SPORT E AZIONE

Riprese di video in realtà virtuale 3D con il rivoluzionario obiettivo Dual Fisheye di Canon

Scopri come il regista e fotografo outdoor Martin Bissig ha abbinato la sua EOS R5 all'innovativo obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE per realizzare riprese d'azione in realtà virtuale.
Un uomo va in bicicletta tra la neve, con montagne ripide e innevate sullo sfondo, indossando un casco con una fotocamera montata sulla parte anteriore.

"Canon EOS R5 con obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE è un ottimo modo per passare alla realtà virtuale 3D ed è l'opzione più semplice per chi come me non ha esperienza con la realtà virtuale", afferma il regista e fotografo outdoor Martin Bissig. "Ho già la fotocamera e l'obiettivo non costa una fortuna. Mi ha aperto nuove strade nel settore e la vedo come un enorme potenziale". Guarda lo showreel VR a 180° renderizzato di Martin su YouTube, e prova a fare il panning in ogni direzione!

Gli sport di destinazione come lo sci, lo sci alpinismo e il parapendio riguardano tanto la location quanto l'attività fisica, ma un video tende a rendere giustizia solo a uno di questi elementi alla volta. E se potessi vivere l'azione in una coinvolgente realtà virtuale 3D, con la libertà di guardarti intorno a 180°?

Martin Bissig, appassionato di mountain bike e Canon Ambassador, ha costruito la sua carriera di fotografo outdoor nella regione montuosa di Davos, in Svizzera, vicino a casa sua. Le sue immagini sorprendenti di tracciati estremi e ciclisti audaci, come il ciclista trail Danny MacAskill, sono state pubblicate in più di 20 paesi, per clienti come National Geographic e Red Bull. Che si tratti delle sue montagne svizzere, delle scogliere croate o dei deserti sabbiosi dell'Oman scolpiti dal vento, Martin è noto per gli scenari sbalorditivi delle sue foto. Sia le attività sportive estreme che l'ambiente circostante sono elementi cruciali della storia per i suoi clienti nel settore delle esperienze, la sfida per Martin è dare vita a entrambi questi elementi.

"Quando lavoro in mezzo alla natura, non è facile ricreare qualcosa con foto e video, perché si perde l'aspetto 3D e la sensazione di essere circondati dal paesaggio", sostiene. Tutto questo è cambiato grazie al rivoluzionario obiettivo Canon RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE, progettato per riprese stereoscopiche in formato VR a 180°.

"Come professionista, sono sempre curioso di provare nuove tecnologie, tecniche e attrezzature", afferma Martin. "Non conosco nessun altro obiettivo come questo e il sistema EOS VR di Canon mi offre tutto ciò di cui ho bisogno per girare in realtà virtuale. Con EOS R5 e l'applicazione EOS VR Utility di Canon, questo sistema mi permette, come fotografo e regista, di lanciarmi in un nuovo campo di lavoro".

Per la sua prima produzione con l'obiettivo Dual Fisheye, abbinato a EOS R5, che utilizza regolarmente, Martin ha girato un video VR 3D stereoscopico a 180° per l'ente del turismo di Davos, per mostrare alcune delle attività invernali che è possibile svolgere tra splendide montagne innevate, tra cui ciclismo, escursioni con le ciaspole, sci alpinismo, sci, parapendio e slittino.

Due immagini fisheye aeree affiancate di un paesaggio montano innevato, con dei piedi visibili in primo piano e la vela di un parapendio sopra.

Le riprese effettuate con l'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE su una videocamera compatibile come EOS R5 consentono di registrare sul sensore della fotocamera due visuali dell'occhio sinistro e dell'occhio destro perfettamente allineate. Questo semplifica radicalmente il processo di acquisizione stereoscopica di filmati in formato VR 3D, perché non è necessario allineare e sincronizzare con fatica fotocamere separate, regolare i colori e l'esposizione, o unire immagini separate.

Potente e portatile

EOS R5, insieme all'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE, è in grado di creare video VR 3D ad alta risoluzione con un'eccellente gamma dinamica e riproduzione dei colori grazie alle capacità del sensore full frame 8K di EOS R5. Questo è il tipo di qualità video che in precedenza era possibile ottenere solo utilizzando pesanti rig multicamera con lunghi tempi di configurazione, cosa che non è possibile quando si riprende l'azione in movimento, con una scadenza, su un terreno fisicamente impegnativo.

"Per il 75% scatto foto e per il 25% riprendo video e, dopo due anni di utilizzo, EOS R5 è ancora la migliore fotocamera che abbia mai usato per il lavoro che svolgo, in termini di qualità dell'immagine, velocità, dimensioni e peso", afferma Martin. "Ora avere la possibilità di collegare l'obiettivo VR e trasformare la mia fotocamera mirrorless preferita in una fotocamera VR è fantastico!".

"Sono rimasto sorpreso quando ho visto quanto è piccolo e compatto l'obiettivo, il che rende super facile portare in giro il kit e montarlo su un gimbal", aggiunge.

Martin ha scoperto che, oltre ad essere leggeri e portatili, la fotocamera e l'obiettivo funzionavano perfettamente al freddo e in alta quota e non richiedevano coperture o custodie protettive. Questo gli ha permesso di sperimentare diverse tecniche, tra cui le riprese a mano libera, su un gimbal e il montaggio sul casco. "Non ho usato un treppiede", spiega, "perché non si adatta alla mia idea di muovermi con il soggetto e lasciare che lo spettatore esplori l'area".

In genere, mentre riprende, Martin partecipa attivamente: quando il soggetto è su una bicicletta, lo è anche lui. "Voglio che lo spettatore senta di essere all'interno della scena e sulla bici. Quale modo migliore per farlo se non mostrare loro quello che ho visto con i miei occhi, tenendo il manubrio e pedalando sulla neve? Con un gimbal non avrebbe funzionato, ecco perché ho montato il kit su un casco specializzato".

Per altre attività, come lo sci alpinismo, il gimbal ha garantito un movimento fluido. Per i video in parapendio, Martin ha potuto girare solo a mano libera per motivi di sicurezza. "Con questa configurazione puoi girare video sportivi che non sono possibili con attrezzature più ingombranti", afferma. "Non c'è niente di più piccolo e leggero di questa configurazione [professionale] che stavo usando".

Un tecnico che indossa guanti bianchi sta pulendo il sensore di una fotocamera Canon.

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services.
Due persone in mountain bike sulla neve. Quella dietro indossa un casco con una fotocamera montata sulla parte anteriore.

Dopo diversi tentativi ed errori, Martin ha scoperto a quale distanza doveva trovarsi il soggetto e quanto movimento della telecamera sarebbe stato tollerabile per chi guardava il filmato senza che provocasse nausea. Attenendosi a questi semplici principi, ha scoperto che EOS R5 abbinata all'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE ha reso l'acquisizione di VR 3D a 180° più facile che mai.

Un uomo su uno sfondo innevato e un cielo bianco che indossa un casco con una fotocamera montata sulla parte anteriore e dei contrappesi sul retro.

"Quando ho deciso di girare in realtà virtuale e di voler dare allo spettatore la sensazione di essere sulla bici, ho saputo di dover montare la fotocamera e l'obiettivo all'altezza degli occhi, quindi mi sono procurato un casco specializzato per le riprese in bici", spiega Martin. "C'è un contrappeso sul retro per bilanciare la fotocamera e l'obiettivo. Questa configurazione è stata possibile solo con questa fotocamera e questo obiettivo: non sarebbe stata possibile nemmeno con EOS R5 C, che è leggermente più grande".

Imparare a gestire il movimento nelle riprese VR 3D

"Quello che mi piace di più del concetto di realtà virtuale per lo sport è questo: quando ti muovi in​un particolare ambiente in cui si svolge l'azione, lo spettatore ha la libertà di guardarsi intorno a 180° e goderselo", afferma Martin. "Al centro dell'attenzione non è l'atleta o lo sport stesso, ma l'intera scena".

Ci sono voluti alcuni tentativi per trovare il giusto equilibrio tra soggetto e paesaggio. "Per ottenere l'effetto 3D, ho scoperto che era meglio se il soggetto in azione si trovava a circa due metri di distanza, con un panorama suggestivo sullo sfondo per mostrare la bellezza della natura".

Lavorare così vicino a soggetti attivi, mentre anche lui era in movimento, ha richiesto una comunicazione costante e qualche esperimento su come muovere la fotocamera. Martin ha scoperto che limitare la velocità del soggetto e il grado di movimento della fotocamera aiutava a distinguere i video VR 3D coinvolgenti da quelli che provocano nausea. Dopotutto, la fotocamera è in movimento, ma gli spettatori che indossano il visore no.

Il movimento limitato ha reso alcune attività, come lo sci, molto più difficili da riprendere, mentre altre, come le ciaspolate e la mountain bike, sono state più semplici. "Ho scoperto che è meglio se seguo il soggetto in modo fluido, muovendomi in avanti, che è la direzione in cui si cammina normalmente. Se mi muovo all'indietro con il soggetto che viene verso di me, non risulta naturale per l'osservatore".

Martin ha anche dovuto resistere all'impulso di girare intorno alla scena. Con un campo visivo effettivo di circa 180°, la fotocamera riprende già tutto. "Come cameraman", spiega Martin, "devi combattere la tentazione di muoverti con la fotocamera e inquadrare il paesaggio. Sarebbe un errore. Dovresti mantenere la fotocamera il più stabile possibile e lasciare che lo spettatore decida in seguito dove vuole guardare nell'inquadratura. Se la fotocamera si muove, lo fa anche il filmato senza che lo spettatore giri la testa, rendendo difficile seguire i movimenti".

A Canon EOS R5 camera with a Canon RF 5.2mm F2.8L DUAL FISHEYE lens positioned on a mossy surface next to fallen autumn leaves.

Nuovi orizzonti: scopri il rivoluzionario obiettivo per la realtà virtuale

Creare contenuti VR tridimensionali coinvolgenti e di alta qualità a 180° è più facile che mai con l'obiettivo Canon RF 5.2 mm F2.8 L DUAL FISHEYE.
Un uomo tiene in mano un gimbal con una videocamera all'estremità e riprende una donna con dei bastoncini da sci su uno sfondo di montagne innevate.

Il campo visivo catturato dall'obiettivo Canon RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE è di circa 190° (con un output finale di 180°), quindi per i video d'azione girati a mano libera con la fotocamera montata su un gimbal deve essere tenuto lontano dal corpo, con la maniglia dietro la fotocamera, per assicurarsi che il gimbal stesso non venga inquadrato.

Un uomo con abbigliamento outdoor, casco e una borsa fotografica sul petto, tiene in mano una fotocamera con obiettivo Dual Fisheye.

Per le riprese video in condizioni di forte luminosità, come sulle montagne innevate, è possibile inserire un filtro ND direttamente nel supporto per filtri in gel incorporato nella parte posteriore dell'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE per controllare l'esposizione.

Pronto per il visore

Martin di solito gira video in 4K, ma la realtà virtuale 3D con l'obiettivo Dual Fisheye richiede la risoluzione massima di 8K della fotocamera per produrre un file VR 3D ad alta risoluzione, con una dimensione finale di 4K per occhio. Questo perché gli input dei due obiettivi, che replicano la vista dell'occhio sinistro e destro, vengono registrati simultaneamente sul sensore di EOS R5, fianco a fianco.

Per essere pronte per il visore, le immagini fisheye circolari dell'occhio destro e sinistro devono essere scambiate di posizione e convertite in due immagini 4K piatte e quadrate affiancate (la cosiddetta proiezione equirettangolare, utilizzata per l'output VR) utilizzando il software Canon EOS VR Utility. Il file VR esportato può quindi essere modificato tramite qualsiasi applicazione di editing video. In alternativa, è possibile utilizzare il plug-in EOS VR di Canon per Adobe Premiere Pro* per semplificare l'intero processo in un'unica fase, convertendo automaticamente l'immagine Dual Fisheye originale e importandola direttamente nella finestra multimediale di Adobe Premiere Pro. Una volta completata la conversione, si procede con un normale editing video. "Riprendo video con EOS R5 in Canon Log 3 con lo spazio colore BT2020, oltre al profilo LUT Canon per convertire direttamente in riprese standard Rec. 709", spiega Martin. "Se sai come eseguire il colour grading dei normali filmati della tua fotocamera, non è diverso dal colour grading dei filmati VR. Non è necessaria alcuna conoscenza aggiuntiva, è facile".

Prima del montaggio finale, Martin ha caricato alcuni dei video ripresi quel giorno sul suo visore per valutare quali sequenze funzionavano meglio in VR 3D. Ha scoperto che il kit funzionava particolarmente bene nelle scene fluide che aveva girato in parapendio, in cui lo spettatore può guardare l'attrezzatura tutto intorno e in basso, attraverso le gambe, fino al paesaggio in lontananza, per una vera esperienza di visuale in prima persona (FPV). I movimenti veloci erano più impegnativi. In una sequenza in cui lo sciatore è passato davanti alla fotocamera, il frame rate selezionato di 25 fps per l'8K di EOS R5 (PAL) ha faticato a creare un movimento fluido del soggetto. L'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE può essere utilizzato con EOS R5 C, che offre 8K a 30 fps o 60 fps (utilizzando RAW LT con un alimentatore esterno e richiedendo un diverso flusso di lavoro RAW/applicazione di conversione VR di terze parti), ma questa configurazione diventa più ingombrante e meno agile, mentre per Martin è stata tanto la portabilità quanto la qualità della fotocamera e dell'obiettivo a rendere possibile la riprese di video sportivi coinvolgenti.

Un uomo e una donna in sella a delle mountain bike nella neve con le montagne sullo sfondo, entrambi rivolti verso la videocamera. Lei indossa un casco con gli occhiali da neve abbassati, lui un casco con una videocamera montata sul davanti.

In passato, l'acquisizione in formato VR a 180° stereoscopica professionale avrebbe richiesto ingombranti sistemi multicamera. Il design compatto con innesto singolo dell'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE, abbinato a una fotocamera full frame ad alta risoluzione compatibile come EOS R5, ha permesso a Martin di creare esperienze d'azione in realtà virtuale più coinvolgenti che mai.

Due immagini fisheye affiancate di una persona in slittino, con delle montagne innevate in lontananza. Il manubrio e i piedi del regista sono visibili in primo piano.

L'obiettivo RF 5.2mm F2.8 L DUAL FISHEYE è resistente alla polvere e agli schizzi, con rivestimenti al fluoro repellenti ad acqua e sporco sulla superficie, ed è sempre pronto per l'azione. Abbinato a EOS R5, l'obiettivo consente di acquisire due immagini fisheye sfalsate, perfettamente sincronizzate e affiancate, senza bisogno di aggiustamenti.

"Per le sue dimensioni, la qualità dell'immagine dell'obiettivo con EOS R5 è incredibile", afferma. "Non c'è mai stato un momento in cui ho pensato che avrei voluto maggiori dettagli nelle riprese, con l'hardware attuale e la qualità degli occhiali VR.

Stavo riprendendo all'esterno in un ambiente soleggiato con un'apertura di circa f/13, quindi avevo una profondità di campo che andava dai miei piedi all'infinito, e tutti i dettagli erano chiari e nitidi". Ma, anche se la qualità dei dettagli è importante, sei così attratto dal mondo tridimensionale che ti guardi intorno per vivere l'intera scena invece di soffermarti su quello. La scena è così realistica che ci si sente trasportati al suo interno".

Martin ha raccolto due o tre clip di ciascuna attività in un video finale non più lungo di due minuti, per una visione confortevole. "Ora ho uno showreel che posso condividere con i potenziali clienti da vedere su un visore. È la cosa più vicina all'esperienza di un'area e di un'attività, e questo sarà il futuro".

"Direi che siamo agli albori dell'adozione della realtà virtuale e credo che questa tecnologia abbia un enorme potenziale nei settori dell'outdoor, del turismo e delle destinazioni".

*Adobe e Adobe Premiere sono marchi o marchi registrati di Adobe negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

Scritto da Tim Coleman


Articoli correlati

  • Uno sciatore vestito di turchese sul bordo di un pendio ripido, con montagne coperte di neve sullo sfondo.

    Articolo

    Come diventare fotografo sportivo: i suggerimenti dei professionisti

    Dal kit migliore a ciò che rende speciale uno scatto, tre professionisti condividono 15 suggerimenti per trasformare il proprio hobby in una carriera.

  • Un'immagine ravvicinata di una persona in una foresta che regola un obiettivo Canon RF 5.2mm F2.8 L Dual Fisheye montato su un modello Canon EOS R5.

    ARTICOLO

    Le cinque maggiori tendenze nel broadcast

    Da rivoluzionarie soluzioni per la produzione da remoto fino a innovative tecnologie immersive, sono molti gli elementi che stanno cambiando il settore broadcast.

  • Un uomo con un cappello invernale e una videocamera Canon EOS R5 C guarda verso una baia mentre il sole fa capolino tra le nuvole.

    ARTICOLO

    Fare riprese cinematografiche in viaggio con EOS R5 C

    Scopri come il filmmaker Kevin Clerc ha catturato delle immagini uniche di Madeira grazie alla videocamera ibrida e ricca di funzionalità di Canon.

  • Due schermidori che si affrontano in una stanza illuminata debolmente con luci fluorescenti, uno indossa una maschera nera, l'altro una argentata

    FILMMAKING

    Colore creativo: ecco come Canon Log migliora i tuoi progetti cinematografici

    Il regista Ivan D'Antonio spiega come usa Canon Log per ottenere il meglio dalle sue videocamere, perfezionare le riprese e realizzare la sua idea personale.

  • Leggi la newsletter

    Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro