TECNOLOGIA

Allarga i tuoi orizzonti: tutto ciò che devi sapere sulla stabilizzazione dell'immagine a 8 stop

È giunto il momento di abbandonare il treppiede? Le fotocamere Canon EOS R3, EOS R5, EOS R6 ed EOS R7 offrono fino a 8 stop di stabilizzazione dell'immagine, aprendo le porte a nuove possibilità per la creazione di foto e video.
Un'aquila reale in volo, ad ali spiegate, appena sopra un grande masso con una collina boscosa sfocata sullo sfondo.

La stabilizzazione d'immagine integrata (IBIS) nella fotocamera Canon EOS R7 collabora con la stabilizzazione ottica negli obiettivi dotati di stabilizzatore di immagine, RF o EF utilizzati con un adattatore EF-EOS R, come dimostrato dalla fotografa naturalista Dani Connor durante il suo viaggio in Spagna per fotografare specie in pericolo di estinzione. "Sono riuscita a scattare comodamente con un obiettivo lungo", rivela. "Mentre fotografavo rapaci in volo, come un'aquila reale, la stabilizzazione era incredibile. Pur utilizzando un obiettivo pesante, ho ottenuto comunque scatti stabili". Scatto realizzato con Canon EOS R7 e obiettivo Canon EF 300mm f/2.8 L II USM a 300 mm, 1/6400 s, f/2.8 e ISO800. © Dani Connor

Di tanto in tanto, sul mercato arriva una nuova tecnologia che non solo aiuta fotografi e registi a realizzare scatti che prima non erano possibili, ma migliora anche la qualità del risultato finale. Le fotocamere Canon EOS R5, EOS R6 ed EOS R3 sono le prime fotocamere Canon dotate di stabilizzazione dell'immagine integrata (IBIS) a 5 assi. Se abbinate a determinati obiettivi, offrono 8 stop di stabilizzazione dell'immagine1.

Anche il modello EOS R7 è dotato di IBIS, che offre fino a 7 stop di stabilizzazione dell'immagine con gli obiettivi RF-S.2 Tuttavia, è possibile ottenere ulteriore stabilizzazione con alcuni obiettivi full-frame. Come spiega Mike Burnhill, Product Specialist di Canon Europe: "Quando si utilizza l'obiettivo RF 28-70mm F2 L USM o RF 24-70mm F2.8 L IS USM, ad esempio, la fotocamera EOS R7 offre gli stessi 8 stop delle altre fotocamere dotate di IBIS. Anche se verosimilmente nella maggior parte dei casi EOS R7 non viene utilizzata con gli obiettivi professionali più costosi, come questi".

Questo ineguagliabile livello di prestazioni permette ai creatori di contenuti di ignorare le regole esistenti sullo scatto a mano libera, di liberarsi del treppiede, di scattare in luoghi prima inaccessibili e di catturare immagini incredibili senza vibrazioni, nonché filmati stabili.

Cosa puoi fare con 8 stop di stabilizzazione dell'immagine?

Questo innovativo sistema di stabilizzazione dell'immagine rende molto più semplice scattare con velocità otturatore ridotte e permette, ad esempio, di realizzare un effetto mosso creativo negli scatti a soggetti in movimento senza che le vibrazioni della fotocamera ne riducano la nitidezza. I fotografi che scattano in ambienti chiusi con esposizioni lunghe e aperture ridotte per una maggiore profondità di campo, possono ora scattare a mano libera con esposizioni da uno a quattro secondi (a seconda della lunghezza focale) e impostare un ISO inferiore per preservare i dettagli.

È possibile acquisire filmati molto più stabili quando si è in movimento rispetto al soggetto, come spesso accade nelle riprese dinamiche, dove i registi sono sempre più coinvolti nell'azione e si spostano da un punto all'altro.

Inoltre, ora è possibile lavorare a mano libera mantenendo l'esposizione per tempi molto più lunghi rispetto a quelli consentiti dalla "regola della reciprocità" per ridurre al minimo le vibrazioni della fotocamera (la regola stabilisce di impostare una velocità otturatore non inferiore a 1 sulla lunghezza focale selezionata, quindi a 50 mm si scatta a 1/50 secondi o meno, a 100 mm si scatta a 1/100 secondi e così via). Utilizzando la stabilizzazione, della fotocamera o dell'obiettivo, aumenta di fatto la velocità dell'otturatore consentita del numero di stop che la stabilizzazione andrà a compensare. Per esempio, 2 stop di stabilizzazione significa che è possibile scattare con velocità otturatore di almeno due stop più lente.

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Una foto aerea di acque piatte turchesi fiancheggiate da colline alberate.

La fotografa d'avventura Ulla Lohmann ha immortalato questo panorama a mano libera da un pallone aerostatico, eppure i dettagli sono incredibilmente nitidi. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8 L IS USM a 15 mm, 1/320 s, F9 e ISO400. © Ulla Lohmann

Immagine a lunga esposizione di una scia luminosa orizzontale rossa che spunta da una grotta su una scogliera, di fronte a una spiaggia.

Il fotografo commerciale Rob Payne ha utilizzato un'esposizione di quattro secondi per scattare questa impressionante foto di un drone in volo – o, più precisamente, della sua luce rossa: il drone in sé è invisibile. Anche se ha scattato a mano libera in condizioni di scarsa illuminazione e con un'esposizione così lunga, lo sfondo è comunque nitido, dalla vegetazione a ciuffi fino al cielo oltre la collina: una chiara dimostrazione dell'efficacia dello stabilizzatore d'immagine della fotocamera. Scatto realizzato con Canon EOS R6 a 24 mm, 4 s, f/5.6 e ISO1600. © Rob Payne

Questa tecnologia ha già attirato l'attenzione degli utenti. La fotografa d'avventura e ambasciatrice Canon Ulla Lohmann ha portato con sé sulle Alpi Bavaresi la fotocamera Canon EOS R5 per immortalare un gruppo di scalatori intento a calarsi in una cascata. "È un terreno avventuroso e non puoi portare un treppiede con te" afferma. "Non puoi neanche posizionare la fotocamera sulle rocce, perché sono bagnate. Volevo usare un'esposizione maggiore per avere la cascata sfocata sullo sfondo e gli scalatori a fuoco in primo piano. Ha funzionato benissimo e ho potuto scattare con un'esposizione di diversi secondi, a mano, ottenendo comunque immagini nitide".

La fotografa di moda Wanda Martin ha utilizzato la fotocamera Canon EOS R6 in ambienti poco illuminati per immortalare i movimenti di un ballerino classico tra i sontuosi palazzi di Palermo, ottenendo ottimi risultati con esposizioni molto lunghe e senza treppiede. "Sono riuscita a scattare a mano libera per quattro secondi e lo sfondo era comunque nitido. Non potevo crederci" racconta.

Per testare le capacità della fotocamera EOS R7, la fotografa e content creator Dani Connor ha visitato il Parco Naturale Sierra Morena di Andújar, in Spagna, per fotografare e filmare la lince iberica. Ha abbinato la fotocamera mirrorless APS-C, fiore all'occhiello di Canon, con una gamma di obiettivi dotati di stabilizzazione dell'immagine, tra cui Canon RF 100-500mm F4.5-7.1 L IS USM e Canon RF-S 18-150mm F3.5-6.3 IS STM.

"Ero stupefatta dalla stabilizzazione ottenuta con l'obiettivo RF-S 18-150mm F3.5-6.3 IS STM e la fotocamera", afferma. "Ho girato un video mentre camminavo ed era molto nitido. Ho ottenuto lo stesso filmando da un'auto, su una strada dissestata. Non sarei mai riuscita a fare dei video così con la mia reflex digitale".

Un giovane orangotango si aggrappa a un adulto e guarda cautamente attorno alla sua spalla.

Gli orangotanghi sono la specialità del fotografo naturalista Maxime Aliaga, che afferma che la stabilizzazione dell'immagine avanzata e le altre tecnologie della fotocamera EOS R5 offrono nuovi modi per fotografarli nelle foreste pluviali dell'Indonesia. Scatto a mano libera realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 600mm F4 L IS USM a 1/320 s, f/4 e ISO800. © Maxime Aliaga

Un piccolo uccello dai colori vivaci, un gruccione, su un ramo con un insetto in volo davanti al suo becco aperto.

Scattare in angoli remoti della giungla implica spesso l'impossibilità di pianificare, ma Maxime afferma che la stabilizzazione avanzata e le eccezionali prestazioni della fotocamera EOS R5 in condizioni di scarsa illuminazione gli consentono di reagire più rapidamente, ottenendo scatti prima impossibili da realizzare senza treppiede, come questa foto di un gruccione (Merops pusillus) nella riserva di Maasai Mara, in Kenya. Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon EF 600mm f/4 L IS III USM a 1/3200 s, f/4 e ISO1250. © Maxime Aliaga

Il fotografo naturalista Maxime Aliaga afferma che la stabilizzazione dell'immagine sofisticata e altre nuove tecnologie della fotocamera Canon EOS R5 hanno rivoluzionato il modo in cui scatta. "La combinazione di stabilizzazione della fotocamera e dell'obiettivo è fantastica. Ormai non uso quasi più il treppiede, se non per far riposare le braccia quando scatto per lunghi periodi con l'obiettivo RF 600mm F4 L IS USM".

"Fotografo spesso gli orangotanghi in Indonesia. Nelle foreste l'illuminazione è scarsa, per cui in passato utilizzavo un treppiedi per ottenere scatti stabili. Ora grazie alla stabilizzazione dell'immagine e alle prestazioni ISO della fotocamera EOS R5 posso scattare a mano libera. Posso reagire più rapidamente e realizzare scatti impossibili prima d'ora".

Anche Martin Bissig, specialista di sport d'azione, è entusiasta delle prestazioni della sua fotocamera Canon EOS R5 in condizioni di scarsa illuminazione. "Spesso uso velocità dell'otturatore più rapide per immortalare l'azione, ma quando parto per una spedizione scatto molte foto per documentare il viaggio", racconta. "Scatto spesso in situazioni in cui l'illuminazione non è delle migliori, ad esempio all'interno di un tempio o in un accampamento, di notte".

"In questi casi avere l'IBIS sulla fotocamera EOS R5 è fantastico, perché significa che non devo quasi più usare il treppiede. Mi ha permesso di scattare a mano libera per esposizioni fino a 2-3 secondi".

I vantaggi delle prestazioni rivoluzionare della stabilizzazione sono chiari. Ma come funziona questa tecnologia avanzata?

Un piccolo fuoco brilla in una grotta rocciosa, mentre il cielo notturno si riempie di stelle.

Il fotografo di sport d'azione Martin Bissig afferma di riuscire ad ottenere scatti nitidi a mano libera con la sua fotocamera EOS R5, anche con esposizioni di 2-3 secondi: "Ci vogliono un paio di tentativi e non bisogna respirare troppo profondamente, ma funziona in modo eccezionale". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8 L IS USM a 15 mm, 2 s, f/2.8 e ISO3200. © Martin Bissig

La Via Lattea e migliaia di stelle brillano nel cielo notturno sopra una capanna di legno e un sentiero.

"Viaggio spesso in bicicletta e sono sempre in movimento, per cui non posso portare un treppiede", spiega Martin. "Ma la combinazione di IBIS e stabilizzazione dell'obiettivo offre completa libertà di scatto a mano libera, permettendo di ottenere foto e filmati che prima sarebbero stati impossibili da realizzare senza un treppiede". Scatto realizzato con Canon EOS R5 e obiettivo Canon RF 15-35mm F2.8 L IS USM a 15 mm, 3,2 s, f/2.8 e ISO12800. © Martin Bissig

Stabilizzatore d'immagine dell'obiettivo e integrato nella fotocamera (IBIS)

Utilizzare le fotocamere EOS R5, EOS R6 o EOS R3 dotate di IBIS a 5 assi con obiettivi muniti di stabilizzatore consente di ottenere 8 stop di stabilizzazione dell'immagine combinata1. Ma una tecnologia non è migliore dell'altra. Esistono tipi di vibrazioni che lo stabilizzatore dell'obiettivo è in grado di correggere in modo ottimale, mentre quello della fotocamera è più attrezzato per affrontare altre condizioni. La combinazione delle due tecnologie offre la migliore prestazione in assoluto.

Quel che rende la fotocamera EOS R3 così stupefacente è che i sistemi sono in grado di lavorare insieme per offrire fino a 8 stop di stabilizzazione dell'immagine combinata quando la fotocamera scatta in modalità di scatto continuo ad alta velocità a 30 fps.

"La velocità di lettura dell'otturatore elettronico della fotocamera EOS R3 è davvero rapida" spiega Mike. "Ciò significa che puoi utilizzare una velocità dell'otturatore di circa 1/125 secondi per ottenere 30 fps. La stabilizzazione dell'immagine non solo offre un vantaggio a tale velocità dell'otturatore relativamente lenta, ma può inoltre migliorare l'acquisizione con messa a fuoco automatica. Avere la stabilizzazione dell'immagine significa una maggiore probabilità che il punto AF sia fisso sul soggetto, e che non rimbalzi attorno ad esso, migliorando così la precisione della messa a fuoco automatica a 30 fps".

La stabilizzazione ottica dell'immagine nell'obiettivo è stata sviluppata da Canon sulla gamma di obiettivi EF durante l'era delle pellicole, negli anni '90. Un giroscopio rileva i movimenti della fotocamera, mentre alcuni elementi l'interno dell'obiettivo si muovono per compensare l'oscillazione, offrendo un'immagine più stabile. La stabilizzazione ottica dell'immagine è efficace soprattutto a lunghezze focali da teleobiettivo, ed è il motivo per cui ancora oggi è molto apprezzata.

Per consentire ai fotografi di impostare velocità otturatore ancora più basse, sono stati sviluppati metodi di stabilizzazione digitale. La stabilizzazione dell'immagine combinata, vista per la prima volta nelle fotocamere mirrorless EOS M di Canon e integrata nella fotocamera Canon EOS R, sfrutta il vettore di movimento rilevato dal sensore di immagine per ottimizzare l'efficacia del sistema di stabilizzazione ottica. L'utilizzo di sistemi basati sul sensore integrati nella fotocamera è ancora più efficace nella correzione delle vibrazioni che si verificano a lunghezze focali più ampie.

La cooperazione tra il sensore e i sistemi di stabilizzazione ottica ha favorito un notevole miglioramento a tutte le lunghezze focali.

Sezione trasversale che mostra il sistema di messa a fuoco automatica all'interno di una fotocamera Canon EOS R3 e di un obiettivo RF.

Risposte alle domande sul sistema EOS R

Tutto quello che devi sapere sulla gamma di fotocamere Canon mirrorless full-frame.

I fotografi che scattano immagini fisse non sono gli unici a beneficiare della stabilizzazione dell'immagine combinata. I filmmaker sono in grado di produrre filmati a mano libera più fluidi grazie all'IS digitale filmato. "Quando attivato, consente di stabilizzare il movimento quando si cammina, in modo analogo al gimbal", spiega Mike. "Ovviamente i sistemi IS originali sono ottimi, ma non sono stati progettati specificamente per questo livello di movimento, al contrario di un sistema gimbal".

L'IS digitale filmato funziona ritagliando leggermente l'immagine, il che consente ai dati del sensore di muoversi per compensare le vibrazioni. Sono disponibili due diverse impostazioni, con un fattore di ritaglio diverso.

Nella fotocamera Canon EOS R, l'IS digitale filmato utilizza contemporaneamente i dati del sensore di immagine e dell'obiettivo, ma le fotocamere del sistema Canon EOS R dotate di IBIS combinano i tre aspetti (obiettivo, IBIS e dati digitali) per offrire una stabilità potenziata. "L'intero sistema lavora in combinazione", dice Mike, "con la stabilizzazione finale sul sensore che corregge il movimento al di là del sistema ottico".

In aggiunta, un aggiornamento firmware per i modelli EOS R5, EOS R6 ed EOS R3 migliora le prestazioni dell'IS digitale filmato quando si utilizzano obiettivi grandangolari. "L'IBIS consente al sensore di ruotare per correggere le vibrazioni, così che gli angoli dell'immagine si muovano avanti e indietro", spiega Mike. "In alcune situazioni, i bordi possono apparire più ondeggianti rispetto al centro, ma l'aggiornamento firmware della stabilizzazione digitale corregge questo movimento e permette di ottenere un'immagine più stabile".

Uno schema che mostra come lavorano insieme il sistema IS dell'obiettivo ottico e il sistema IS integrato nella fotocamera.

Sia l'obiettivo che il corpo della fotocamera sono dotati di sensori che monitorano costantemente ogni movimento; la rapida comunicazione tra fotocamera e obiettivo fa sì che i due sistemi lavorino insieme per ottenere immagini e filmati senza vibrazioni.

Uno schema che mostra l'efficacia di una combinazione di spostamento del sensore e stabilizzazione ottica dell'immagine.

Una combinazione di spostamento del sensore e stabilizzazione ottica dell'immagine offre la più efficace stabilizzazione dell'immagine a lunghezze focali ampie e da teleobiettivo, per vibrazioni lievi o forti.

Comunicazione tra obiettivo e fotocamera

Questo sistema di stabilizzazione dell'immagine riceve due input diversi: uno proveniente dal sensore della fotocamera e l'altro dall'obiettivo con stabilizzatore d'immagine.

Il sensore giroscopico all'interno dell'obiettivo misura l'angolo e la velocità di ogni oscillazione dell'obiettivo, mentre un sensore di accelerazione misura l'accelerazione del movimento. Queste informazioni vengono monitorate direttamente dal processore dell'obiettivo.

All'interno della fotocamera si trovano due sensori, uno giroscopico e uno di accelerazione, oltre a un ulteriore sensore per il vettore di movimento sul sensore immagine. Questi dati vengono gestiti dal potente processore DIGIC X della fotocamera.

Le informazioni vengono condivise in tempo reale tra l'obiettivo e il sensore, permettendo di coordinare e applicare la giusta compensazione per rimuovere ogni vibrazione. All'interno dell'obiettivo, le ottiche stabilizzate si muovono per ridurre i movimenti di imbardata e beccheggio, così come i movimenti orizzontali e verticali nel caso di obiettivi con stabilizzatore dell'immagine ibrido, quando utilizzati per scattare foto.

Nel corpo della fotocamera, il sensore viene mosso tramite un sistema magnetico ad alta precisione che riduce i movimenti orizzontali, verticali, di rollio, imbardata e beccheggio. Ciò è possibile grazie alla coordinazione in tempo reale che avviene tramite il sistema di comunicazione ad alta velocità dell'innesto RF, un vantaggio caratteristico del sistema EOS R di Canon.

Uno schema della fotocamera Canon EOS R5 che illustra una stabilizzazione dell'immagine a 5 assi.

La stabilizzazione dell'immagine integrata (IBIS) a 5 assi nelle fotocamere EOS R5, EOS R6, EOS R3 ed EOS R7 è a basso consumo e non influenza in modo significativo la vita della batteria.

Uno schema che mostra come l'ampio diametro dell'innesto RF offra al sensore grande libertà di movimento.

Grazie all'ampio diametro dell'innesto dell'obiettivo RF (1), il sensore di immagine (2) ha una maggiore libertà di movimento e offre livelli di stabilizzazione dell'immagine mai visti prima. Come evidenziato in rosso, la luce raggiunge l'intero sensore anche quando si sposta al massimo (3) per mantenere la stabilizzazione dell'immagine.

Il ruolo dell'innesto RF

La chiave di questo nuovo sistema non risiede solo negli elementi elettronici all'interno delle fotocamere, ma anche nell'innovativo innesto RF, che consente una comunicazione molto più rapida tra fotocamera e obiettivo. Perché l'IS funzioni accuratamente, l'obiettivo e la fotocamera devono condividere molti dati e l'innesto RF è progettato per comunicare in tempo reale un grande carico di informazioni.

L'altro elemento fondamentale è il design meccanico e ottico dell'innesto RF: il suo diametro di 54 mm offre al sensore più spazio per muoversi e quindi un maggiore livello di correzione delle oscillazioni.

Per gli ingegneri di Canon, le sfide più grandi sono state progettare la cooperazione tra IS ottico e IS integrato nella fotocamera e utilizzare la comunicazione ad alta velocità fra fotocamera e obiettivo per ottenerla. Il sistema richiede dati estremamente accurati, perciò sono stati aggiunti un sensore di inerzia e informazioni sul vettore di movimento.

Il diametro maggiore dell'innesto RF e la ridotta flangia posteriore hanno permesso a Canon di produrre obiettivi con un ampio cerchio immagine. Un ampio cerchio immagine offre al sensore più spazio per muoversi, senza rischiare che l'immagine venga tagliata, come invece può capitare con gli innesti più stretti. L'ampio cerchio immagine consente quindi alla stabilizzazione dell'immagine integrata della fotocamera di fornire 8 stop di stabilizzazione con obiettivi come RF 28-70mm F2 L USM e RF 85mm F1.2 L USM, che non sono dotati di stabilizzazione ottica integrata.

Poiché le fotocamere del sistema Canon EOS R sono compatibili anche con gli obiettivi EF (tramite un qualsiasi adattatore della gamma EF-EOS R), la progettazione di una stabilizzazione dell'immagine ottimale, a prescindere dal fatto che le fotocamere con IBIS vengano utilizzate con obiettivi RF o EF, con o senza stabilizzatore d'immagine, è una caratteristica davvero unica. La seguente tabella mostra il funzionamento del sistema per fornire una correzione su 5 assi, a seconda dell'obiettivo.

Come si può vedere, i fotografi e i registi che utilizzano obiettivi EF e RF esistenti e privi di stabilizzazione dell'immagine possono comunque usufruire dell'IBIS disponibile nelle fotocamere EOS R3, EOS R5, EOS R6 ed EOS R7, mentre gli obiettivi RF con IS ottico o ibrido possono beneficiare di entrambi i sistemi (anche se l'efficacia varia in base all'obiettivo).

Chiaramente, si può trarre il massimo vantaggio dall'abbinamento di fotocamera e obiettivo. In questo modo, i punti di forza di entrambi collaborano per ridurre tutte le vibrazioni della fotocamera che possono verificarsi a diverse lunghezze focali e in differenti scenari, permettendoti di reimmaginare la tecnica di scatto a mano libera e molto altro.

Scritto da Adam Duckworth and Marcus Hawkins


1 8 stop di stabilizzazione dell'immagine calcolati in base agli standard CIPA con obiettivo RF 24-105mm F4 L IS USM a una lunghezza focale di 105 mm.

2 7 stop di stabilizzazione dell'immagine calcolati in base agli standard CIPA con obiettivo RF-S 18-150mm F3.5-6.3 IS STM a una lunghezza focale di 150 mm

Articoli correlati

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro