ARTICOLO

Sei funzionalità di Canon EOS R e Canon EOS RP che non avresti immaginato

 A photographer's hands hold a Canon EOS RP as she photographs a smiling woman in a dimly-lit interior.
Su Canon EOS R e Canon EOS RP, AF rilevamento occhi può essere utilizzato in modalità AF One Shot, AF Servo e AF Servo filmato, per far sì che gli occhi dei soggetti – fermi o in movimento – siano sempre perfettamente a fuoco.

La maggior parte di noi conosce le caratteristiche principali di Canon EOS R: sappiamo che si tratta di una fotocamera mirrorless full-frame con sensore Dual Pixel CMOS AF da 30. 3MP per una messa a fuoco automatica rapida e precisa e un rivoluzionario innesto RF che ha permesso lo sviluppo di una gamma di obiettivi RF veloci e ad alte prestazioni.

Probabilmente sai anche che include altre importanti caratteristiche, come uno schermo touch screen orientabile, uno scatto completamente silenzioso, una barra multifunzione personalizzabile e un adattatore per filtri drop-in opzionale da utilizzare con i tuoi obiettivi EF. E che molte di queste funzioni sono disponibili anche nella più piccola e leggera Canon EOS RP da 26.2 MP.

Tuttavia, queste eccezionali caratteristiche hanno messo in ombra altre innovazioni tecnologiche contenute nei corpi compatti di Canon EOS R e Canon EOS RP. Per approfondire un po' meglio le caratteristiche di queste fotocamere, abbiamo parlato con Mike Burnhill, Product Specialist di Canon Europe per l'imaging professionale.

C'è molto da scoprire su quanto queste innovative fotocamere possono offrire, dice Mike. "Quando viene lanciata una nuova fotocamera, evidenziamo le caratteristiche principali, ma ci sono molte altre cose nascoste che in realtà hanno un grande impatto", spiega. "A volte alcune tecnologie davvero interessanti e stupefacenti sono celate all'interno delle specifiche tecniche".

Qui sveliamo sei funzioni meno note ma significative di Canon EOS R e Canon EOS RP che forse non conosci.

A close-up view of the Canon EOS RP's display.
Il display di Canon EOS RP mostra il riquadro di messa a fuoco automatica intorno al viso del soggetto, e anche il riquadro AF rilevamento occhi intorno agli occhi del soggetto. Puoi scegliere di utilizzare AF rilevamento occhi anche mentre si seguono i movimenti del soggetto.
A portrait of a smiling woman with foreground foliage and background detail both out of focus.
Un ritratto con un primo piano e uno sfondo splendidamente sfocati, e gli occhi del soggetto nitidamente a fuoco. Scatto realizzato con Canon EOS RP e obiettivo Canon EF 50mm F1.8 STM a 1/400 sec, F2.2 e ISO100. © Jitka Smelhausova

1. Focus tracking con AF rilevamento occhi per sguardi nitidissimi

La funzione Rilevamento Viso e Tracking è presente da oltre un decennio, ma Canon ha fatto un ulteriore passo avanti con AF Rilevamento occhi, introdotta su Canon EOS RP e aggiunta a Canon EOS R attraverso un aggiornamento del firmware. Questa funzione consente alla fotocamera di identificare e bloccare la messa a fuoco sugli occhi del soggetto, che ovviamente sono il cuore dei ritratti.

"Per qualsiasi ritratto, prima di tutto cerchi di far sì che gli occhi risultino nitidi", dice Mike. "La funzione AF rilevamento del viso è ideale per ritratti a determinate distanze, ma quando ci si avvicina al soggetto c'è un punto in cui l'occhio diventa più chiaro e la profondità di campo si accentua. A quel punto, mettere a fuoco gli occhi diventa molto più importante rispetto al viso nel suo complesso.

Canon Professional Services

Disponi di un kit Canon?

Registra il tuo kit per accedere a consigli gratuiti degli esperti, assistenza per le attrezzature, eventi ricchi d'ispirazione e offerte speciali esclusive con Canon Professional Services

"AF rilevamento occhi fa tutto il possibile affinché gli occhi risultino nitidi. In questo modo, senza che la fotocamera costituisca un ostacolo tra te e l'obiettivo, puoi avvicinarti al soggetto molto più facilmente e catturare la sua espressione e le sue emozioni. Inoltre, ad esempio durante i servizi fotografici di matrimoni, ti permette di concentrarti sull'inquadratura e su ciò che accade".

Questa funzione è particolarmente utile quando si fotografano ritratti con aperture ampie con obiettivi come Canon RF 50mm F1.2L USM o Canon RF 85mm F1.2L USM. "Ora", spiega Mike, "con questi luminosi obiettivi puoi catturare tutta la magia dei ritratti, senza preoccuparti se gli occhi del soggetto siano nitidi".

AF rilevamento occhi è selezionabile dal menu quando si sceglie il punto AF. Una volta scelta la modalità rilevamento del viso, premi il pulsante Info per attivare o disattivare AF occhi. Se utilizzi AF rilevamento occhi e gli occhi del soggetto non risultano visibili per un breve periodo, la fotocamera ritorna automaticamente alla modalità AF rilevamento del viso. Quando il soggetto torna a guardare verso la fotocamera, la fotocamera torna alla modalità AF rilevamento occhi.

A cutaway image of a Canon EOS R body with an RF lens.
Il sistema mirrorless full-frame Canon EOS R, combinato con gli innovativi obiettivi RF, include una serie di tecnologie all'avanguardia e apre nuove opportunità creative per fotografi e filmmaker.

2. Fv: una nuova e flessibile modalità di esposizione

Tutti conoscono le modalità di esposizione esistenti nelle fotocamere Canon: P (Programma), Av (priorità apertura), Tv (priorità otturatore) e M (manuale). Canon EOS R e Canon EOS RP, però, offrono un'ulteriore modalità Fv (AE con priorità flessibile). In che cosa si differenzia dalle modalità di esposizione esistenti?

"Per cambiare modalità, ad esempio da P ad Av, di solito è necessario premere il pulsante 'Modalità' e passare da una modalità all'altra", dice Mike. "Questo può essere scomodo se ti trovi in una situazione in cui devi reagire rapidamente. Lo scopo di Fv è permetterti, all'interno della stessa modalità, di passare dalla gestione dell'apertura alla velocità dell'otturatore, compensazione dell'esposizione e sensibilità.

"Per me, Av va bene nel 90% dei miei scatti, ma occasionalmente si ottengono scene che confondono l'esposimetro. Ora puoi passare rapidamente da Av alla regolazione della compensazione dell'esposizione, o persino selezionare un'esposizione completamente manuale in Fv. Dopodiché, con la semplice pressione di un pulsante, puoi tornare alla modalità Av senza togliere l'occhio dal mirino".

Quando sistemi un'impostazione in Fv, le altre si regolano automaticamente per mantenere la corretta esposizione. Il controllo dell'esposizione tra queste variabili diventa quindi molto più rapido e semplice.

A close-up image of the back of a lens and the image sensor inside a Canon EOS R System camera.
Il cuore del sistema Canon EOS R è l'innovativo innesto RF, che consente di progettare nuovi obiettivi con una qualità ottica senza precedenti.

3. L'innesto RF permette una migliore stabilizzazione dell'immagine

Una caratteristica fondamentale del Sistema Canon EOS R è l'innovativo innesto RF, che comporta una distanza ridotta tra l'obiettivo e il sensore e ha consentito di sviluppare obiettivi rivoluzionari. Possiede inoltre un rivoluzionario connettore a 12 pin che permette una comunicazione a banda larga più veloce tra l'obiettivo e il corpo e migliora in vari modi la qualità dell'immagine.

"I vantaggi di questa comunicazione migliorata includono l'ottimizzazione dell'obiettivo digitale in tempo reale, in modo da poter correggere distorsioni, aberrazioni e diffrazioni senza alcun effetto sul buffer", afferma Mike. "Nelle fotocamere precedenti, quando attivavi quelle funzioni, la fotocamera veniva rallentata: non si poteva scattare con la stessa velocità, altrimenti il buffer avrebbe avuto dimensioni pari alla metà di quelle delle immagini elaborate. Ora, se le attivi o disattivi, non c'è alcuna differenza nelle prestazioni: ottieni solo immagini di qualità superiore".

A cutaway image showing a cross-section inside a Canon EOS R camera and RF lens.

Tutto quello che vuoi sapere su Canon EOS R

Mike Burnhill di Canon Europe risponde a 10 domande sul Sistema Canon EOS R, da che cos'è una fotocamera mirrorless al perché la fotocamera non ha due slot per schede.

Una comunicazione più veloce con una larghezza di banda più ampia significa che i fotografi possono accedere in tempo reale alle informazioni sulla distanza di messa a fuoco visualizzate nel mirino. Sugli obiettivi più vecchi la trasmissione non era accurata a causa di un ritardo dovuto a una velocità di trasmissione più lenta. In questo modo le impostazioni di apertura negli obiettivi RF possono essere aggiornate più rapidamente e a intervalli di incrementi più piccoli.

L'altro grande vantaggio del miglioramento della velocità di comunicazione è una migliore stabilizzazione dell'immagine. "Il sistema IS utilizzato da Canon è molto efficace, ma non raccoglie così bene le basse vibrazioni", afferma Mike. "I giroscopi nell'obiettivo rilevano movimenti come lievi oscillazioni delle mani, ma le vibrazioni basse come il battito cardiaco e le vibrazioni della respirazione non vengono riconosciute così facilmente.

"Nei modelli Canon EOS R e Canon EOS RP, il sensore è in grado di rilevare questi elementi e immettere nel sistema informazioni aggiuntive, producendo un migliore effetto di stabilizzazione dell'immagine. Anche se diciamo che è uno stabilizzatore d'immagine a 5 stop, ad esempio, in realtà è molto meglio di altri sistemi simili perché elimina sia le piccole vibrazioni che quelle più grandi, migliorando così la nitidezza dell'immagine".

A diagram showing communications between the lens microprocessor and image processor in the Canon EOS R System.
Grazie alla comunicazione ultraveloce dell'innesto RF tra obiettivo e corpo, il sistema Canon EOS R incorpora tecnologie intelligenti capaci di migliorare ulteriormente la qualità dell'immagine, compresa una migliore stabilizzazione dell'immagine e un controllo ancora più reattivo.

4. Filmati HDR con priorità delle zone luminose

Canon EOS R e Canon EOS RP consentono ai fotografi di riprendere filmati in HDR, estendendo la gamma di contrasto tra le luci più brillanti e le ombre più scure. Ma come funziona effettivamente la ripresa di filmati in HDR con queste fotocamere?

Mike spiega: "EOS R e EOS RP girano video HDR a 60 fps, ma quando riprendono a quella velocità, in realtà stanno girando due video a 30 fps con due diverse esposizioni, una sottoesposta e l'altra esposta normalmente. La fotocamera combina automaticamente questi due video. Preserva le aree illuminate, estende la gamma dinamica e permette di ottenere un video Full HD a 30 fps.

"Se stai riprendendo in situazioni ad alto contrasto, ad esempio qualcuno in un'auto con il cielo alle spalle, l'HDR fa una grande differenza. L'interno di un'auto è un'area scura e ombreggiata, e senza usare la modalità HDR il cielo verrebbe bruciato perché l'esposizione è troppo diversa. Girare in HDR su EOS R o EOS RP ti fa ottenere clip video davvero belli, pronti per l'editing, che possono essere utilizzati immediatamente, senza ulteriori elaborazioni. Rende molto semplice ottenere risultati dall'aspetto professionale".

The sun rising over a hilly landscape, with fields of crops in the foreground. Photograph by David Noton.
Questa foto di David Noton cattura l'alba di una mattina d'estate nella campagna vicino Compton Pauncefoot, a Somerset (Inghilterra). Le riprese in HDR sono ideali per catturare video di scene ad alto contrasto come questa. Scatto realizzato con Canon EOS R e obiettivo Canon EF 100-400mm F4.5-5.6L IS II USM a 200 mm, 1/8 sec, F11 e ISO200. © David Noton Photography

5. Time-lapse in 4K UHD o Full HD

I time-lapse, in cui si possono mostrare minuti o ore che scorrono in pochi secondi, sono un'alternativa creativa e popolare alle fotografie, in particolare per la fotografia naturalistica o di strada. In passato, però, erano complicati da realizzare. Tradizionalmente, un intervallometro esterno veniva inserito in una fotocamera e utilizzato come pulsante di scatto a distanza, permettendo di impostare la frequenza e il tempo di esposizione a cui volevi che la fotocamera continuasse ad esporre. Dopo le riprese bisognava utilizzare un software di editing per mettere insieme le singole immagini e realizzare un video in time-lapse.

Con Canon EOS R e Canon EOS RP è possibile creare semplicemente video time-lapse in 4K UHD o Full HD. Il software integrato consente di riprendere con intervalli di un secondo o più per un massimo di 99 ore, 99 minuti e 99 secondi, con una durata ultima fino a 3.600 fotogrammi. Uno dei grandi vantaggi di riprendere con Canon EOS R o Canon EOS RP è che il video time-lapse viene poi assemblato dalla fotocamera stessa.

Dice Mike: "Queste fotocamere hanno il timer intervallo integrato: tu imposti la tua fotocamera e scatti, le immagini vengono tutte memorizzate e unite insieme per creare alla fine il filmato. Quindi non hai bisogno di altri accessori, solo di un'alimentazione costante o di una batteria, a seconda della lunghezza del video.

"Per creare video in time-lapse più lunghi è comunque necessario utilizzare un intervallometro esterno dedicato come Canon TC-80N3, ma Canon EOS R e Canon EOS RP costituiscono un'ottima occasione per esplorare le riprese in time-lapse e prendere confidenza con l'intero processo. È sufficiente determinare l'intervallo che desideri tra le immagini e per quanto tempo vuoi riprendere, e la fotocamera si occupa di tutto il resto, con l'ulteriore vantaggio di poter girare in 4K UHD o in Full HD".

6. Bracketing della messa a fuoco: nitidezza dal primo piano allo sfondo con un semplice clic

Se vuoi ottenere immagini nitide dal primo piano allo sfondo, un modo per farlo è chiudere l'apertura e utilizzare un'esposizione lunga. "Tradizionalmente", dice Mike, "in questo modo avrai la massima profondità di campo, ma l'aspetto negativo è che ottieni quella che noi chiamiamo diffrazione, una perdita di nitidezza inversamente proporzionale all'apertura. Quando poi ci si dedica alla fotografia macro, anche con un'apertura F22, la profondità di campo è comunque troppo ridotta".

Il bracketing della messa a fuoco è utilizzato in particolare in generi come la fotografia di nature morte o di architettura. Fondamentalmente si tratta di realizzare lo stesso scatto più volte, molto rapidamente, cambiando il punto di messa a fuoco con incrementi molto piccoli, quindi combinando le immagini per ottenere un'unica foto super nitida. Potrebbe essere l'immagine di qualcosa di grande, come un edificio, o piccolo, come un fiore o un insetto.

"È una di quelle tecniche che esiste da tempo, ma prima i fotografi lo facevano manualmente", dice Mike. "Era una tecnica che dovevi prima imparare, poi saper gestire. Ora, basta accendere Canon EOS RP, capire quanto è grande l'oggetto e quante esposizioni sono necessarie, e poi puoi partire".

Canon EOS RP può effettuare fino a 199 scatti, incrementando automaticamente la messa a fuoco secondo necessità, pronta a raccogliere le immagini nel software Digital Photo Professional di Canon.

"Come altre funzioni del Sistema Canon EOS R, il bracketing della messa a fuoco si basa sull'utilizzo delle tecnologie più recenti per facilitare l'espansione della capacità creativa delle persone e ottenere stupendi risultati".

Scritto da David Clark


Articoli correlati

Visualizza tutto

Leggi la newsletter

Fai clic qui per scoprire le storie da cui trarre ispirazione e le notizie entusiasmanti di Canon Europe Pro

Registrati ora