Exposure Header

Come controllare l'esposizione

L'esposizione misura la quantità di luce che colpisce il sensore della fotocamera e determina se l'immagine finale sarà scura o chiara. Può essere controllata mediante tempo, diaframma e ISO. Modificare questi tre parametri, o uno solo, non solo influisce sull'esposizione, ma anche sull'aspetto finale della foto. 

Questo video spiega come utilizzare tempo, diaframma e ISO per ottenere la corretta esposizione e l'effetto che desideri per le tue foto.

Solitamente, la fotocamera gestisce l'esposizione quando utilizzi la modalità automatica. Tuttavia, imparare a controllare i diversi elementi che influiscono sull'esposizione ti consentirà di trovare la sicurezza necessaria per utilizzare la modalità manuale. E a questo punto, le tue immagini si distingueranno da tutte le altre.

Apertura del diaframma: le dimensioni del foro nell'obiettivo attraverso cui passa la luce. Ogni obiettivo integra una serie di impostazioni di apertura, dalle più grandi alle più piccole. La modalità Priorità diaframma (Av) ti consente di controllare l'apertura lasciando, al contempo, alla fotocamera il compito di definire l'esposizione complessiva.

Il diaframma viene misurato con i numeri f. Un'apertura più grande viene indicata da un numero piccolo, come f/2,8, e lascia penetrare più luce producendo una profondità di campo ridotta (con zone sfocate oltre il punto di messa a fuoco). Un'apertura più piccola viene indicata da un numero grande, come f/16, e lascia penetrare meno luce producendo aree perfettamente a fuoco, dal primo piano allo sfondo.

Confronto tra aperture di diaframma0,4 sec, f/16, ISO 100
Confronto tra aperture di diaframma1/250, f/1,8, ISO 100

Questi due scatti hanno un'esposizione simile, ma due aperture diverse. Scopri come utilizzare un'apertura piccola che consente di ottenere una profondità di campo superiore con un'ampia porzione dell'immagine a fuoco. L'apertura più grande dell'immagine a destra riduce la profondità di campo e la porzione a fuoco dell'immagine finale.

Tempo: l'intervallo di tempo durante il quale la luce arriva sul sensore. Viene indicato in secondi. La modalità Priorità tempo (Tv) ti consente di controllare la velocità dell'otturatore lasciando, al contempo, alla fotocamera il compito di definire l'esposizione complessiva.

Velocità elevate come 1/1000 vengono utilizzate per fermare le azioni più rapide come l'acqua che scorre. Tempi di scatto lenti vengono invece utilizzati per aggiungere movimento come l'effetto mosso dell'acqua che scorre in un ruscello.

Tempi di scatto a confronto1/1000, f/5, ISO 2000
Tempi di scatto a confronto1/2, f/16, ISO 50

Confronta questi due scatti realizzati con un'esposizione molto simile, ma con velocità dell'otturatore diverse per capire l'effetto di un tempo di esposizione lento sull'acqua che scorre. Per realizzare una lunga esposizione, devi utilizzare un treppiede o un supporto per evitare le vibrazioni della fotocamera.

Gli ISO determinano la sensibilità del sensore alla luce. Pertanto, possono essere utilizzati per amplificare la luce che colpisce il sensore e consentire una maggiore flessibilità con tempo e diaframma. Solitamente, gli ISO partono da 100 e salgono in modo proporzionale all'aumento della sensibilità.

Gli ISO possono anche deteriorare la qualità dell'immagine causando sgranature, rumore e colori non autentici nelle foto. Per questo, si consiglia solitamente di utilizzare un valore ISO il più basso possibile.

ISO a confronto1/20, f/5,6, ISO 400
ISO a confronto1/20, f/5,6, ISO 1250

La scena a destra è molto più scura di quella a sinistra. Per avere un tempo sufficientemente elevato da non richiedere l'utilizzo di un treppiede, devi incrementare gli ISO per compensare. In questo caso, il valore è 1250, che non ha influito sulla qualità dell'immagine finale.

Controllare l'esposizione significa gestire correttamente queste tre impostazioni. Ad esempio, incrementare il tempo per fermare le azioni veloci può produrre un'immagine sottoesposta. Per compensare, devi incrementare l'apertura di diaframma. Analogamente, diminuire l'apertura per massimizzare la messa a fuoco complessiva dell'immagine richiede di ridurre anche il tempo. Inoltre, puoi utilizzare gli ISO per mantenere l'esposizione. Spesso, la relazione tra questi fattori viene espressa sotto forma di triangolo.

La ghiera di compensazione dell'esposizione consente di rendere l'immagine più scura o più chiara. Un valore negativo diminuisce l'esposizione e scurisce l'immagine mentre un valore positivo incrementa l'esposizione per un'immagine più chiara.

Esposizione a confronto1/15, f/5,6, ISO 400 Esposizione -2
Esposizione a confronto1 sec, f/5,6, ISO 400 Esposizione +2

Questi due scatti hanno esposizioni chiaramente diverse nonostante vi sia la stessa quantità di luce nella scena. Lo scatto a sinistra è troppo scuro, o sottoesposto, mentre lo scatto a destra è troppo chiaro, o sovraesposto. Utilizzare la compensazione dell'esposizione consente di correggere l'esposizione.

Regolare l'esposizione in questo modo consente di ottenere effetti creativi. Scurisci le immagini per ottenere un'atmosfera più drammatica e intensificare i colori, soprattutto nella fotografia paesaggistica. Aumenta l'esposizione per illuminare le ombre e ottenere immagini più moderne.

Il bracketing dell'esposizione consente di acquisire una scena con più esposizioni diverse e scegliere in seguito l'immagine finale preferita. Scegli tra 1 e 3 stop sulla scala dell'esposizione e lascia che sia la fotocamera a effettuare le regolazioni necessarie.

La prossima volta che utilizzerai la tua fotocamera, prova a sperimentare con impostazioni diverse e scopri come valori differenti influiscono sulle immagini finali ottenute. Se hai realizzato qualche scatto di cui vai fiero, condividilo con noi caricandolo nella Galleria Canon.


Nota: in alcuni casi, i valori indicati per le immagini sono rappresentativi al fine di illustrare i diversi scatti realizzati