Tutorial sulla fotografia macro

Molte fotocamere digitali compatte Canon mettono a fuoco il soggetto da una distanza minima di 1 cm, alcune permettono persino di ottenere immagini nitide anche quando l'obiettivo tocca il soggetto! Anche le fotocamere EOS consentono una messa a fuoco ravvicinata al soggetto, ma solo con gli accessori giusti. Qual è il tuo approccio alla fotografia macro?

Esplora l'eccitante mondo della fotografia macro

Close-up con le fotocamere digitali compatte

Le fotocamere digitali compatte Canon hanno una modalità "Macro" o "Super Macro". Solitamente, viene attivata premendo il pulsante sul quale è rappresentata l'icona di un piccolo fiore o selezionando la messa a fuoco macro dal menu. Le modalità macro modificano la gamma di messa a fuoco dell'obiettivo. Ad esempio, sulla PowerShot G11, la normale gamma di messa a fuoco va da 50 cm all'infinito. In modalità macro, la messa a fuoco va da 1 a 50 cm. Le due gamme vengono utilizzate per consentire una messa a fuoco più rapida.

Inoltre, alcune fotocamere compatte offrono anche una modalità "macro" digitale. In questo caso, la fotocamera ingrandisce digitalmente il centro dell'immagine per creare un close-up.

Se la fotocamera consente di scegliere tra il mirino ottico e una visualizzazione del soggetto reale sul monitor LCD, ti consigliamo di utilizzare quest'ultimo. Ciò consente di evitare problemi di parallasse con il mirino a livello degli occhi. Il monitor visualizza l'immagine creata dall'obiettivo della fotocamera, mentre il mirino mostra l'immagine prodotta da un obiettivo distinto. A una distanza normale, le due immagini sono simili, ma a una distanza ravvicinata le due lenti mostrano immagini molto diverse.

1   2  3  4

spacer
					image

Tutorial

Fotografia in bianco e nero
Fotografia d'azione
Ritratti natalizi
Fotografia notturna
fotografia d'autunno
Fotografia di paesaggi urbani