti, EF 16-35mm f/2.8 III USM ed EF 24-70mm f/2.8L II USM, che porta sempre con sé. "Queste lunghezze focali sono perfette, sia quando fotografo persone che grattacieli", afferma. "Ma per gli eventi sportivi utilizzo l'obiettivo EF 400mm f/2.8L IS II USM su un monopiede, dal momento che è pratico e semplice da trasportare sul campo".

Lavoro quotidiano

Nonostante Jumana sia nota per le sue riprese aeree, nel suo lavoro quotidiano si occupa di fotogiornalismo ed editing, incentrato principalmente sulla documentazione di eventi sportivi e notizie di attualità in tutto il Medio Oriente. "Si potrebbe dire che il fotografo aereo è il mio alter ego, perché amo il fotogiornalismo, in particolare mi piace occuparmi di eventi sportivi o racconti di attualità", afferma. "Ad esempio, la Primavera Araba nel 2010-2012, durante la quale ho trascorso per Reuters un periodo nello Yemen per documentare il malcontento".

Jumana sente che sta forgiando il suo carattere come fotogiornalista. "È un settore così a dominanza maschile", afferma. "Le donne sono ancora una minoranza, ma le cose stanno cambiando. Penso che abbiamo ancora molta strada da fare, ma sempre più donne stanno iniziando a riconoscere le proprie passioni e a intraprendere la carriera che desiderano". Con le sue spettacolari immagini dall'alto oppure dal livello della strada, Jumana sta intessendo questo percorso in modo innovativo e stimolante.

Per maggiori informazioni sull'ultimo modello di fotocamera Canon serie EOS 5D, visita la pagina del prodotto di Canon EOS 5D Mark IV.

Scritto da Lottie Davies


Articoli correlati

Visualizza tutto