STAMPA

Come modificare le foto per la stampa

La nostra guida passo-passo per ottenere i migliori risultati quando stampi le tue foto.
Una donna, con un pacco di carta per stampanti Canon in una mano, esamina alcune stampe fotografiche su un tavolo di fronte a lei, con un laptop aperto accanto. Una stampante Canon è visibile su una credenza sullo sfondo.

Le stampe fotografiche sono un'idea regalo straordinaria e un prezioso ricordo. Puoi trasformare le tue foto in biglietti d'auguri personalizzati, calendari e decorazioni per la casa, oppure puoi usarle per decorare album di ritagli o personalizzare i tuoi oggetti personali con le tue immagini o i tuoi adesivi preferiti. Le stampe diventano un ricordo tangibile e duraturo dei tuoi viaggi, delle riunioni di famiglia e degli eventi più importanti della tua vita.

Puoi scegliere tra diverse app per la stampa. Per biglietti e calendari, Easy-PhotoPrint Editor di Canon ti consente di modificare, ritagliare, cambiare lo sfondo, aggiungere testo o cornici e utilizzare molti altri strumenti creativi come modelli, timbri e simboli per migliorare le immagini, e infine stamparle. L'app Canon PRINT semplifica la creazione di vari progetti di stampa, aprendo le porte a un mondo di possibilità creative.

Ma oltre esprimere la tua creatività e dare il tuo tocco personale, sicuramente vorrai ottenere stampe di qualità, con dettagli nitidi e colori fedeli alla realtà. Qui ci concentreremo su come ottimizzare le tue immagini utilizzando Digital Photo Professional (DPP) di Canon o il tuo software di editing preferito per ottenere i migliori risultati quando stampi.

Un computer portatile aperto su una scrivania con il software Canon Easy-PhotoPrint sullo schermo, carta Canon sulla sinistra e una stampante Canon sulla destra.

Easy-PhotoPrint Editor di Canon consente di aggiungere facilmente testo, cornici, motivi e altri tocchi creativi alle foto prima di stamparle con stampanti PIXMA e MAXIFY compatibili. È dotato anche dello strumento Auto Photo Fix, che consente di ottimizzare le foto per la stampa con un solo clic.

Un uomo tiene in mano una stampa di una foto del Canal Grande a Venezia, con una stampante Canon su una scrivania sullo sfondo.

Opta per un tipo di carta che valorizzi le foto dei tuoi viaggi di famiglia in luoghi speciali, garantendoti la creazione di un ricordo indelebile.

Scelta della stampante

Quale stampante utilizzare? Se stai cercando una nuova stampante, dai un'occhiata alle nostre guide sulle migliori stampanti Canon per la stampa fotografica e sulle stampanti per ogni esigenza. Per ora, supponiamo che tu stia utilizzando una stampante inkjet di buona qualità.

Un aspetto da tenere a mente è che i colori saranno più fedeli se utilizzi una stampante con più dei quattro colori di inchiostro base. Ad esempio, la stampante Canon serie PIXMA TS8750 usa sei cartucce singole, tra cui cinque inchiostri dye colorati, garantendo una qualità fotografica eccezionale con uno spazio colore e una gamma tonale migliori. Se vuoi fare davvero la differenza, Canon PIXMA PRO-200, dotata di otto cartucce dye singole, offre risultati di stampa professionali in formato A3+ a un prezzo relativamente accessibile.

Scelta della carta

Qualsiasi stampante tu stia utilizzando, è importante scegliere un tipo di carta adatto allo stile dell'immagine e al tipo di stampa desiderato. In generale, le carte lucide, come la carta fotografica lucida GP-501 di Canon, possono supportare una gamma tonale più ampia rispetto alle carte opache, rendendole una scelta ideale per foto dai colori vivaci e di qualità professionale. Le carte opache, come la carta fotografica opaca MP-101 di Canon, sono perfette per immagini dall'atmosfera più intima e a basso contrasto, soprattutto in bianco e nero. Esistono anche carte realizzate con fibre di cotone, carte stile tela e carte fine art con diverse texture e finiture, perfette per regali memorabili o decorazioni uniche.

È importante tenere presente che ogni tipo di carta ha caratteristiche diverse di assorbimento e riflessione dell'inchiostro. Per ottenere risultati ottimali, è cruciale utilizzare le impostazioni corrette durante la fase di stampa. Inoltre, per ottenere i migliori risultati, è consigliabile considerare l'uso previsto e ottimizzare l'immagine per il supporto su cui si sta stampando.

Un utente tiene in mano una stampa fotografica accanto a un laptop che mostra foto della stessa occasione. Sulla scrivania, ci sono altre foto ai lati del laptop.

I laptop più recenti tendono a rendere i colori troppo freddi (troppo blu) e vantano un rapporto di contrasto fino a un milione a uno, migliaia di volte superiore a quello di una stampa fotografica. Per ottenere una corrispondenza migliore tra ciò che si vede sullo schermo e ciò che si ottiene in stampa, ti consigliamo di ridurre la luminosità dello schermo e calibrare i colori. Come punto di partenza, regola il bianco che vedi sullo schermo in modo che corrisponda al bianco della carta che stai utilizzando.

Gestione del colore

Prima di iniziare a modificare le foto, è una buona idea calibrare il monitor, se possibile. In questo modo, le stampe saranno più fedeli a ciò che vedi sullo schermo, evitando tentativi lunghi e inutili. Il modo più efficace per farlo è utilizzare un kit di calibrazione, ma se questo rappresenta un investimento troppo grande da giustificare per stampe fotografiche occasionali, ecco alcune soluzioni rapide da provare.

Innanzitutto, spesso le stampe appaiono più scure perché i monitor rivelano più dettagli nelle zone d'ombra rispetto a quanto possa essere riprodotto nella stampa. Gli schermi moderni supportano una gamma di luminosità molto più ampia rispetto alle stampe, con un rapporto di contrasto di solito di almeno 1.000:1, spesso anche superiore. In confronto, la migliore carta fotografica lucida potrebbe raggiungere un rapporto di contrasto di 200:1 tra il nero più scuro e il bianco più brillante, mentre una carta opaca potrebbe arrivare solo a 100:1. Per ottenere un'impressione sullo schermo più accurata di ciò che si otterrà in fase di stampa, ti basterà abbassare la luminosità del monitor.

Inoltre, i display LCD moderni tendono ad avere una tonalità troppo blu, specialmente quando sono nuovi (i colori spesso diventano più caldi, più gialli, col passare del tempo). Per correggere questo problema su Windows, vai su Impostazioni > Schermo > Calibra il colore dello schermo. Su dispositivi Mac, accedi al menu Aiuto e cerca Assistente Calibrazione Schermo. Di solito, i display hanno un'impostazione predefinita del punto di bianco (temperatura del colore) di D65 o 6500K: prova a cambiarla in D50 o 5000K. In alternativa, imposta il punto di bianco in modo che il bianco sullo schermo corrisponda al bianco della carta su cui stai stampando, nelle condizioni di illuminazione in cui verrà osservato, e assicurati che la luminosità dello schermo non inganni l'occhio.

Infine, controlla le impostazioni del colore. In DPP, vai su Strumenti > Preferenze e clicca su Gestione colore. Non preoccuparti della prima opzione, Spazio dei colori di lavoro: i fotografi professionisti talvolta usano Adobe RGB, uno spazio colore più ampio, ma se le tue foto sono sRGB, non c'è alcun vantaggio pratico nel cambiarle. Nella finestra di dialogo Profilo stampa, seleziona la stampante che intendi utilizzare. DPP utilizza la gestione del colore attraverso i profili ICC per le stampanti compatibili. Questi profili contengono dettagli precisi sulle capacità di colore dei dispositivi, assicurando una fedeltà cromatica ottimale.

A questo punto, per l'intento di rendering, seleziona Colorimetrico relativo. Questa impostazione significa che se la tua immagine contiene colori al di fuori delle capacità cromatiche o della gamma di colori della stampante, saranno convertiti nei colori stampabili più vicini, mantenendo il resto dell'immagine invariato. Selezionando Percettivo, tutti i colori della tua immagine verranno modificati per mantenere le loro proporzioni, ma ciò spesso fa apparire le immagini a colori desaturate e più opache. Di solito, i colori cambiano meno con l'opzione Colorimetrico relativo.

Una schermata del software Canon DPP mostra l'aumento della luminosità in un'immagine di una coppia di sposi che si abbracciano.

Il software Digital Photo Professional (DPP) di Canon offre opzioni più avanzate rispetto alle app per smartphone, permettendo, ad esempio, regolazioni mirate su colori specifici mediante i cursori Tono, Saturazione e Luminosità per ogni gamma cromatica.

Nozioni di base sull'editing

Se lavori con un file RAW, che conserva tutti i dati cromatici e tonali catturati dal sensore, avrai maggiore spazio per le modifiche. Anche se non hai scattato in RAW, puoi comunque utilizzare DPP per migliorare l'immagine per la stampa (tenendo presente che alcune opzioni potrebbero non essere disponibili). Se parti da un file TIFF o JPEG, ti consigliamo di lavorare su una copia dell'immagine e conservare l'originale.

Nel caso dei file RAW, un ottimo punto di partenza è la correzione di eventuali aberrazioni ottiche tramite l'Ottimizzatore obiettivo digitale di DPP (per fotocamere e obiettivi supportati) o gli strumenti nel pannello Correzione obiettivo, che possono risolvere difetti come la vignettatura e le distorsioni dell'obiettivo. I file JPEG avranno già subito diverse correzioni dell'obiettivo direttamente nella fotocamera.

La versione 4.17 di DPP include il Neural Network Image Processing Tool (è necessario l'abbonamento), che sfrutta l'intelligenza artificiale per analizzare in modo intelligente le diverse aree di ogni immagine e applicare miglioramenti selettivi in base al contenuto. Questo processo è in grado di perfezionare dettagli specifici, applicare una riduzione del rumore ad alte prestazioni nelle zone meno dettagliate e correggere difetti e distorsioni causati dalle imperfezioni dell'obiettivo. Se stampi frequentemente foto o desideri stampare scatti di momenti importanti come un matrimonio, potrebbe valere la pena considerare un abbonamento.

Una schermata del software DPP di Canon mostra la foto di una sposa che si prepara. Le aree sottoesposte sono evidenziate in blu, le aree sovraesposte in rosso.

DPP è dotato di uno strumento di avviso molto utile per le luci e le ombre, che può segnalare le zone a rischio di clipping (perdita di dettagli nella gamma tonale). Le parti evidenziate in rosso indicano le aree luminose che in stampa potrebbero risultare come aree bianche senza dettagli, mentre le parti evidenziate in blu indicano le zone d'ombra che in stampa potrebbero contenere dettagli indistinguibili. Questa visualizzazione consente di regolare la luminosità e il tono in modo adeguato.

Ritaglio e perfezionamento della composizione

Infine, prendi in considerazione la composizione dell'immagine. Se stai progettando una stampa con un rapporto di aspetto diverso da quello dell'immagine originale, come ad esempio un ritratto quadrato 1x1 o un ampio paesaggio 16x9, è importante ritagliare l'immagine per assicurarti che l'inquadratura sia come desideri e che nessun elemento significativo venga eliminato. Il ritaglio può essere anche un'opportunità per apportare modifiche creative, eliminando zone indesiderate o distrazioni nell'inquadratura o focalizzando l'attenzione su un elemento specifico. Puoi anche ruotare l'immagine per aggiungere interesse o livellare un orizzonte inclinato.

L'applicazione dei principi di composizione, come la regola dei terzi, può aiutarti a creare inquadrature efficaci per guidare l'occhio. Nel caso di un ritratto, un ritaglio ravvicinato può dare maggiore impatto, ma è generalmente preferibile evitare di posizionare il soggetto esattamente al centro dell'inquadratura, poiché le composizioni asimmetriche risultano più dinamiche.

Evita di ritagliare un'area molto piccola dell'immagine, in quanto potrebbe non contenere abbastanza dettagli per una stampa soddisfacente. Detto ciò, Canon ha introdotto l'innovativo Neural Network Upscaling Tool (è necessario l'abbonamento),1 che può raddoppiare la risoluzione di un'immagine con risultati molto più fotorealistici rispetto all'upscaling convenzionale. Questo strumento, basato sulla tecnologia di elaborazione delle immagini con deep learning di Canon, potrebbe essere ideale se hai ritagliato pesantemente una foto o se la risoluzione originale non è sufficiente per la stampa in grande formato.

In alternativa, anziché ritagliare uno sfondo dettagliato che potrebbe risultare distraente, potresti valutare l'opzione di sfocarlo. A questo punto, puoi procedere applicando modifiche più creative, magari correggendo i toni del colore con la funzione Regolazione bilanciamento bianco di DPP, ritoccando imperfezioni o dettagli indesiderati, oppure sfruttando filtri e Stili Foto per dare un tocco rapido e distintivo. Puoi, ad esempio, far sembrare un'immagine scattata con una vecchia macchina fotografica monouso o darle un tocco vintage seppia, tra molte altre opzioni.

Una schermata del software Canon DPP mostra l'istogramma e altre opzioni nel pannello degli strumenti Regolazione gamma.

Nel pannello degli strumenti Regolazione gamma di DPP, se l'immagine appare troppo scura o sbiadita, prova a cliccare sul pulsante Automatica (A) sopra l'istogramma per una correzione veloce. Verifica che l'istogramma si estenda completamente da sinistra a destra, con una diminuzione graduale alle estremità. Se noti che si interrompe prima di raggiungere un'estremità (come mostrato in questo esempio), trascina i marcatori sotto di esso (B) verso l'interno fino a toccare il bordo del grafico. Questo permette alle ombre più scure di diventare nere e alle luci più luminose di diventare bianche. Questa gamma completa di tonalità scure e chiare accentuerà la ricchezza e l'intensità dell'immagine nella stampa, soprattutto su carta fotografica lucida.

Schermata del software Canon DPP che mostra i controlli nella sezione Avanzate del pannello degli strumenti, tra cui Contrasto, Saturazione del colore e Nitidezza.

La sezione Avanzate del pannello degli strumenti di DPP include controlli per la regolazione di tono, colore e nitidezza. In DPP, non è possibile mascherare aree e aumentare la nitidezza in punti specifici come in alcuni software di editing come Adobe Photoshop2. Tuttavia, utilizzando l'opzione Maschera di contrasto di DPP (disponibile per i file RAW) e mantenendo la Precisione a un livello basso e aumentando la Soglia, si può concentrare l'effetto di nitidezza esclusivamente su bordi ben definiti, evitando così di influire sulla trama della pelle e su altre aree dell'immagine che presentano meno dettagli.

Regolazione dei toni e della gamma dinamica

Se l'immagine è scura o il contrasto è basso, puoi utilizzare la funzione Ottimizzatore automatico della luce di DPP per correggere automaticamente luminosità e contrasto. Se desideri avere un maggiore controllo, apri il pannello degli strumenti Regolazione gamma di DPP. Proprio come la fotocamera, DPP visualizza un istogramma, una rappresentazione grafica dei toni dell'immagine, dal più scuro al più chiaro. Se il grafico si interrompe a una delle due estremità, significa che l'immagine è affetta da clipping, e i dettagli tonali si perdono nei punti più chiari o più scuri.

Inizia cliccando su Auto (sopra l'istogramma), che regola automaticamente il punto di bianco, il punto di nero e il punto medio, e reimposta l'Auto Lighting Optimizer e il Contrasto. A questo punto, puoi regolare manualmente luminosità, bilanciamento del bianco e altre impostazioni.

Molte persone amano aumentare la saturazione e il contrasto per dare più potenza alle immagini: per farlo, prova il pannello degli strumenti Avanzate di DPP. Puoi anche modificare l'esposizione complessiva con il cursore di regolazione della Luminosità. A volte può essere utile schiarire l'intera immagine se si stampa su carte opache, che potrebbero sembrare meno bianche. Tuttavia, è importante non esagerare: fermati quando le aree bianche appaiono bianche e non grigie. Se l'immagine inizia a sembrare innaturale, riduci l'effetto di regolazione delle ombre e delle luci utilizzando i cursori.

Se necessario, puoi sfruttare il pannello dello Strumento di regolazione parziale di DPP per regolare con precisione luminosità, contrasto, tonalità e saturazione in parti specifiche dell'immagine.

Una schermata del software DPP di Canon mostra un dettaglio di una foto di un lungofiume al tramonto con evidente rumore d'immagine nelle nuvole, visibile nella finestra dei dettagli di DPP.

Le foto scattate in condizioni di scarsa illuminazione possono essere soggette a rumore dell'immagine, soprattutto nelle zone d'ombra, e un'eccessiva nitidezza può accentuare ulteriormente questo rumore, come evidenziato nella finestra dei dettagli nel pannello destro di DPP visualizzata in primo piano.

Una schermata del software DPP di Canon mostra la stessa foto di un lungofiume al tramonto in due versioni: una con notevole riduzione del rumore e l'altra senza.

DPP fornisce strumenti di riduzione del rumore molto efficaci, in grado di intervenire sia sul rumore di luminanza (granulosità) che su quello di crominanza (chiazze di colore). Confronta i dettagli ravvicinati qui con l'originale.

Nitidezza per la stampa

La nitidezza dovrebbe sempre essere l'ultimo passo. Otterrai i risultati migliori se l'immagine è il più pulita possibile, quindi affronta prima eventuali disturbi (ed evita di riaprire e salvare ripetutamente i file JPEG, poiché la qualità dell'immagine peggiora ogni volta). Per aumentare la nitidezza o ridurre il rumore, visualizza l'immagine ingrandendola al 100% in modo da poter valutare chiaramente gli effetti.

Tutte le foto traggono vantaggio da un po' di nitidezza, poiché la stampa tende a ammorbidire le immagini. Tuttavia, l'effetto varia a seconda del tipo di carta utilizzato. Ad esempio, una stampa su tela richiederà più nitidezza rispetto a una stampa su carta semi-lucida o Luster, mentre una stampa su carta fotografica lucida ne richiederà ancora meno.

Lo strumento Nitidezza di DPP aumenta il contrasto lungo i bordi dell'immagine per creare l'illusione di maggiore nitidezza. Tuttavia, la Maschera di contrasto offre un controllo più preciso, con regolazioni separate per Intensità, Precisione e Soglia. Tuttavia, a differenza di software come Photoshop, in DPP lo strumento Maschera di contrasto è disponibile solo per i file RAW.

Indipendentemente dagli strumenti utilizzati, è fondamentale applicare la nitidezza in modo selettivo: evita di aumentare la nitidezza in aree dove desideri transizioni delicate, tonalità della pelle uniformi o sfondi sfocati. Una nitidezza eccessiva nelle aree di colore piatto potrebbe introdurre un fastidioso rumore d'immagine. Con Neural Network Upscaling Tool di DPP 4.17, i dettagli più precisi e le texture possono essere resi automaticamente più nitidi per ottenere un effetto ottimale, mentre le aree relativamente poco dettagliate di un'immagine avranno gradazioni uniformi e un aspetto privo di rumore.

Impostazioni per una stampa ottimale

Pronto a stampare? Anziché selezionare semplicemente Stampa, vai su File > Stampa con impostazioni dettagliate. Lascia la risoluzione a 350 dpi, la configurazione predefinita di DPP per la stampa. Per ottenere i risultati migliori, assicurati sempre di impostare la Qualità di stampa su Alta. Utilizzare le corrette impostazioni delle Preferenze (come sopra) dovrebbe gestire al meglio la corrispondenza dei colori, ma nel menu a tendina Tipo di carta è fondamentale selezionare la carta che stai utilizzando: la scelta errata potrebbe vanificare tutto il lavoro svolto.

Segui questa guida per ottenere sempre il massimo dalle tue foto e produrre stampe che sarai felice di esporre o condividere, e dai un'occhiata ai suggerimenti di un professionista per esporre le fotografie di famiglia.


Scritto da Alex Summersby

  1. Neural Network Upscaling Tool è disponibile solo per Windows e richiede un abbonamento (è possibile provarlo gratuitamente per un mese). Se si è già abbonati a Neural Network Processing Tool, l'utilizzo di Neural Network Upscaling Tool non richiede un abbonamento aggiuntivo.
  2. Adobe e Photoshop sono marchi o marchi registrati di Adobe negli Stati Uniti e/o in altri Paesi.

Prodotti correlati

Articoli correlati

  • NOZIONI DI BASE

    Scattare foto destinate alla stampa

    Sette consigli utili per immortalare ricordi da stampare e conservare.

  • NOZIONI DI BASE SULL'EDITING

    Come modificare foto speciali

    Valorizza i tuoi scatti in occasioni speciali con questi semplici suggerimenti per l'editing fotografico.

  • FOTOGRAFIA DI MATRIMONIO

    Crea il tuo album di foto nuziali

    Realizzare l'album di foto nuziali può essere davvero soddisfacente. Scopri come farlo, grazie ai consigli dei nostri esperti.

  • EDITING FOTOGRAFICO/POST-PRODUZIONE

    Modificare immagini RAW con DPP

    Scopri come modificare, perfezionare e valorizzare le tue foto in formato RAW con il software Canon DPP.