FOTOGRAFIA PAESAGGISTICA

Ása Steinars: guardare oltre il paesaggio per ottenere scatti perfetti

Migliora le tue fotografie paesaggistiche aggiungendo un soggetto: scopri i migliori suggerimenti per i selfie panoramici dalla fotografa d'avventura e star di TikTok islandese Ása Steinars.
Canon Camera
Ása Steinars non subisce da sempre il fascino dell'Islanda. Trasferitasi qui dalla Norvegia all'età di sette anni, all'epoca percepiva l'Islanda più come una piccola città che come un paese. Negli anni successivi, dopo aver lavorato all'estero, ha iniziato a vedere la terra del fuoco e del ghiaccio sotto una luce nuova e meravigliosa.

Oggi, le fotografie e i video delle avventure di Ása su suolo natale e straniero le fruttano un seguito di 700.000 utenti sui social media. Grazie alla sua padronanza del "selfie panoramico", che trasforma normali autoscatti in immagini maestose delle viste scandinave, i suoi account di Instagram e TikTok sono veri e propri tributi alle meraviglie eteree dell'Islanda, con i suoi crateri e vulcani, le spiagge di sabbia nera e i fiordi, i ghiacciai e le cascate.

La sua fotografia paesaggistica spesso include soggetti umani, di solito sé stessa. Non si tratta di semplici selfie, ma di invitare lo spettatore a mettersi nei suoi panni: un aspetto che sembra essere particolarmente importante per i contenuti sui social media. "Cerco di trasportare l'osservatore nell'immagine, di far emergere in lui il desiderio di andare in quei posti e vivere la natura, piuttosto che guardarla solo da lontano", afferma Ása.

Per creare questo effetto, le immagini di Steinars di solito coinvolgono uno o più sensi: si può quasi sentire il calore del fuoco acceso in una giornata fredda, il suono dell'acqua della cascata che si infrange, il sapore del caffè caldo dopo una lunga escursione. "Per me", spiega Steinars, "fotografare significa ricreare nello spettatore questa sensazione di scoperta, di felicità o semplicemente di ispirazione per uscire e scalare una montagna. La fotografia naturalistica è sempre legata all'esplorazione dell'ambiente, quindi mi piace aggiungere un soggetto umano per raccontare la storia completa che si cela dietro una foto".

Qui, Ása spiega come lavora condividendo suggerimenti per portare la tua fotografia paesaggistica a un livello superiore, così da poter vedere il mondo naturale sotto una luce completamente diversa.

Valorizza la composizione con capi d'abbigliamento dai colori sgargianti

Un uomo con una giacca arancione brillante sta in piedi sul bordo di un dirupo che si affaccia su una magnifica valle norvegese.

Ása ama aggiungere un tocco di colore alle sue immagini paesaggistiche, in genere usando abiti dai colori sgargianti come in questa foto. "Stavo facendo trekking a Senja con il mio amico e gli ho scattato questa fantastica foto sul bordo del dirupo", racconta. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 16mm, 1/1250 sec, f/2.8 e ISO200. © Ása Steinars

Due persone gustano un caffè all'aperto accanto a un piccolo falò. Sullo sfondo, una magnifica valle.

In questa immagine attentamente composta, Ása e gli amici si godono una pausa caffè durante un'escursione a Trolltunga, una spettacolare formazione rocciosa in Norvegia. La persona sulla sinistra indossa un maglione di lana islandese, motivo ricorrente nel lavoro di Ása. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 24mm, 1/200 sec, f/2.8 e ISO640. © Ása Steinars

Nel tentativo di ricreare i selfie panoramici di Ása, spesso i fotografi principianti sottovalutano l'abbigliamento. Ása utilizza abiti rossi, gialli e arancioni per scattare quando il cielo è coperto o se il soggetto è lontano. Fotografare una persona immersa nel paesaggio dona un senso di dimensionalità, mentre i vestiti sgargianti aggiungono un tocco di colore a quella che altrimenti sarebbe un'immagine piatta o monocromatica.

Ása talvolta sceglie i luoghi proprio in base all'abbigliamento. Questo aspetto è particolarmente importante quando lavora per i marchi di abbigliamento. Si assicura che il luogo dello shooting sia compatibile con il prodotto di un marchio sia in termini di composizione che di tema, ma applica gli stessi principi al suo lavoro personale.

"Cerco luoghi adatti allo stile e ai colori dei capi", racconta. "Se non opto per vestiti che risaltano all'occhio, cerco di usare abiti dello stile locale per una maggiore connessione con la natura. Ad esempio i maglioni di lana islandese. Sono molto belli da indossare, ma anche adatti alle foto naturali e perfetti per le fotografie macro del soggetto".

L'uso di capi di questo tipo contribuisce a dare un'idea del luogo e una sensazione locale all'immagine finale.

Inquadrare il soggetto nel contesto naturale

La catena montuosa di Kerlingarfjöll all'inizio dell'estate. Un uomo che indossa uno zaino è visibile in lontananza.

"Kerlingarfjöll è uno di quei luoghi che sembra più Marte che il pianeta Terra", racconta Ása riferendosi a questa immagine della famosa catena montuosa islandese. "Ho realizzato questo scatto all'inizio dell'estate, quando la neve ancora non si era sciolta del tutto". In questo scatto, il contrasto tra le montagne e la neve fa da cornice all'escursionista al centro. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM a 70mm, 1/400 sec, f/5.6 e ISO100. © Ása Steinars

Una pecora islandese che pascola su un terreno scosceso mostra curiosità per la fotocamera. Sullo sfondo, un'enorme montagna innevata.

"Ho trovato questa curiosa pecora nell'area di Westfjords alla fine dell'autunno, periodo precedente al ritiro invernale degli animali", spiega Ása. Il Westfjords è una grande penisola nella regione nord-occidentale dell'Islanda in cui le scogliere sono alte fino a 441 metri: un luogo perfetto per scattare fotografie spettacolari del paesaggio. Le montagne e la collina scoscesa consentono di inquadrare la pecora come punto focale dell'immagine. Scatto realizzato con Canon EOS 5D Mark IV e obiettivo Canon EF 24-105mm f/4L IS USM (ora sostituito dal modello Canon EF 24-105mm f/4L IS II USM) a 105mm, 1/160 sec, f/4 e ISO100. © Ása Steinars

Ása spesso utilizza elementi naturali come rocce, montagne e specchi d'acqua per inquadrare il soggetto. A volte, crea una cornice posizionando fiori sfocati in primo piano per attirare l'attenzione sul soggetto. Qualunque sia l'immagine che desideri scattare, è fondamentale che la composizione non sembri mai forzata.

"Per me è molto importante che l'immagine sia naturale e facile da fruire", afferma Ása. "Non bisogna sforzarsi di capire un'immagine quando la si vede: per questo le proporzioni devono essere corrette e l'occhio deve individuare immediatamente il soggetto anziché cercarlo".

È più facile rendere gli sfondi più visibili utilizzando un obiettivo zoom o un teleobiettivo, allontanandosi leggermente dal soggetto e quindi ingrandendo lo sfondo in modo che riempia la composizione. Allontanando il soggetto dall'obiettivo, è possibile sfruttare la messa a fuoco a distanza iperfocale per mantenere il soggetto e lo sfondo a fuoco anche in presenza di aperture ampie.

Un obiettivo zoom standard come Canon RF 24-105mm F4-7.1 IS STM vanta un intervallo focale utile per i principianti di fotografia paesaggistica, così come l'obiettivo grandangolare a focale fissa Canon RF 35mm F1.8 Macro IS STM: la qualità delle immagini che offre lo rende la scelta ideale per chiunque desideri fotografare paesaggi.

Secondo Ása è necessario sperimentare con la composizione, modificare l'angolazione e la posizione del soggetto, scattare molte foto di prova e avere pazienza. "Si tratta di trovare la cornice perfetta e a volte questo può richiedere un po' di tempo", spiega. "Consiglierei di non andare di fretta e di sperimentare con alcune angolazioni diverse e confrontarle. Magari anche cambiare obiettivo per vedere come cambia l'immagine. A volte dedico molto tempo a un'immagine, quando ha il sopravvento la perfezionista che è in me. Alla fine, ne vale sempre la pena".

Lavora con la luce a disposizione

Un uomo corre verso una jeep che lo aspetta di notte in Islanda. I fari della jeep sono accesi e illuminano una strada coperta da un manto di neve.

Per imparare a utilizzare la luce naturale e a sfruttarla a tuo vantaggio, Ása consiglia di scattare in diverse posizioni, in tutti i tipi di condizioni meteorologiche e in qualsiasi momento della giornata. "Trascorro molto tempo all'avventura in giro per l'Islanda", afferma. "Adoro l'emozione di lasciare la città e andare in viaggio con gli amici". Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 24-70mm f/2.8L II USM a 35mm, 1/125 sec, f/2.8 e ISO6400. © Ása Steinars

La fotografa paesaggistica Ása Steinars, vestita con un lungo cappotto invernale bianco, è in piedi con le mani nelle tasche immersa in un ambiente innevato.

La fotografa paesaggistica Ása Steinars a volte utilizza un riflettore quando realizza ritratti, ma generalmente preferisce "immortalare la natura così com'è". In questa immagine, l'influencer islandese indossa deliberatamente abiti di una gamma di colori abbinata all'ambiente circostante per esaltare il paesaggio naturale e incontaminato. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II (ora sostituita dal modello Canon EOS-1D X Mark III) con obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM (ora sostituito dal modello Canon EF 70-200mm f/2.8L IS III USM) a 200mm, 1/1600 sec, f/3.5 e ISO500. © Ása Steinars

Quando si tratta di selfie panoramici, per Ása è importante utilizzare la luce disponibile per migliorare l'immagine finale, che si tratti di una giornata nuvolosa o di una in cui il sole splende attraverso le nuvole.

"Guarda cosa succede quando scatti al tramonto rispetto a mezzogiorno", indica Ása, che suggerisce di provare la fotocamera in diverse condizioni per comprendere il contrasto tra luce delicata e luce intensa. In questo modo potrai iniziare a utilizzare la luce a tuo vantaggio.

Anche le nuvole possono essere diffusori validi. "Il tempo coperto e nuvoloso è comune in Islanda, oramai mi sono abituata a scattare in queste condizioni. Mi sono sempre piaciute, soprattutto per scattare foto di paesaggi come canyon e cascate, dove può tornare utile non avere troppe ombre nella foto", spiega Ása. "Dona un aspetto più morbido e consente di ottenere un'esposizione corretta sull'intera immagine".

Quando prenderai dimestichezza con la luce naturale, inizierai a notare come cambia con le stagioni. "I verdi diventano molto vivaci nelle giornate nuvolose, il che rende le fotografie estive molto belle", racconta.

La magia dello scatto da remoto e dei timer

Un uomo che indossa un impermeabile rosso, un casco arancione e scarponi da trekking si trova all'interno di una caverna di ghiaccio.

Anche se le grotte di ghiaccio dell'Islanda sono luoghi maestosi per le foto, Ása racconta di quanto sia difficile scattare qui. "La scarsa illuminazione e le gocce d'acqua che cadono dall'alto mettono davvero alla prova la fotocamera", afferma. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 16mm, 1/80 sec, f/2.8 e ISO4000. © Ása Steinars

La fotografa paesaggistica Ása Steinars, vestita con caldi abiti invernali, cammina all'interno di un'enorme grotta di ghiaccio islandese.

"Questo è uno dei miei scatti preferiti dell'Islanda", afferma Ása. "In rare occasioni, la laguna del ghiacciaio arriva a congelarsi e si può camminare sul ghiaccio ed entrare nelle grotte dell'iceberg". Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 16mm, 1/800 sec, f/2.8 e ISO320. © Ása Steinars

Ása spesso è sia fotografa che soggetto. Monta la fotocamera su un treppiedi e la attiva da remoto tramite telefono usando l'app Canon Camera Connect. Applica la messa a fuoco dallo schermo del telefono, quindi imposta il timer su due o 10 secondi per avere il tempo di mettere via il cellulare in modo che non sia presente nell'immagine finale. In sostanza, è un selfie che non sembra un selfie.

In altre occasioni, utilizza il timer integrato della fotocamera concentrandosi sul posto in cui si trova o su un oggetto di quell'area, impostando il timer e spostandosi in posizione. Quest'approccio è particolarmente utile per le esposizioni lunghe.

"Scatto molte immagini dell'aurora boreale in Islanda e lo scatto da remoto e il timer sono estremamente importanti", spiega Ása. "Lavorando con una velocità dell'otturatore lunga, è importante che la fotocamera non si muova per non sfocare lo scatto. Il pulsante dell'app Canon Camera Connect è la scelta migliore, ma in sua assenza va bene anche un timer di due secondi che consente di attenuare le vibrazioni della pressione dell'otturatore prima che l'immagine venga scattata".

Perfeziona il tuo stile con l'editing

Una catena di monti verdeggiante con una cascata al centro.

Quando si fotografano le cascate in condizioni di scarsa illuminazione, le ombre si riducono e l'intera immagine può presentare un'esposizione più uniforme. Una volta selezionata l'immagine finale, è possibile migliorarla in fase di post-produzione utilizzando un software di editing. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 16mm, 1/125 sec, f/7.1 e ISO250. © Ása Steinars

Le suggestive luci verdi dell'aurora boreale fanno da sfondo a una casa con finestre illuminate accanto a un grande specchio d'acqua.

Per aggiungere un altro elemento allo straordinario spettacolo dell'aurora boreale, Ása ha cercato un soggetto in primo piano per questa foto. "Ho trovato una casa illuminata che rende l'immagine molto più interessante", afferma. Quando si fotografa qualcosa come l'aurora boreale, è importante rivedere le immagini finali e scegliere le migliori da modificare in post-produzione. Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 16-35mm f/2.8L III USM a 16mm, 2,5 sec, f/4 e ISO3200. © Ása Steinars

"Oggi l'editing è una parte importante della fotografia", afferma Ása, "ed è molto utile guardare con attenzione le immagini in un secondo momento". Consiglia di scattare sempre in formato RAW per acquisire più dati possibili e avere maggiore flessibilità in fase di post-produzione. Gli Stili immagine predefiniti di Canon, tra cui Panorama, Neutro e Riproduzione fedele, donano alle immagini una gamma cromatica e un'atmosfera omogenee. Tuttavia, rivedendo le foto, sarà chiaro cosa va bene e cosa è necessario migliorare.

Ása consiglia a tutti i fotografi principianti di investire in software di editing fotografico come Canon Digital Photo Professional (DPP) o Adobe® Photoshop® Lightroom®. I preset disponibili sono utili, essenzialmente filtri personalizzati da utilizzare all'interno del software, ma non possono sostituire una buona conoscenza pratica della post-elaborazione.

"L'utilizzo di impostazioni predefinite può essere un buon modo per iniziare, ma non è una soluzione che garantisce immagini straordinarie", afferma. "È necessario eseguire personalmente gran parte delle modifiche, anche con preset validi".

Continua a sperimentare e a fare pratica

Una megattera emerge dall'acqua, sullo sfondo uno spettacolare skyline bianco.

Se puoi, porta la fotocamera sempre con te, suggerisce Ása: non sai mai quando puoi catturare lo scatto perfetto. "Ero in mare ad avvistare balene e all'improvviso ho sentito un gran tonfo dietro di me. Mi sono girata e una megattera è saltata fuori dall'acqua", racconta parlando di questa immagine. "Sono entusiasta di essere riuscita a immortalare l'intera sequenza della balena nell'atto di saltare". Scatto realizzato con Canon EOS-1D X Mark II e obiettivo Canon EF 70-200mm f/2.8L IS II USM a 150mm, 1/5000 sec, f/3.2 e ISO640. © Ása Steinars

Per chi è nuovo nella fotografia o chi ha poca esperienza con i paesaggi, Ása consiglia di guardare il lavoro degli altri e imparare da esso. Trova i fotografi che ti suscitano ammirazione, suggerisce, e analizza il modo in cui lavorano con la luce, compongono le immagini e trovano angolazioni creative.

Il suo più importante consiglio è semplice. "Porto con me la fotocamera praticamente ovunque vada da oltre 10 anni", svela. Più scatti, più migliori". Facile, no? Serve tempo per diventare bravi. Nessuno è fotografo per natura".
Scritto da Gary Evans

Prodotti correlati

Articoli correlati

  • Uno scatto panoramico di un albero sul lato di una collina, di fronte a un cielo viola.

    FOTOGRAFIA PAESAGGISTICA

    Consigli utili per la fotografia di paesaggi

    Scopri le tecniche di scatto per portare le foto dei tuoi paesaggi a un livello superiore.

  • Un fotografo paesaggista guarda attraverso il mirino di una fotocamera Canon EOS RP per scattare una foto dei campi.

    FOTOGRAFIA PAESAGGISTICA

    Come fotografare paesaggi a mano libera

    Impara a fotografare paesaggi suggestivi senza treppiede.

  • Prima e dopo di un paesaggio palustre, originale a sinistra e in bianco e nero a destra.

    NOZIONI DI BASE SULL'EDITING

    Come modificare le fotografie paesaggistiche per la stampa

    Tecniche di editing fotografico che trasformeranno i tuoi scatti panoramici in opere d'arte.

  • Scie luminose create di sera dai fari delle auto su un ponte curvo. La nebbia fitta, simile a delle nuvole, oscura i sostegni del ponte e il terreno sottostante.

    FOTOGRAFIA PAESAGGISTICA

    Crea scie luminose

    Come utilizzare esposizioni prolungate per creare scie luminose: i suggerimenti del vincitore della Redline Challenge di Canon.