FOTOGRAFIA NATURALISTICA

Fotografare i segreti della natura: la storia di un progetto di rewilding

Una fotografa naturalista condivide il suo viaggio documentando un progetto di rewilding e celebrando la biodiversità della natura attraverso l'obiettivo.
Un barbagianni, fotografato nel quadro di un progetto di rewilding, sorvola le cime degli alberi ad ali spiegate.

Scogliere battute dal vento, paludi lacustri e foreste tranquille: gli habitat naturali attirano i fotografi naturalisti e paesaggisti che hanno la pazienza di documentare e raccontare il cambiamento e la crescita graduale nel corso delle stagioni. A volte, però, la fotografia può documentare e celebrare un cambiamento ancora più profondo nel corso del tempo, come ad esempio il processo con cui una cava abbandonata viene reclamata dalla natura.

Gayle, la fotografa dietro il progetto Natured Secrets, ha una passione per la biodiversità e il rewilding degli spazi verdi. Ha documentato la lenta crescita di un progetto di rewilding nel Regno Unito, sulla soglia di casa, e spera che il suo lavoro possa ispirare altri a restituire una piccola area dei propri giardini alla natura.

Un progetto fotografico a lungo termine

Cespugli di erica variopinti collegano un giardino al versante della collina che si staglia contro il cielo blu.

"Per unire il giardino al paesaggio e legarlo al versante della collina, abbiamo piantato cespugli di erica", spiega Gayle. "L'abbiamo mescolata con erbe e alberi di betulla per riflettere la vegetazione della brughiera circostante, così si è integrata nel paesaggio. Tutta la roccia che ha contribuito a costruire i gradini, i banchi di erica, i sentieri e le pareti proviene dalla terra". Scatto realizzato con Canon EOS 6D Mark II e obiettivo Canon EF 24-105mm f/3.5-5.6 IS STM a 45 mm, 1/1000 s, f/4.5 e ISO 160. © Natured Secrets

La storia iniziò 20 anni fa, quando Gayle piantò un bosco accanto alla propria casa, nei monti Pennini dell'Inghilterra nord-occidentale, trasformando una cava inutilizzata e un ex allevamento di visoni in un fiorente paradiso faunistico.

Ora che il paesaggio ha accolto animali e vegetazione, soddisfa sempre più l'ambizione di Gayle di non avere confini tra il suo giardino e questa zona ripristinata, creando un luogo caratterizzato dalla natura selvatica attraverso un "viaggio di speranza".

"Quando siamo arrivati, volevo dare a questo sito a cielo aperto un "senso di luogo", per collegare il mio rapporto con questo posto all'ambiente", afferma Gayle, che ha inoltre una laurea magistrale in Scienze ed Ecologia conseguita alla Lancaster University. "Il paesaggio originale era stato trasformato dall'attività industriale, che ha lasciato dietro di sé una terra desolata. Ma da quando sono state interrotte le estrazioni, il sito ha iniziato a tornare alla natura. Una rinascita.

"Abbiamo iniziato emulando questa trasformazione e ancorando ogni giardino che creavamo all'interno del paesaggio, senza che esistesse alcun confine visibile tra uno e l'altro. Non ho mai pensato che avremmo avuto un giardino come questo. Stavamo solo 'addomesticando la natura'".

Mentre la terra inizia lentamente a recuperare, Gayle ritiene che questo processo sia perfetto per un progetto fotografico a lungo termine. "Ho studiato alla Chelsea School of Botanical Art per un paio di anni e ho sempre creduto che [la terra] meritasse di essere documentata", afferma. "Che sia in diverse riviste o in piccolo sito web, per me si tratta di qualcosa a metà tra la scienza e la creatività. È lì che speravo che le mie fotografie potessero essere un po' diverse.

"La nostra cava abbandonata porta le cicatrici del nostro passato industriale, ma la terra viene gradualmente reclamata dalla natura. In qualità di custodi di un'area che racchiude un insieme mozzafiato di storia, industria, geologia e flora e fauna selvatica, sono entusiasta di documentare il viaggio, lo sviluppo e la crescita della biodiversità della terra sfruttando la fotografia".

Relazionarsi con la natura attraverso l'obiettivo

Un giovane capriolo è parzialmente nascosto tra l'erba alta.

"Non molto tempo prima di realizzare questo scatto, abbiamo scoperto di aver perso un esemplare maschio del nostro gregge di caprioli", afferma Gayle. "Abbiamo deciso che questo giovane capriolo, che è comparso all'improvviso nell'obiettivo della fotocamera, era il nuovo aspirante alla guida del gregge. Gli è appena cresciuto il primo paio di palchi". Scatto realizzato con Canon EOS 6D Mark II e obiettivo Canon EF 600mm f/4 L IS III USM a 1/800 s, f/4.5 e ISO 200. © Natured Secrets

Un giovane falchetto è appollaiato sul ramo di un albero, circondato dal verde.

Gayle ha posizionato una casetta per falchi su un palo, in un pascolo vicino a un piccolo bosco. "Questo è il primo falchetto a involarsi dal vicino nido a casetta", afferma. "Uno dei genitori gli stava dando cibo nelle cime di questi alberi, perché il falchetto non ha ancora imparato a cacciare". Scatto realizzato con Canon EOS 6D Mark II e obiettivo Canon EF 600mm f/4 L IS III USM a 1/1250 s, f/4.5 e ISO 640. © Natured Secrets

La zona è ora animata da una ricca fauna selvatica, tra cui lepri brune, calabroni, allodole, chiurli, pavoncelle, damigelle blu comuni, falchi e caprioli, ed è quindi facile capire perché è diventata un vero paradiso per i fotografi. La gamma di paludi, praterie e boschi variopinti, insieme al prato di fieno ricco di fiori, ha attirato una grande varietà di animali selvatici.

"Negli ultimi 20 anni, abbiamo contribuito a rigenerare la terra, esponendo le sorgenti di acqua dolce per migliorare le ampie valli delle paludi e collegare gli stagni rocciosi esistenti a una serie di nuovi stagni non rivestiti", afferma Gayle.

"Abbiamo piantato boschi di alberi decidui autoctoni, guardandoli crescere e ricoprirsi lentamente di muschio vellutato che offre un'atmosfera verde e lussureggiante tutto l'anno, in grado di sostenere molte forme di vita. I rami e i tronchi sono pesantemente ricoperti di muschio che, se osservato da vicino e ingrandito, ricorda mondi perduti in miniatura".

Se scegli di documentare il tuo progetto, magari un angolo del giardino che hai restituito alla natura, assicurati di avere la fotocamera e l'obiettivo giusti. Gayle utilizza una fotocamera Canon EOS 6D Mark II, abbinata a un obiettivo macro, per catturare questi mondi microscopici. "La fotocamera ci offre la possibilità di essere tutt'uno con un organismo specifico, che si tratti di un primo piano su fiore, di un insetto o delle spore sul retro di una felce", afferma. "Inizi a vedere cose che non avevi mai notato prima, e questo mi ha reso più consapevole di come si può diventare più connessi con la natura attraverso l'obiettivo".

Imparare a "vedere" con la fotocamera

Damigelle blu comuni sono posate su una pianta acquatica, e sfumature blu e verdi si riflettono nell'acqua sottostante.

Fotografate nel grande stagno della cava, le damigelle blu sono ritratte qui mentre si riposano su una pianta acquatica, la brasca alpina (Potamogeton alpinus). Questa pianta è considerata vulnerabile in Inghilterra, in quanto si trova normalmente più a nord, nelle Highlands scozzesi. Scatto realizzato con Canon EOS 6D Mark II e obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS USM (ora sostituito da Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS II USM) a 330 mm, 1/320 s, f/6.3 e ISO 200. © Natured Secrets

Due gufi nella finestra di un fienile in pietra, mentre un terzo gufo si trova sul tetto sopra di essi.

"Questo è il fienile dei gufi, nel campo superiore: si tratta di una costruzione restaurata in pietra a secco", afferma Gayle. "Il fienile è ubicato sul fianco della collina, quindi i nuovi nati possono saltare facilmente sul versante erboso". Scatto realizzato con Canon EOS 6D Mark II e obiettivo Canon EF 600mm f/4 L IS III USM a 1/800 s, f/4.5 e ISO 2500. © Natured Secrets

Questa connessione si è rafforzata con la comparsa di una famiglia di barbagianni, in seguito ai lavori di ristrutturazione in un fienile, che Gayle e i muratori hanno ricostruito utilizzando la pietra trovata nell'ex cava. Oggi è una nuova casa per gli uccelli.

"Imparare a 'vedere' attraverso la mia fotocamera e attendere silenziosamente che i barbagianni emergano mi consente di osservare meglio", afferma Gayle. "Vedo il movimento dell'erba, il cambiamento di luce, le falene, gli uccelli e i fiori che toccano. Divento momentaneamente la preda quando l'obiettivo riprende gli artigli durante il volo, quindi la narrazione cambia di nuovo quando mi muovo. Divento il cacciatore".

Gayle utilizza una seconda fotocamera reflex full frame con una selezione di obiettivi EF più lunghi. Sfruttando un corpo della fotocamera per l'obiettivo macro e un altro per il teleobiettivo, non perde mai un momento nel passare dall'uno all'altro. Questi strumenti la aiutano a catturare cieli incredibili e uccelli in volo, come i gufi, e la stabilizzazione dell'immagine è particolarmente importante dal momento che non utilizza un treppiede.

"Ho bisogno della portata del mio favoloso EF 600mm f/4 L IS III USM per avvicinarmi ai gufi", dice. "Sono molto lontana dal sito e non c'è un posto riparato, quindi non posso semplicemente sedermi e pensare di vedere da vicino un cervo o un uccello. È difficile fotografare anche un pettirosso, perché gli alberi sono così grandi. So che otterrò i migliori scatti con il modello da 600 mm perché è nitido ed è un obiettivo fisso, mentre l'obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS II USM mi offre la possibilità di ingrandire e rimpicciolire l'immagine per catturare l'uccello in caso si stia allontanando o avvicinando a me. Ho la distanza necessaria".

Documentare il ritorno della natura oggi e in futuro

Una fotografia macro delle teste di fiore bianche e verdi di una pianta di carote selvatica, un prato fuori fuoco sullo sfondo.

"Queste piante stanno crescendo sui cumuli di rifiuti all'interno e nei dintorni della cava. Adoriamo gli ombrellini bianchi, simili al pizzo, dei fiori della carota selvatica a estate inoltrata", afferma Gayle. "Ma più avanti, a metà agosto, i piccoli baccelli verdi, simili a fagioli, si capovolgono asciugandosi e le teste di fiore si arricciano in un nido concavo per uccelli". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM a 1/640 s, f/2.8 e ISO 320. © Natured Secrets

Una fotografia macro di un calabrone che vola tra i cardi e l'erba.

"Tutto quello che posso fare è lasciare questa terra in uno stato migliore di quello in cui l'ho trovata", afferma Gayle. "Questa è la mia sfida, continuare a migliorarla. Mi piace tenerne traccia, in modo da poter vedere la differenza". Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 100-400mm f/4.5-5.6 L IS II USM a 153 mm, 1/1000 s, f/5 e ISO 640. © Natured Secrets

Gayle ha documentato il progetto di rewilding anche attraverso rilievi, fiori pressati, piante conservate nell'alcol, schizzi e acquerelli. In fin dei conti, però, ama i piccoli momenti con la fauna selvatica che si è riunita in questo luogo e apprezza enormemente i vantaggi dell'interazione con la natura per la salute mentale. "Guardare attraverso la fotocamera di prima mattina mi consente di inalare calma e tranquillità", spiega. "Posso condividere questo stato d'animo pubblicando le immagini sui social media, aiutando altre persone nell'esperienza di scorgere la bellezza che ci circonda".

Gayle incoraggia chiunque sia interessato a creare un progetto simile a iniziare con qualche albero o arbusto per attrarre uccelli e insetti. "Se puoi, pianta sempre alberi", consiglia. "Non hai bisogno di molto spazio, e in sei o sette anni avrai a disposizione un bosco in cui potrai passeggiare e sentire lo spazio".

Scritto da Lorna Dockerill

Prodotti correlati

Articoli correlati

  • Un giovane gheppio che schiamazza appollaiato su un palo in legno con le ali incurvate.

    FOTOGRAFIA NATURALISTICA

    Suggerimenti per la fotografia naturalistica

    La fotografa professionista Dani Connor condivide i suoi migliori consigli per avere successo con un aspirante giovane fotografo naturalista.

  • Un molo di legno su un lago circondato da montagne. Le nuvole si riflettono sulla superficie del lago.

    FOTOGRAFIA PAESAGGISTICA

    Gli obiettivi migliori per la fotografia paesaggistica

    Tutte le informazioni di cui hai bisogno per selezionare obiettivi a focale fissa e zoom a prezzi convenienti.

  • Un uccello dal piumaggio arancione brillante fotografato su un ramo, su uno sfondo sfocato, in un'immagine scattata con Canon EOS R6 dal fotografo naturalista Aaron Sterling.

    FAUNA SELVATICA

    Come fotografare gli uccelli

    Qualche consiglio e il miglior kit per principianti per la fotografia di uccelli.

  • Get inspired bee macro tips

    FOTOGRAFIA MACRO

    Scatta straordinarie foto macro delle api

    Come realizzare scatti macro di piccoli insetti in rapido movimento.